Home / Richiami e ritiri / Le vaschette Gio Style di plastica richiamate dal mercato per migrazione di formaldeide quattro mesi fa sono state dichiarate sicure. Il comunicato dell’azienda

Le vaschette Gio Style di plastica richiamate dal mercato per migrazione di formaldeide quattro mesi fa sono state dichiarate sicure. Il comunicato dell’azienda

gio style vaschette
Le vaschette Giò Style che erano state ritirate dal mercato, sono state “assolte” i livelli di formaldeide sono nella regola

Le vaschette per alimenti di plastica firmate Gio Style, ritirate dal mercato nel mese di marzo 2015, sono state dichiarate sicure. Il Fatto Alimentare aveva pubblicato l’avviso di allerta a causa di un valore di migrazione della formaldeide superiore ai limiti  (15 mg/kg) in alcune analisi di controllo. Nel mese di maggio l’Istituto Superiore della Sanità ha comunicato all’azienda gli esiti  delle analisi che hanno confermato l’idoneità dei campioni al regolamento. A questo punto i lotti sono stati sbloccati  e ora possono continuare ad essere commercializzati.

Di seguito il comunicato di Gio Style

Spettabile Il Fatto Alimentare,

A fronte della revisione di analisi richiesta dalla nostra società Colombo Smart Plastic Spa, siamo a comunicarvi che abbiamo ricevuto la raccomandata di esito dei test, da parte dell’Istituto Superiore della Sanità in data 26/06/15 relativa al documento di analisi con riferimento prot. 16045/AMPP.06 DEL 28/05/15 e pertanto siamo a comunicarvi che i risultati di analisi hanno confermato l’idoneità dei campioni al regolamento (UE) n. 10/2011 e succ. per il rispetto dei limiti di migrazione specifica di formaldeide e melammina. pertanto si comunica Io sblocco delle referenze precedentemente bloccate.

Colombo Smart Plastic Spa

 

© Riproduzione riservata

  Sara Rossi

Sara Rossi
giornalista redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Farina di ceci ‘Za’ Molino Zanone richiamata per la presenza di infestanti nel prodotto

Il ministero della Salute ha pubblicato l’avviso di richiamo di due lotti di farina di …

3 Commenti

  1. Avatar

    Insomma un casino bestiale per un falso allarme?

  2. Avatar

    Non capisco come si faccia ad sbagliare le analisi, e’ una cosa inconcepibile. Se fosse la prima volta; ma sbagliano un giorno si e’ un no tanto per dire….

  3. Avatar

    E chi rifonde all’azienda l’enorme danno di mercato e d’immagine che ne è derivato? Il Dr. Lapira ricorda bene le mie osservazioni presentate al convegno di Modena sul tema delle allerte sbagliate e dei laboratori (purtroppo anche accreditati) che sbagliano le analisi anche soltanto per poco allenamento su certe matrici e certe sostanze analizzate una volta ogni morte di papa, e poi lanciano allerte (per protagonismo senza adeguate verifiche).
    A tali laboratori, pur se ufficiali, andrebbe tolto l’accreditamento per un periodo proporzionale al danno arrecato.