Home / Pianeta / L’81% del tonno pescato arriva da banchi in buona salute, ma restano ancora specie troppo sfruttate. Il rapporto 2019 dell’IFSF

L’81% del tonno pescato arriva da banchi in buona salute, ma restano ancora specie troppo sfruttate. Il rapporto 2019 dell’IFSF

tonno pinna blu atlantico mercurioOtto tonni su dieci (81%) tra tutti quelli pescati per scopi commerciali arrivano da banchi che sono considerati in salute, il 15% da stock in overfishing (che, cioè, dovrebbero essere protetti perché in stato di depauperamento) e il 4% da situazioni intermedie. Questi sono i numeri principali contenuti nel rapporto dell’International Food Sustainability Foundation, una coalizione alla quale partecipano molti ricercatori, i rappresentanti delle aziende del settore e il WWF, e che due volte all’anno fa il punto sulla pesca a fini alimentari in base ai dati raccolti in quattro macroaree. Molte le cifre riportate dalla fondazione, che monitora i 23 stock principali delle specie di tonno più pescate.

In particolare, per quanto riguarda i diversi tipi di tonno, gli alalunga (Thunnus alalunga) e i tonnetti striati (Katsuwonus pelamis) in tutte e quattro le aree non destano preoccupazione, ma altri sono a rischio. Tra questi:

  • Il tonno obeso (Thunnus obesus) dell’Atlantico e quello pinnagialla (Thunnus albacares) dell’Oceano Indiano sono considerati sovrasfruttati.
  • Anche per le zone più orientali dell’Oceano Pacifico, anche se non ci sono abbastanza dati, tutto fa pensare che le due specie siano a elevato rischio di overfishing, o già in quella condizione, e che i banchi siano già molto al di sotto dei limiti di sicurezza.
  • Il tonno del Pacifico (Thunnus orientalis) è in sovrasfruttamento, e i suoi banchi sono pesantemente depauperati. 
  • Dal punto di vista della mortalità in relazione al tasso di riproduzione, globalmente il 78% dei 23 stock è ben gestito, ma il 22% è in overfishing.

In totale, poi, nel 2017 sono state pescate 4,9 milioni di tonnellate di tonno, con una diminuzione del 2% rispetto al 2016, più della metà delle quali di tonnetti striati, e solo l’1% di tonni a pinne blu (T. thynnus, T. orientalis e T. maccoyii). Ciò spiega perché quell’81%, in realtà nasconda una situazione che, per alcune specie, è preoccupante.

Le zone dove si pesca di più sono l’Oceano Pacifico occidentale e orientale e l’Oceano Indiano, a seconda delle specie, e coincidono con quelle sulle quali le preoccupazioni sono maggiori. Il tonno è insomma in un momento delicato, ed è importante assicurarsi, ogni volta possibile, che la sua provenienza sia certificata.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

  Agnese Codignola

Agnese Codignola
giornalista scientifica

Guarda qui

Caffè, il governo svizzero ci ripensa e forse mantiene le scorte nazionali dopo la rabbia dei cittadini e le pressioni dell’industria

Il Governo Federale Elvetico ci ripensa, e potrebbe tornare sui suoi passi rispetto all’annuncio dello …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *