;
Home / Richiami e ritiri / I richiami del giorno: formaggi francesi, insaccato tipico rumeno e granturco per mangimi

I richiami del giorno: formaggi francesi, insaccato tipico rumeno e granturco per mangimi

Entremont selezione formaggi francesiCoop, Decò e Carrefour hanno segnalato il richiamo da parte del produttore di alcuni lotti di selezione di formaggi francesi Plateau 5 fromages de France Grande Sélection a marchio Entremont Terroirs & Sélection per “evidenza di Listeria monocytogenes” [aggiornamento del 22 dicembre 2021].Sono interessati i vassoi da 300 grammi contenenti Cantal Dop, fourme d’Ambert Dop, tomme de brebis (toma di pecora), Saint-Nectaire Dop e tomme des Pirénées Igp, appartenenti ai lotti numero 21327123 con la data di scadenza 04/01/2022, 21328124 con scadenza 05/01/2022 e 21329125 con scadenza 06/01/2022.

I formaggi francesi richiamati sono stati prodotti da Les Fromageries Occitaines nello stabilimento di Borde Blanche Zone Industrielle, a Villefranche-de-Laugrais, in Francia (marchio di identificazione FR 31.582.001 CE), e commercializzato da Entremont Italia Srl (Aggiornamento del 10/12/2021). Coop rende noto che il richiamo dei formaggi francesi interessa i punti vendita delle cooperative Unico Firenze, Coop Centro Italia e Centrale Adriatica. Per ulteriori informazioni, è possibile contattare il numero 02 37059076.

insaccato toba marcelIl ministero della Salute, invece, ha pubblicato l’avviso di richiamo di un lotto dell’insaccato tipico della Romania toba ca la mama a casa a marchio Marcel, sempre per la “presenza di Listeria monocytogenes”. Il prodotto in questione è venduto in confezioni sottovuoto con il numero di lotto 004091121 e il termine minimo di conservazione (Tmc) 29/12/2021, e con il numero di lotto 004121121 e il Tmc 01/01/2022.

L’insaccato è stato prodotto da Marcel Srl nello stabilimento di Rachiteni, in Romania (marchio di identificazione RO 67 EC), e commercializzato da Danubiana Group Srl.

Il ministero ha segnalato anche il richiamo da parte del produttore di alcuni lotti di granturco ibrido e granturco frantumato ibrido medio ad uso zootecnico come materia prima per mangimi venduti con il marchio La Fattoria di MZ per la “presenza di aflatossine oltre i limiti di legge”. I prodotti interessati sono venduti in sacchi da 25 kg, con i 080921 e 100921 (solo granturco ibrido).

Il granturco richiamato è stato prodotto da Michelotti & Zei Srl nello stabilimento di via Francesca 1559 a Larciano, in provincia di Pistoia

Dal 1° gennaio 2021, Il Fatto Alimentare ha segnalato 252 richiami, per un totale di 464 prodotti. Per vedere tutte le notifiche clicca qui.

© Riproduzione riservata Foto: depositphotos.com (copertina), ministero della Salute, Coop

Il Fatto Alimentare da 11 anni pubblica notizie su: prodotti, etichette, pubblicità ingannevoli, sicurezza alimentare... e dà ai lettori l'accesso completamente gratuito a tutti i contenuti. Sul sito non accettiamo pubblicità mascherate da articoli e selezioniamo le aziende inserzioniste. Per andare avanti con questa politica di trasparenza e mantenere la nostra indipendenza sostieni il sito. Dona ora!

Roberto La Pira

  Giulia Crepaldi

Giulia Crepaldi

Guarda qui

gallette croccanti norvegesi cracker semi

Ossido di etilene nelle erbe aromatiche: richiamate gallette croccanti Norvegesi

Il ministero della Salute e i supermercati Gros Cidac e Iper hanno segnalato il richiamo …