;
Home / Packaging / Stoviglie e articoli in plastica contenenti bambù, la Commissione Europea prende una posizione e dice no

Stoviglie e articoli in plastica contenenti bambù, la Commissione Europea prende una posizione e dice no

lunch box posate tazza bambùDopo un lungo periodo di incertezza, finalmente la Commissione Europea ha preso una decisione sulla possibilità (o meglio l’impossibilità) di commercializzare articoli in plastica contenenti bambù. Secondo le autorità possono rappresentare un rischio concreto per la salute dei consumatori e sono da ritenersi illegali. Si tratta di una questione delicata che si trascina da anni. Per farsi un’idea basti dire che tra il 2019 e il maggio 2021, sono state segnalate dal Rasff (il sistema di allerta rapido europeo) ben 77 notifiche di prodotti non a norma contenenti fibre di bambù. Le criticità evidenziate più volte dalle autorità nazionali europee, dalle associazioni di consumatori di tutto il mondo, ma anche dagli istituti di ricerca, sono due. La prima, riguarda le diciture sulle etichette mendaci e fuorvianti, utilizzate per pubblicizzare questi prodotti, definiti “biodegradabili”, “ecosostenibili”, “green”… anche se si tratta di semplice plastica a cui viene aggiunta polvere di bambù macinato o di altre specie vegetali .

In Italia, Altroconsumo fu tra i primi a svelare l’inganno quando, all’inizio del 2020 prelevando dal mercato 14 prodotti in bambù, scoprì gravi carenze nelle informazioni destinate ai consumatori, in alcuni casi anche ingannevoli. Circa la metà degli articoli, pur essendo reclamizzata come eco-friendly, non risultava biodegradabile e nemmeno riciclabile vista l’impossibilità di separarne la componente polimerica dalla parte in bambù. In altri casi si trattava di prodotti che non avevano altro destino se non quello di finire necessariamente in discarica o nell’inceneritore.

La Commissione europea ha deciso di vietare le stoviglie in bambù e plastica

Ma c’è una seconda criticità che può avere un impatto sulla salute di ignari acquirenti. Il problema riguarda casi in cui è stato riscontrato un rilascio di sostanze, come la formaldeide, classificata dall’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro come «cancerogeno certo», e la melamina, presente nel novero dei possibili cancerogeni. In Germania, nello 2020, l’Istituto federale per la valutazione del rischio (BfR) focalizzò l’attenzione sul potenziale utilizzo di questi prodotti a temperature elevate. Il riempimento dei contenitori con cibi bollenti e l’uso nei forni a microonde evidenziava livelli di migrazione di formaldeide e melamina persino superiori rispetto a una plastica tradizionale. Lo stesso Istituto federale per la valutazione del rischio tedesco si spinse ad affermare che per gli adulti abituati a bere ogni giorno caffè in tazze riutilizzabili di questo tipo e per i più piccoli soliti a bere latte caldo o tè quotidianamente, ci fosse un pericolo per la salute.

Su questi dati la Commissione Europea non aveva mai preso una posizione definitiva. Solo nel giugno 2020, pur non pronunciandosi chiaramente, fece trapelare, attraverso un’opinione degli esperti del gruppo di lavoro sui materiali a contatto con gli alimenti (opinioni che non possono in alcun caso essere considerate come una posizione ufficiale della Commissione Europea) che il bambù non potesse essere usato come “ingrediente” per produrre articoli in plastica. Nell’opinione venne comunque specificato come l’uso di bambù (o di altre specie vegetali) costituisse un rischio di “basso” livello per la salute dei consumatori.

Già nel 2020 diversi Paesi europei avevano deciso di muoversi in maniera autonoma per vietare le stoviglie in bambù misto a plastica

A fronte di dati contrastanti ed in assenza di una legge che ne vieta esplicitamente la commercializzazione, diversi Stati hanno deciso di agire in maniera autonoma per tutelare la salute pubblica. Così nel novembre 2020 la Finlandia decide di sospendere l’importazione e la distribuzione  di prodotti di questo tipo, lo stesso accade in Irlanda, Spagna ed Austria. Nel Febbraio 2021 è il turno delle autorità governative di Belgio, Olanda e Lussemburgo che rilasciano un comunicato in cui venne definita la sospensione immediata della commercializzazione di prodotti in plastica e bambù. L’ultimo Paese Europeo, in ordine cronologico, è la Francia che nel mese di aprile 2021 rilascia una nota informativa sul tema.

