Home / Richiami e ritiri / Lidl richiama totani sott’olio Sol&Mar ai gusti paprika e aglio per la possibile presenza di cristalli di sale

Lidl richiama totani sott’olio Sol&Mar ai gusti paprika e aglio per la possibile presenza di cristalli di sale

Lidl Italia ha richiamato due lotti di totano gigante in olio di semi di girasole a marchio “Sol&Mar”, prodotto in Spagna da Conservas Selectas de Galicia. Il provvedimento è stato deciso dal produttore a scopo del tutto precauzionale perché “non si può escludere che all’interno del prodotto si siano formati dei cristalli di sale (detti struvite), che possono essere scambiati per pezzettini di vetro e che possono graffiare”. Secondo quanto comunicato dall’azienda, si tratterebbe di un’occorrenza che può verificarsi in maniera naturale durante il processo produttivo delle conserve ittiche, per reazione tra le proteine e l’acqua marina.

Il richiamo riguarda i totani sott’olio “Sol&Mar” al gusto paprika (EAN20649920) e al gusto aglio (EAN20649913) in formato 3x80g e con termine minimo di conservazione al 31/12/2023.

Scusandosi per il disagio, l’azienda produttrice invita chi avesse acquistato i totani sott’olio richiamati a non consumare il prodotto e a riportarlo al punto vendita, dove sarà rimborsato anche in assenza dello scontrino. Per ulteriori informazioni, è possibile contattare il numero verde Lidl Italia 800480048.

Dal 1 gennaio 2017Il Fatto Alimentare ha segnalato 98 richiamiper un totale di 140 prodotti e 11 provvedimenti di revoca. Per vedere gli altri clicca qui.

Per capire come funziona il servizio di allerta alimentare e come viene effettuato il ritiro dei prodotti dai punti vendita leggi il libro “Scaffali in allerta” edito da Il Fatto Alimentare. È l’unico testo  pubblicato in Italia che  rivela i segreti e le criticità di un sistema che funziona poco e male. Ogni anno in Italia vengono ritirati dagli scaffali dei punti vendita almeno 1.000 prodotti alimentari. Nel 10-20% dei casi si tratta di prodotti che possono nuocere alla salute dei consumatori, e per questo scatta l’allerta. Il libro di 169 pagine racconta 15 casi di richiami che hanno fatto scalpore.

I lettori  interessati a ricevere l’e-book, possono fare una donazione libera e ricevere in omaggio il libro  in formato pdf  “Scaffali in allerta”, scrivendo in redazione all’indirizzo ilfattoalimentare@ilfattoalimentare.it

© Riproduzione riservata

* Con Carta di credito (attraverso PayPal). Clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare 2017. Clicca qui

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

richiami crema riso mais tapioca piccolino baby semi di sesamo ubena formai de mut

Semi di sesamo, crema di riso, mais e tapioca, formaggio e salame: i primi richiami del 2021

Bennet, Cadoro, Tigros, Iper e il ministero della Salute hanno diffuso il richiamo di alcuni …