pezzi di pecorino sardo su tavola di legno

Il ministero della Salute ha segnalato il richiamo da parte del produttore e del distributore di un lotto di pecorino stagionato al tartufo a marchio Deluxe di Lidl, per la presenza di Listeria monocytogenes oltre il limite consentito rilevata in autocontrollo. Il prodotto in questione è venduto in confezioni da 180 grammi circa (peso variabile), con il numero di lotto TA222744 e il termine minimo di conservazione (Tmc) 19/03/2023.

Il pecorino stagionato richiamato è stato prodotto per Lidl Italia dall’azienda Rocca Toscana Formaggi Srl, nello stabilimento di via Puccini 79, ad Arezzo (marchio di identificazione IT0929CE).

A scopo precauzionale, Lidl e Rocca Toscana raccomandano di non consumare il prodotto con il numero di lotto indicato e restituirlo al punto vendita d’acquisto per il rimborso.

Dal primo gennaio 2022 Il Fatto Alimentare ha segnalato 174 richiami, per un totale di 309 prodotti. Per vedere tutte le notifiche clicca qui.

© Riproduzione riservata Foto: Depositphotos (copertina), ministero della Salute

Ogni anno vengono ritirati dagli scaffali dei supermercati centinaia di prodotti alimentari pericolosi o non idonei alla vendita.
Il Fatto Alimentare ha lanciato un servizio completamente gratuito, che permette di ricevere in tempo reale una notifica ogni volta che viene pubblicata un'allerta o un richiamo.
Se volete rimanere informati iscrivetevi al nuovo canale Telegram de Il Fatto Alimentare https://t.me/ilfattoalimentareallerta, oppure al servizio di allerta via email cliccando il pulsante qui sotto.

Iscriviti

Giulia Crepaldi - 13 Dicembre 2022
0 0 voti
Vota
Iscriviti
Notificami
guest

2 Commenti
Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Paolo Aiello
Paolo Aiello
13 Dicembre 2022 15:17

Ogni giorno comunicate cibi con presenza di Listeria Monocytogenes. Non è che è comparsa improvvisamente dappertutto. Si trova spesso se la si cerca di routine.
Ve lo dice uno che di mestiere analizzava derivati del latte e altri cibi conservati in frigorifero. Giusto ritirarli dagli scaffali, ancora più giusto controllare gli autocontrolli dei produttori. Se la catena dal produttore al consumatore fosse osservata, ci sarebbe meno Listeria in giro.

Roberto La Pira
Reply to  Paolo Aiello
13 Dicembre 2022 15:30

È vero la listeria c’è sempre stata, adesso si cerca con più attenzione

2
0
Ci piacerebbe sapere che ne pensi, lascia un commento.x