Home / Etichette & Prodotti / L’industria alimentare britannica fallisce l’obiettivo di riduzione dello zucchero, concordato con il governo

L’industria alimentare britannica fallisce l’obiettivo di riduzione dello zucchero, concordato con il governo

zuccheroLargamente fallito il primo obiettivo che il governo britannico aveva posto verso il raggiungimento di una riduzione volontaria da parte dell’industria del 20% dello zucchero contenuto in nove categorie di alimenti: biscotti, torte, budini, cereali, cioccolatini, caramelle, yogurt, creme e gelati. La riduzione del 20%, rispetto al 2015, dovrebbe essere raggiunta entro il 2020 e prevedeva una prima diminuzione del 5% da realizzare entro il 2017, che invece è stata complessivamente solo del 2%, con differenze tra le varie categorie di alimenti.

La riduzione del 5%, diminuendo il contenuto di zucchero o riducendo la dimensione delle porzioni, è stata raggiunta in creme, yogurt e cereali per colazione, mentre non c’è stata alcuna diminuzione in biscotti e barrette di cioccolato. Il contenuto di zucchero nei budini è addirittura aumentato. Secondo il ministro della Salute britannico, Steve Brine, tuttavia, “è incoraggiante vedere che alcuni progressi sono stati fatti nel primo anno”, anche se non vengono escluse ulteriori azioni.

Già un anno fa, l’industria aveva attaccato l’obiettivo governativo di riduzione del 20% al 2020, giudicandolo tecnicamente non possibile o accettabile per i consumatori del Regno Unito. La posizione dell’industria ha sollevato la reazione delle organizzazioni dei consumatori e di quelle che operano nel campo della salute, che avevano accusato la Premier Theresa May di lassismo nella lotta all’obesità, che richiederebbe norme vincolanti e non iniziative volontarie.

E infatti, dal rapporto in cui Public Health England, agenzia del Dipartimento della salute del Regno Unito, pubblica i primi risultati della riduzione volontaria, emerge una ben diversa efficacia di una misura vincolante come quella della tassa sulle bevande zuccherate, entrata in vigore all’inizio di aprile e che ha già prodotto effetti, grazie alla possibilità di non essere sottoposti alla nuova misura fiscale se il contenuto di zucchero è inferiore a 5 grammi in 100 ml. Dal rapporto emerge che la riduzione media dello zucchero nelle bevande è stato dell’11%.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

Diet food concept - cake with sign sugar free

I cibi “senza” non crescono più: calano i prodotti senza conservanti, salgono quelli senza zuccheri aggiunti. I dati dell’Osservatorio Immagino

Battuta di arresto per i prodotti ‘senza’, una delle tendenze di maggior successo degli ultimi …

2 Commenti

  1. Aumentassero di parecchio la sugar tax, e quando quella spazzatura a basso costo in foto costerà dieci volte tanto la ggggente ci penserà prima di comprarla.
    Inutile spiegare le conseguenze sulla salute, la ggggente capisce solo se gli tocchi il portafoglio.