wurstel carne separata meccanicamente
I wurstel di pollo venduti in Italia sono preparati con carne separata meccanicamente

La maggior parte dei wurstel di pollo venduti in Italia è preparata con carne separata meccanicamente pagata 0,50 euro al chilo, ottenuta spremendo le carcasse degli animali macellati. L’esito è una “pasta omogenea dal colore rosa” con cartilagini e piccole ossa ridotte in polvere miscelata ad acqua e aromi.

 

Come spiegato nell’articolo pubblicato su Il Fatto alimentare, sulle etichette deve essere citata, ma le aziende spesso cercano di farlo in modo poco evidente, attraverso caratteri tipografici microscopici, oppure impiegando asterischi a fianco della scritta “carne di pollo” che rimandano a zone remote della confezione.

Ecco un video che spiega meglio di cosa si tratta:

 

 

© Riproduzione riservata 

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

  causale: sostieni Ilfattoalimentare

Seguici anche su

Twitter   Facebook  YouTube

 

 

 

Roberto La Pira - 7 Novembre 2014
0 0 voti
Vota
4 Commenti
Feedbacks
Vedi tutti i commenti
paolo
paolo
13 Novembre 2014 09:36

mi pare che il problema non sussista. la qualità del prodotto non è in discussione, acqua e aromi sono aggiunti alla maggior parte di cibi e bevande, e criticarne il prezzo (basso) mi pare atteggiamento farisaico.

Gennaro
Gennaro
Reply to  paolo
2 Dicembre 2014 19:33

Il miglior sordo è colui che non vuol sentire!

Mauro Brunetti
Mauro Brunetti
3 Dicembre 2014 18:17

A prescindere dalla bontà e integrità igienica della carne di pollo e di tacchino su cui non credo sussistano dubbi, sia essa macellata o separata meccanicamente, io sono dell’opinione, strettamente personale, che dopo tante menate sui prodotti DOC e DOP, auspico un disegno di legge che dichiari la DOP dei Wurstel come nella ricetta classica confezionati con carne di solo suino, tutto il resto non dovrebbe poter contenere in etichetta la parola WURSTEL, tanto per evitare confusioni e miopia incipiente a forza di dover leggere i caratteri microscopici degli ingredienti in etichetta prima dell’acquisto.

Un buongustaio romano, nipote di una bisnonna austroungarica.

giampaolo
giampaolo
3 Dicembre 2014 21:02

da un punto di vista esclusivamente nutrizionale lo ritengo un prodotto ineccepibile. presentarlo come una spremuta di carcasse è un sofisma indice di un approccio manicheo. che poi sia meglio una costata di Kobe siamo tutti d’accordo.