Home / Richiami e ritiri / Allerta alimentare per aflatossine oltre i limiti, richiamati pistacchi e mix di frutta secca

Allerta alimentare per aflatossine oltre i limiti, richiamati pistacchi e mix di frutta secca

Il ministero della Salute ha segnalato il richiamo di alcuni lotti di pistacchi crudi sgusciati e di frutta secca mista con pistacchi Winner Mix perché i livelli di “aflatossine superano i limiti stabiliti dal regolamento UE 165/2010”. I prodotti interessati dall’allerta alimentare sono i seguenti:

  • Pistacchio crudo sgusciato in vassoio bio da 140 grammi con il numero di lotto 211018056 e il termine minimo di conservazione (Tmc) 31/10/2022;
  • Winner Mix “Frutta che Passione” in confezione da 250 grammi con il numero di lotto 211015002 e il Tmc 31/10/202;
  • Winner Mix Spreafico in vaschetta da 250 grammi con il numero di lotto  211018047 e il Tmc 31/10/2022.

I pistacchi e i mix di frutta secca oggetto di allerta alimentare sono stati prodotti dall’azienda Mainardi Nicola Srl nello stabilimento di via Porte di Sopra 57, a Lendinara, in provincia di Rovigo.

A scopo precauzionale, si raccomanda di non consumare i prodotti con i marchi e i numeri di lotto segnalati, e restituirli al punto vendita d’acquisto.

Dal 1° gennaio 2021, Il Fatto Alimentare ha segnalato 226 richiami, per un totale di 415 prodotti. Per vedere tutte le notifiche clicca qui.

© Riproduzione riservata Foto: ministero della Salute

Da 12 anni Ilfattoalimentare racconta cosa succede nel mondo dei supermercati, quali sono le insidie nelle etichette, pubblica le sentenze sulle pubblicità ingannevoli oltre che segnalare il lavoro delle lobby che operano contro gli interessi dei consumatori.

Il nostro è un sito indipendente senza un editore, senza conflitti di interesse e senza contributi pubblici. Questo è possibile grazie ai banner delle aziende e alle migliaia di lettori che ogni giorno ci leggono e ci permettono di sfiorare 20 milioni di visualizzazioni l'anno, senza farcire gli articoli con pubblicità invasive. Ilfattoalimentare dà l'accesso gratuito a tutti gli articoli.
Sostienici, basta un minuto clicca qui. Se vuoi puoi anche farlo con un versamento mensile.

Roberto La Pira

  Giulia Crepaldi

Guarda qui

wurstel salsicce

Ritirati würstel per Listeria: coinvolti Wudy Aia classici e al formaggio (aggiornamento del 29/9)

Aggiornamento del 26 settembre 2022. Il ministero della Salute ha pubblicato oggi sul suo sito un …

2 Commenti

  1. Buon giorno sono Luigi titolare della Sgattoni surgelati. Mi sembra giusto essere tra i richiami imposti dalla sanità per presenza di salmonella. Ma quello che monta specie e che su 5 aliquote campionate di vongole sgusciate, solo una sia stata positiva. Noi in azienda facciamo analisi su materia prima, acqua, brodi di vongole usati, tamponi sulle superfici di contatto prodotti e per quel lotto specifico abbiamo uno storico molto approfondito ma tutto negativo verso quel batterio. Preciso inoltre che il mio articolo va consumato inevitabilmente previa cottura, non ha caratteristiche per il.consumo tal quale anche se precotto, ed è ben indicato sulle confezioni. Da qui il rischio consumatore e nullo, in quanto la salmonella è un batterio che già a 60 gradi in un tempo relativamente blando, muore. Questo per chiarire la mia posizione di fastidio, d’essere messo alla gogna mediatica insieme a salumi, latticini, porchette pronte ed altro che vengono per forza consumato tal quali e li il rischio salute è vero.

    • Giulia Crepaldi

      Gentilissimo, il suo commento solleva un punto interessante, perché in effetti le autorità, spinte dalla necessità di tutelare il più possibile i consumatori, quando si tratta di contaminazioni microbiologiche (accertate o presunte) non fanno alcuna distinzione tra i prodotti da consumare crudi e quelli invece che necessitano di cottura.