Home / Pianeta / Plastica: dalla produzione allo smaltimento produce grandi quantità di CO2

Plastica: dalla produzione allo smaltimento produce grandi quantità di CO2

imballaggi plastica insalata packgingLa plastica è uno dei principali responsabili del riscaldamento globale, anche se questa sua caratteristica non viene spesso messa in evidenza. Eppure fino dalle prime reazioni, cioè dalla lavorazione degli idrocarburi e in particolar modo delle resine necessarie a ottenerla, fino a quella dei prodotti finiti, dal trasporto allo smaltimento e perfino al riciclo emette grandi quantità di CO2, indirettamente. Ora per la prima volta uno studio condotto dai ricercatori dell’Università della California di Santa Barbara fa i conti a livello globale, e pubblica quanto osservato su Nature Climate Change.

Nel 2015, l’intero ciclo produttivo ha emesso 1,8 milioni di tonnellate di CO2, e la situazione potrebbe peggiorare molto se saranno rispettate le stime secondo le quali nei prossimi cinque anni la domanda globale crescerà del 22%. Se non succederà nulla, nel 2050 le emissioni riconducibili alla plastica saranno il 17% del totale.
Come se ne esce? Gli autori suggeriscono diversi possibili interventi.

Il primo è il riciclaggio, che oggi riguarda meno del 10% della plastica prodotta e che potrebbe quindi migliorare molto.

La seconda voce è l’aumento delle bioplastiche, che sono considerate a impatto globale neutro perché se da una parte la loro produzione e lavorazione – compostaggio compreso – sono associate a emissioni di CO2, dall’altra le piante coltivate per ottenerla consumano CO2. Se poi le fonti energetiche utilizzate fossero del tutto rinnovabili, il conteggio diventerebbe più conveniente: in caso l’energia usata fosse al 100% rinnovabile, le emissioni associate alla plastica scenderebbero del 51%.

plastica stoviglie usa e gettaIl terzo punto dove si potrebbe intervenire è la domanda, che si potrebbe disincentivare. Ma se nei paesi occidentali questo sta già avvenendo, in quelli in sviluppo è assai improbabile che si verifichi in tempi brevi, anche perché spesso la plastica è ancora simbolo di modernità e progresso.
Il problema, però, è che nessuno degli interventi individuati da solo sarebbe realmente decisivo: solo adottandoli tutti si potrebbe fare la differenza. E infatti la conclusione degli autori è che questo studio mette in evidenza l’entità dello sforzo necessario: mai intrapreso prima.

Quasi a confermare l’urgenza, nello stesso giorno Nature Geoscience ha pubblicato l’ennesimo, desolante segnale di allarme sulla plastica che, passando dall’aria, è arrivata e arriva ogni giorno in una sperduta regione dei Pirenei. I ricercatori dell’EcoLab di Tolosa hanno infatti compiuto rilevazioni giornaliere per cinque mesi consecutivi in una zona che dista 6 km dal primo villaggio, 25 dal primo paese e 120 km dalla prima città, e hanno scoperto che ogni giorno vi cadono 249 frammenti, 73 pellicole e 44 fibre di microplastica per metro quadro (le fibre hanno una lunghezza media di 750 micron – millesimi di millimetro – e i frammenti di 300 micron). L’origine è aerea e conferma che probabilmente non c’è più alcun luogo, sulla terra, privo di contaminazioni da microplastiche.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Agnese Codignola

Agnese Codignola
giornalista scientifica

Guarda qui

Young woman showing broccoli to camera.

Broccoli a km zero: più sostenibili, ma meno belli. I consumatori saranno disposti a comprarli? Lo studio della Cornell University

I consumatori amano sempre di più gli ortaggi e la frutta coltivati vicino casa. Ma …

2 Commenti

  1. Giovanni Schneider

    Potete aiutarmi a ridurre le microplastiche nei mari, e quindi nei pesci, sottoscrivendo la mia petizionen su change.org. Basta firmare su: http://chng.it/GckjpC977W

  2. Quando una soluzione coinvolge miliardi di pezzi e miliardi di persone (questo è uno di quei casi) non è detto che la via nuova sia meglio della vecchia. Il problema della deforestazione diventerebbe ancora più drammatico di quello di oggi, perché quello che non vogliamo più chiedere al sottosuolo, verrà chiesto al suolo.
    Una strada che si deve seriamente considerare è l’abbandono dell’usa e getta anche se questo potrebbe avere gravi ripercussioni sul sistema economico; noi italiani, abituati nella gran parte a vivere con stipendio da statali, non siamo abituati a considerarlo come rilevante, salvo incappare in riduzioni di personale e facilmente sacrifichiamo gli aspetti economici per un supposto beneficio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *