Home / Archivio dei Tag: grassi saturi (pagina 2)

Archivio dei Tag: grassi saturi

L’ennesima bufala sulla riabilitazione da parte della scienza dell’olio di palma invade la rete. Gli organizzatori del convegno dell’Università di Napoli però smentiscono qualsiasi assoluzione

Nelle ultime settimane si sono moltiplicati sui giornali e nelle trasmissioni televisive gli interventi per riabilitare l’olio di palma, considerato un alimento ingiustamente demonizzato. In tutto ciò c’è lo zampino della lobby di alcuni produttori, che continuano a insistere sulla bontà dell’olio tropicale. In questi  discorsi  si sorvola su due elementi  fondamentali: la questione ambientale correlata alla distruzione delle foreste …

Continua »

Troppi grassi saturi fanno male. La conferma di uno studio durato 30 anni. Cosa è cambiato sostituendo l’olio di palma nei prodotti

brioche dolci

Un eccessivo consumo di acidi grassi saturi è un fattore di rischio per lo sviluppo di malattie cronico-degenerative. L’ennesima conferma a questa tesi ormai nota al grande pubblico, arriva da uno studio  durato trent’anni, pubblicato il 23 novembre sul British Medical Journal. I ricercatori della Harvard University di Boston hanno analizzato le abitudini alimentari dei partecipanti (73 mila donne e …

Continua »

La Reuters indaga sull’olio di palma e sul perché Ferrero continua ad usarlo. Il ruolo de Il Fatto Alimentare

Perché Ferrero insiste nel difendere così strenuamente l’olio di palma? La risposta potrebbe venire da un ampio reportage che la Reuters, la prestigiosa agenzia di stampa  britannica, ha dedicato a questa vicenda tutta italiana, ripercorrendone le tappe principali e menzionando tra i protagonisti anche Il Fatto Alimentare. Ad attirare l’attenzione dei cronisti è stato forse il fatto che Ferrero non è …

Continua »

Serve la tassa sulle bevande zuccherate e la sostituzione dell’olio di palma? Il parere di Francesco Branca dell’OMS

Lo zucchero semplice – se consumato in eccesso – è uno dei macronutrienti responsabili dell’aumento di peso con inevitabili conseguenze sulla salute (disturbi cardiovascolari, diabete, malattie metaboliche…). Secondo l’OMS un aumento nella quantità di zuccheri all’interno dell’alimentazione provoca un incremento del peso e della carie dentale. Le linee guida dicono che la quantità nella dieta non deve superare il 10% …

Continua »

Ferrero insieme al Mario Negri nella pubblicità dell’olio di palma. Ma la tesi sui grassi saturi non convince. La verità dell’ISS, dei nutrizionisti e il parere dell’OMS

La cattiva reputazione dell’olio di palma è dovuta alla distruzione delle foreste tropicali in Indonesia e all’elevata percentuale di grassi saturi il cui eccesso può essere dannoso per la salute. Non la pensa così Elena Fattore, ricercatrice del Dipartimento ambiente e salute dell’Istituto Mario Negri di Milano, che nella pubblicità della Ferrero apparsa pochi giorni fa su Corriere.it (vedi foto) …

Continua »

La Ferrero difende l’olio di palma di Nutella, sostenuta dal vice ministro dell’agricoltura. Il problema dell’olio tropicale però esiste ed è serio dice Greenpeace

“Basta con il terrorismo e la disinformazione sui temi alimentari“: dice il viceministro delle Politiche agricole, Andrea Olivero riferendosi all’olio di palma.  La dichiarazione rimbalzata dalle agenzie di stampa è stata fatta in un convegno sull’olio tropicale organizzato oggi da Ferrero a Milano per contrastare quella che il politico ha definito “la moda di demonizzare” e  ipotizzando una sorta di  …

Continua »

Olio di palma: troppi grassi saturi nella dieta e rischi per la salute. Il parere della nutrizionista Chiara Manzi

Oil palm fruit and cooking oil

Riportiamo una lunga intervista a Chiara Manzi, presidente dell’Associazione per la Sicurezza Nutrizionale in Cucina, docente di nutrizione presso l’Università di Roma Tor Vergata, docente di medicina culinaria presso l’Università di Ferrara, presso l’Istituto Superiore di Sanità e ricercatrice in collaborazione con l’Università di Parma, pubblicata su Food24, blog dedicato all’agroalimentare del Sole 24 Ore, e raccolta da Maria Teresa …

Continua »

