Home / Video News / Benessere animale: viaggio negli allevamenti di galline ovaiole con i veterinari dell’Emilia-Romagna. Un video del Servizi sanitario regionale

Benessere animale: viaggio negli allevamenti di galline ovaiole con i veterinari dell’Emilia-Romagna. Un video del Servizi sanitario regionale

allevamento biologico galline ovaioleCome vivono le galline che depongono le uova che compriamo al supermercato? E i polli che mangiamo? Per rispondere a queste domande, i servizi veterinari dell’Emilia-Romagna hanno realizzato una serie di video, dopo a quello sul benessere animale negli allevamenti intensivi di suini, che ci portano virtualmente dentro alcuni dei 451 allevamenti di ovaiole e polli della regione, dalle gabbie al biologico.

Per quanto riguarda il benessere delle galline ovaiole, il video ci fa entrare insieme ai veterinari negli allevamenti strutturati con gabbie arricchite con trespoli, grattatoi e nidi, ma anche negli allevamenti a terra (a un solo piano o a voliera), all’aperto e biologici, dove gli animali sono liberi di entrare e uscire a piacimento dai capannoni, pascolare all’aperto, becchettare e rotolarsi nella terra.

Oltre a mostrarci le differenze tra un tipo di allevamento e l’altro, il video spiega anche come i veterinari svolgono i controlli verificando lo stato di salute, il comportamento e il rispetto dei requisiti ambientali.

Nel 2017 in Emilia-Romagna  sono stati controllati 53 allevamenti di galline ovaiole (23%), rilevando 10 irregolarità che riguardavano gli edifici, le procedure di allevamento, lo spazio disponibile, i registri, l’illuminazione, le ispezioni degli animali e le attrezzature.

Fonte immagini: Alimenti & Salute

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Come si conserva l’olio extravergine d’oliva? I consigli di Antonello Paparella, microbiologo alimentare

L’olio extravergine di oliva è il condimento principale della dieta mediterranea ed è presente nelle …