Finalmente qualche giorno fa viene messo un punto fermo definitivo alla questione;  la Commissione Europea definisce questi prodotti “illegali”, lanciando un piano d’azione per assicurare che articoli in plastica a cui sono aggiunte sostanze come il bambù o altre fibre vegetali non approvate, vengano respinti alle frontiere e non siano più commercializzati. La stessa Commissione aiuterà gli Stati Membri nell’assicurare che questi prodotti non si trovino più sugli scaffali (anche virtuali) dei negozi e i consumatori verranno adeguatamente informati sui rischi che corrono in caso di utilizzo. A tal proposito, in una sezione del proprio sito, la Commissione propone una serie di risposte ad alcune delle perplessità più comuni che il consumatore potrebbe avere sul tema, di seguito ne evidenziamo alcune.

Come si può riconoscere un materiale plastico a cui è stato aggiunto bambù o altre fibre vegetali non autorizzate?
Si tratta di articoli generalmente venduti come “realizzati in bambù”, tuttavia sulle confezioni è possibile individuare informazioni che riconducono alla plastica. Di solito la presenza di bambù e altri materiali vegetali macinati all’interno di un polimero è molto pubblicizzata perché si tratta di informazioni che colpiscono la sensibilità ambientale dei consumatori. Questi prodotti avranno indicazioni che evidenziano la componente di bambù e altre fibre e farine provenienti da piante e potrebbero essere corredati da diciture come: “naturale”, “eco-friendly”, “ecologico”, “riciclabile”, “biodegradabile”, “compostabile”. Affermazioni, nella maggior parte dei casi risultano  ingiustificate. 

bambù
Esempi di prodotti in plastica contenenti bambù come additivo

Cosa possono fare i consumatori se trovano un prodotto illegale di questo tipo sul mercato?
Si suggerisce ai consumatori di non acquistare il prodotto e di segnalarne la vendita alle autorità

 Cosa fare se abbiamo recentemente acquistato un prodotto di questo tipo?
Si consiglia di restituirlo al punto vendita o contattare la piattaforma, se è stato acquistato online.  Se il punto vendita o la piattaforma perseverano e continuano a vendere questi articoli, i consumatori potrebbero considerare l’opzione di informare l’autorità sanitaria.

Tutti i prodotti per alimenti in bambù sono illegali?
No, i prodotti destinati al contatto con alimenti e realizzati al 100% da bambù o da materiale vegetale possono essere legalmente commercializzati a patto che rispondano ai requisiti in termini di idoneità alimentare stabiliti dall’UE e dall’eventuale legislazione nazionale.

bambù
Esempio di prodotto realizzato con 100% bambù e quindi legale

© Riproduzione riservata Foto: stock.adobe.com

Il Fatto Alimentare da 11 anni pubblica notizie su: prodotti, etichette, pubblicità ingannevoli, sicurezza alimentare... e dà ai lettori l'accesso completamente gratuito a tutti i contenuti. Sul sito non accettiamo pubblicità mascherate da articoli e selezioniamo le aziende inserzioniste. Per andare avanti con questa politica di trasparenza e mantenere la nostra indipendenza sostieni il sito. Dona ora!

Roberto La Pira

  Luca Foltran

Luca Foltran
Esperto sicurezza dei materiali - Linkedin: Foltran Luca - Twitter: @foltranluca

Guarda qui

vino solfiti

Vino: l’insostenibile pesantezza del vetro. Nel prossimo futuro bottiglie più leggere e vino in bag in box

La bottiglia in vetro è senza alcun dubbio il contenitore principe per il confezionamento del …

Un commento

  1. Avatar

    Ottimo articolo, ottimo servizio per il consumatore grazie!