Biscotti Galletti Mulino Bianco prima e dopo la sostituzione dell’olio di palma. Stesse calorie, stessi ingredienti ma il 75% in meno di saturi

I biscotti Galletti cambiano ricetta e abbandonano l’olio di palma. Si tratta del 38°prodotto di Mulino Bianco “geneticamente modificato” in pochi mesi. Un vero record per i fratelli Guido e Paolo Barilla che fino a un anno fa vestivano la casacca di paladini della natura, pur utilizzando nei biscotti e nelle merendine il mediocre e impresentabile olio di palma. L’azienda …

Continua »

Etichette nutrizionali: un lettore ci spiega come dovrebbero essere scritte per essere veramente corrette

etichette

Abbiamo ricevuto e  volentieri pubblichiamo una lettera da un docente che ha insegnato chimica all’università sulle modalità scelte dal legislatore per le diciture relative alle etichette nutrizionali. Il testo evidenzia la conflittualità tra scritte e nozioni di chimica. Se è vero che le etichette nutrizionali devono “chiarire” la composizione di un alimento e che le sostanze contenute in un alimento …

Continua »

Troppo olio di palma e troppi grassi saturi? Intervista al Crea An (ex Inran) “nessuna sottovalutazione del problema”!

In Italia da quasi due anni si discute di olio di palma, in questo periodo le istituzioni sanitarie si sono distinte per la pressoché totale assenza nel dibattito, anche se stiamo parlando dell’olio più consumato dagli italiani dopo quello di oliva. Recentemente l’Istituto Superiore di Sanità si è espresso con un documento molto critico nei confronti del grasso tropicale che …

Continua »

Esselunga: Caprotti ha iniziato a togliere l’olio di palma dalla maggior parte di biscotti, grissini e cracker a marchio del supermercato. Il prezzo non cambia

Esselunga ha tolto l’olio di palma nella maggioranza dei biscotti, nella totalità dei grissini e dei cracker e in quasi tutte le confezioni di fette biscottate e crostini. La catena di supermercati milanese lo aveva annunciato un anno fa dopo l’avvio della petizione de Il Fatto Alimentare e Great Italian Food Trade,  adesso lo ha fatto. Si tratta di una …

Continua »

“Il consumo dell’olio di palma va ridotto soprattutto nei bambini (3 – 10 anni) e negli adulti con fattori di rischio cardiovascolare” lo scrive l’ISS. Basta con le irresponsabili interpretazioni

Riprendiamo la nota di Marco Silano dell’Istituto Superiore di Sanità sull’olio di palma pubblicata sulla newsletter dell’Istituto. Si tratta di un articolo che non lascia spazio alle posizione irresponsabile delle aziende alimentari che nel sito (Unione italiana per l’olio di palma sostenibile finanaziato da multinazionali come Ferrero, Nestlè e Unilever) ribaltano il documento dell’Istituto Superiore di Sanità  dichiarando  che sono …

Continua »

Biologico: carne e latte contengono più omega 3 e meno acidi grassi saturi, più vitamine e minerali e meno iodio. Ancora da scoprire gli effetti sulla salute

La carne e il latte biologico contengono più nutrienti associati a effetti benefici sulla salute rispetto agli altri.  Anche se ciò non significa necessariamente che facciano meglio: il dato è importante e costituisce un punto di partenza per  indagini più specifiche. In particolare, i derivati biologici animali contengono più acidi grassi omega 3 e altri acidi grassi insaturi “buoni”, meno …

Continua »

L’olio di palma fa male alla salute. La verità dell’ISS e le bugie della rete. Basta merendine, biscotti e snack con l’olio tropicale

Il comunicato stampa del Ministero della salute sul dossier dell’olio di palma ha avuto come conseguenza la pubblicazione di due lanci delle agenzie Ansa e Adnkronos, caratterizzati da un tono assolutorio. Da qui sono scaturiti a cascata un centinaio di articoli che hanno invaso la rete e non solo. La realtà è visto che il documento dell’Istituto Superiore di Sanità …

Continua »

L’obesità infantile è un problema da risolvere. Eliminare gli spot e tassare il cibo spazzatura. Il parere di Francesco Branca OMS

Il problema della obesità infantile esiste per più di otto famiglie su dieci e va affrontato in maniera decisa. Il primo passo da compiere, secondo i tre quarti dei genitori inglesi, è rappresentato dal divieto degli spot che promuovono il consumo di alimenti poco salutari prima delle nove di mattina. Ovvero nella fascia in cui i bambini sono seduti a …

Continua »