Home / Etichette & Prodotti / Red Bull, troppo zucchero in quella lattina. Con cinque zollette e mezzo si supera metà del limite raccomandato

Red Bull, troppo zucchero in quella lattina. Con cinque zollette e mezzo si supera metà del limite raccomandato

Red Bull zollette zuccheroPoche persone si rendono conto che una lattina di Red Bull contiene più di cinque zollette di zucchero. Questo accade perché  di solito la bevanda viene servita fredda, e quando la temperatura scende le papille gustative attenuano la percezione del sapore dolce. La presenza di zucchero in Red Bull, supera in percentuale la quantità aggiunta nella Coca-Cola e nell’Estathé. Ogni lattina da 250 ml contiene 5 zollette e mezzo da 5 grammi, pari a 27,5 grammi, come mostra la fotografia.

L’etichetta a semaforo Nutri-Score attribuisce al prodotto il colore rosso per l’eccessiva presenza di zucchero, e per questo si deve considerare una bevanda da consumare con moderazione.

Lo zucchero aggiunto agli alimenti è una delle maggiori cause di obesità. Secondo l’Oms, per abbassare il rischio di serie patologie croniche, gli zuccheri semplici aggiunti (*) non devono superare il 10% delle calorie giornaliere. Per un adulto vuol dire circa 50 grammi al giorno, corrispondenti a 10 zollette. Una lattina di Red Bull copre oltre la metà del valore raccomandato.

Avete in mente prodotti che contengono tanto zucchero? Segnalateli in redazione

(*)Gli zuccheri aggiunti o zuccheri liberi sono quelli contenuti in alimenti e bevande zuccherate, miele, sciroppi, succhi di frutta da concentrato, e succhi/spremute/centrifughe/estratti anche 100% di frutta.

© Riproduzione riservata

  Roberto La Pira

Roberto La Pira
Giornalista professionista, laurea in Scienze delle preparazioni alimentari

Guarda qui

olio extravergine supermercato

Olio extravergine: i consumatori lo preferiscono dolce e imbottigliato in Italia. L’articolo di Teatro Naturale

Gli italiani non amano l’olio extravergine amaro e preferiscono quello imbottigliato nelle regioni del Centro …

Un commento

  1. Avatar

    Il Nutriscore con la sua etichetta a semaforo rende immediata la percezione qualitativa di ciò che si acquista.

    Una carrellata di “E” color rosso presente in dispensa dovrebbe stimolare una migliore consapevolezza.

    Suggerisco di trattare anche la categoria cereali da prima colazione, ad esempio:

    Nestlè – Cheerios Miele
    Carboidrati 75 g
    di cui zuccheri 24.1 g

    8g di zuccheri per porzione da 30g, circa due cucchiaini.

    Oppure i mitici Frosties della Kellogg’s
    Carboidrati 87 g
    di cui zuccheri 37 g

    11g di zuccheri per porzione da 30g, circa tre cucchiaini.