Home / Video News / Xylella fastidiosa e gli ulivi. Il video di Coltura & Cultura ci spiega perché una il batterio non è l’unica causa dell’emergenza

Xylella fastidiosa e gli ulivi. Il video di Coltura & Cultura ci spiega perché una il batterio non è l’unica causa dell’emergenza

Xylella
La Xylella fastidiosa è il batterio in grado di provocare il disseccamento degli ulivi

Cosa c’è da sapere in merito a un serio problema che sta mettendo in ginocchio l’olivicoltura salentina? La Xylella fastidiosa è il batterio in grado di provocare il rapido disseccamento degli ulivi e fino a oggi è responsabile dell’abbattimento di oltre duemila specie arboree nel Salento. Quali risposte sono possibili di fronte a emergenze che sembrano non avere soluzioni nell’immediato? Nel video “La Xylella è natura, l’ulivo è cultura” vengono chiariti alcuni aspetti della questione su cui non c’è ancora accordo unanime.

La realizzazione del filmato è a cura di Coltura & Cultura, un sito sostenuto da Bayer CropScience con il patrocinio dell’Associazione Stampa Agroalimentare Italiana (ASA), che attraverso diversi interventi focalizza l’attenzione su come il cibo viene prodotto e come arriva sulle nostre tavole. Sul portale, dedicato a consumatori, professionisti e operatori del settore, si possono trovare libri gratuitamente consultabili e scaricabili, filmati e approfondimenti di esperti, sulle principali colture del nostro Paese.

Protagonista della narrazione è l’agronomo Duccio Caccioni, che in veste di brillante divulgatore ci racconta quali siano i diversi fattori (umani) che hanno permesso a questo batterio di proliferare.

© Riproduzione riservata

sostieniProva2Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Sistema allerta izp

Come funziona il sistema di allerta alimentare? Lo spiega un video dell’Istituto zooprofilattico delle Venezie

Come funziona il sistema delle allerta alimentari? Cosa succede quando un’azienda lancia una campagna di …

3 Commenti

  1. Domenico Pierangeli

    molto bello e chiaro. sarebbe il caso di farlo girare su canali nazionali.
    Mi permetto di aggiungere che sia il caso, nel finale del filmato di evidenziare che il batterio non è presente nelle olive che saranno molite per produrre olio.

  2. Divulgare in modo inappropriato non rende giustizia alla causa.
    Cosa centrano i concimi,l’acqua e le potature non effettuate?
    La costipazione del terreno,no eh!?
    La selvaggia discerbatura con i diserbi,no eh!?
    La scrollatura con mezzi meccanici,no eh!?

    • Quando ero ragazzo, quarant’anni fa , andavo con mio padre in campagna ad assistere alla potatura CICLICA degli ulivi ed alla irrigazione (meno frequente) degli uliveti effettuata da squadre di contadini, in genere 5-6 persone. Oggi quei contadini (se ancora in vita) hanno 80 ANNI (!) e la generazione dei loro figli (la mia) ha scelto di vivere facendo dell’altro.
      Mi pare che gli ulivi non si dissetino (piovesse il giusto…) né riescano a sfrondarsi da soli!