Un lettore ci scrive per avere una risposta un suo dubbio sui Baci Perugina. Di seguito pubblichiamo la domanda del lettore e a seguire la risposta della Nestlé, la ditta proprietaria del marchio.

La lettera sui Baci Perugina

Sono un grande appassionato di cioccolato fondente e ho sempre apprezzato per la qualità dei Baci Perugina classici che però non mangio da qualche anno. In questi giorni un vicino di casa mi ha portato una scatola di Baci e la cosa mi ha fatto molto piacere. Il sapore è inconfondibile ed è lo stesso di prima. Devo però rilevare due cose. La prima riguarda l’esagerato volume della confezione costituita da carta e plastica pari ad almeno 5 volte quella dei cioccolatini. La seconda è meno evidente e riguarda il peso dei singoli Baci. Secondo me è diminuito del 10-20%. Sono più piccoli di quelli che ricordavo e la stessa sensazione l’hanno avuta i miei familiari. Si tratta di un caso di shrinkflation (termine in inglese che in italiano viene tratto con la parola sgrammatura)?

La confezione da 250 grammi con 20 Baci Perugina
La confezione da 250 grammi con 20 Baci Perugina

La risposta della Nestlé

La ringraziamo per la sua preferenza da sempre dimostrata per i Baci Perugina. La ricetta di Baci Perugina, come anche da lei sottolineato, è contraddistinta da solo 8 ingredienti e rimane sempre la stessa, come il suo inimitabile gusto. La dimensione dei Baci è stata rivista nel 2019 per migliorare l’esperienza di gusto e incontrare le rinnovate esigenze dei nostri consumatori, sia in Italia che all’estero. Il peso dei Baci prima era di 14,3 g mentre adesso ogni cioccolatino pesa 12,5 g. In merito alle dimensioni della confezione, premesso che evidenziamo il nostro impegno per ridurre l’utilizzo dei materiali di imballaggio e per rendere i nostri imballaggi sempre più facilmente riciclabili se conferiti correttamente nella raccolta differenziata, precisiamo che i Baci sono disponibili sia in confezioni molto ridotte, sia in confezioni regalo, come quella a lei donata, che notoriamente tendono ad essere più “importanti” rispetto a quelle per un consumo più corrente.

L’opinione della redazione

Anche noi ringraziamo Perugina per le informazioni. Dobbiamo però constatare che forse il lettore ha ragione quando parla di shrinkflation, il metodo adottato da alcune aziende che riducono il peso del prodotto (nel nostro caso il Bacio Perugina) mantenendo lo stesso prezzo. Il consumatore spesso non si accorge della novità perché come in questo caso la riduzione del peso è del 12,5%. Per quanto riguarda la confezione, giustamente giudicata troppo voluminosa dal lettore, va precisato che i baci contenuti costano circa 40 euro al chilo.

© Riproduzione riservata.

Siamo un sito di giornalisti indipendenti senza un editore e senza conflitti di interesse. Da 13 anni ci occupiamo di alimenti, etichette, nutrizione, prezzi, allerte e sicurezza. L'accesso al sito è gratuito. Non accettiamo pubblicità di junk food, acqua minerale, bibite zuccherate, integratori, diete. Sostienici anche tu, basta un minuto.

Dona ora

3.9 12 voti
Vota
25 Commenti
Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Giancarlo
Giancarlo
5 Febbraio 2024 15:24

Confermo che è tutta è solo furbizia, in precedenza esistevano i baci e i bacetti con confezione differente. In seguito il bacetto ha preso il posto del bacio e il gioco è fatto.

Gianluca
Gianluca
11 Febbraio 2024 13:42

Meno peso, più prezzo