Home / Richiami e ritiri / Richiamate caciotte di pecora Ahrntal Moserhof per Salmonella. Ritirato anche Ciauscolo di Visso Igp per Listeria monocytogenes

Richiamate caciotte di pecora Ahrntal Moserhof per Salmonella. Ritirato anche Ciauscolo di Visso Igp per Listeria monocytogenes

caciotta di pecoraIl Ministero della salute ha diffuso il richiamo di un lotto di caciotte fresche di pecora Frischkäse a marchio Moserhof Ahrntal per la presenza di Salmonella. Il formaggio interessato è distribuito in forme da circa 190 grammi prodotte in data 03/05/2018 e confezionate il 07/05/2018, con scadenza 06/06/2018.

Le caciotte di pecora richiamate sono state prodotte da Oberhollenzer Michael Moserhof nello stabilimento di Oberdorf 19 a Valle Aurina, in provincia di Bolzano. Il prodotto è stato distribuito esclusivamente nella provincia di Bolzano. Si raccomanda di non consumare le caciotte segnalate.

ciauscolo di visso interoIl Ministero della salute ha richiamato anche un lotto di Ciauscolo di Visso Igp a marchio Vissana Salumi per la presenza di Listeria monocytogenes, rilevata in un campione di 25 grammi di prodotto. Il salume interessato è venduto in confezioni con il numero di lotto 14 04 03 e scadenza 03/08/2018.

Il Ciauscolo di Visso richiamato è stato prodotto dall’azienda Vissana Salumi Srl nello stabilimento di via Cesare Battisti 57 a Visso, in provincia di Macerata (sede operativa in via Sandro Pertini a Tolentino, in provincia di Macerata). Si raccomanda a chi ha acquistato il Ciauscolo di Visso con le caratteristiche segnalate di non consumarlo.

Dal 1° gennaio 2018, Il Fatto Alimentare ha segnalato 57 richiami, per un totale di 114 prodotti. Per vedere tutte le notifiche clicca qui.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Crai Panna cotta Al Creme Caramel 2 x 100 g

Crai richiama panna cotta al crème caramel per alterazioni organolettiche. La causa è un’elevata carica microbica

Il ministero della Salute ha diffuso il richiamo di tre lotti di panna cotta al …