Home / Etichette & Prodotti / Basta frodi nel pesce fresco e stop allo scambio di specie. Come distinguere pesci e molluschi nel manuale fotografico dell’Istituto zooprofilattico del Piemonte

Basta frodi nel pesce fresco e stop allo scambio di specie. Come distinguere pesci e molluschi nel manuale fotografico dell’Istituto zooprofilattico del Piemonte

etichette pesce
Esempio di etichetta corretta. Tra le scritte bisogna aggiungere il metodo e le modalità di pesca. L’indicazione è diventata obbligatoria dal 13 dicembre 2014

Ok! Il pesce è giusto” è il manuale realizzato dall’Istituto zooprofilattico sperimentale del Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta per spiegare le nuove etichette in vigore dal 13 dicembre 2014 e riconoscere le frodi che spesso e volentieri vengono perpetrate ai danni dei consumatori. Secondo l’Istituto  il 72% degli illeciti nel settore ittico sono da ricerca nelle etichette scorrette e nella mancanza di   tracciabilità. Nel primo caso si  vende come l’allevato come pescato, mentre spesso si rileva un cambio di specie presentando  un palamita al posto del tonno, un filetto di brosme per il più pregiato filetto di merluzzo e così via. Anche la vendita di pesce decongelato come pesce fresco oppure di pescato da consumarsi crudo non sottoposto a preventivo congelamento (per il rischio parassita Anisakis) è abbastanza diffuso. Il manuale, redatto dagli esperti dei laboratori di Genetica e di Istopatologia dell’Istituto, spiega con delle belle foto come  riconoscere i pesci più commercializzati e come individuare le frodi  furberie.

Il più delle volte  si tratta di frodi commerciali, che danneggiano economicamente il consumatore, tranne  quando si rileva la presenza di Anisakis, oppure si vende pesce non fresco ricco di batteri o con un’eccessiva quantità di istamina (come avviene nel tonno non fresco).

 

etichette pesceIl primo passo per un acquisto consapevole è decodificare l’etichetta che deve indicare:

– La denominazione commerciale della specie  e il nome scientifico (per esempio orata:Sparus aurata) (*)

– Il metodo di cattura: pescato in mare, pescato in acque dolci, oppure allevato

– La zona di cattura: mare Mediterraneo, oceano Pacifico…  indicata in modo comprensibile. Per il pesce pescato o allevato in acque dolci va riportato lo stato di provenienza

– Se il pesce è congelato o decongelato va indicato in modo chiaro

– La norma prevede l’indicazione obbligatoria degli additivi (per esempio la quasi totalità dei gamberi e dei crostacei viene trattata con solfiti per evitare l’annerimento della testa che non piace ai consumatori)

– Il metodo di cattura

 

Ecco alcune delle pagine del manuale redatto dall’Istituto zooprofilattico sperimentale del Piemonte, Liguria e Valle D’Aostache si può scaricare cliccando qui

pesce fresco

pesce fresco

 

pesce fresco

pesce fresco

 

Sara Rossi

© Riproduzione riservata

  Roberto La Pira

Roberto La Pira
Giornalista professionista, laurea in Scienze delle preparazioni alimentari

Guarda qui

Findus danone activia nutri-score

Etichette a semaforo promosse in Europa e nel mondo ma bocciate dall’Italia, che preferisce prosciutto e formaggio

Mentre il Comitato sull’etichettatura alimentare del Codex (organismo congiunto di Fao e Oms che stabilisce …

4 Commenti

  1. nella prima immagine “esempi di corretta etichettatura” manca il METODO DI PESCA come disciplinato e divenuto obbligatorio il 13.12.14 per il Reg. CE. 1379/2013.

  2. interessante questa pubblicazione..mi sembra però strano che venga distribuito ora un libretto che non include le nuove norme entrate in vigore dal 13/12/2014 come il metodo di pesca (attrezzatura utilizzata) e sottozone fao ecc..

  3. Scaricato e trasferito sul cell. Un grazie enorme quanto una casa.