Home / Pianeta / Pesca in eccesso, come scoprire gli hot spot dove si cattura troppo pesce sotto la taglia minima

Pesca in eccesso, come scoprire gli hot spot dove si cattura troppo pesce sotto la taglia minima

pesci pesca pescePrevenire è sempre una buona regola, anche quando si tratta di pesca commerciale. In altre parole vuol dire evitare di attingere a banchi già depauperati e usare reti a strascico per catturare pesci toppo piccoli per essere venduti, perché al di sotto della taglia minima di riferimento per la conservazione (Minimum conservation reference size o Mcrs). Solo in questo modo si può preservare il futuro della pesca, e non solo. 

Ne sono convinti i ricercatori della Stazione zoologica Anton Dohrn di Napoli, del Cnr e di altri istituti italiani e internazionali, che hanno appena pubblicato su Frontiers in Marine Science uno studio in cui propongono un modello per individuare le zone più a rischio, chiamate hot spot, in modo da poterle difendere. Gli autori hanno applicato il modello ad alcune delle zone di mare più frequentate dai pescatori e più soggette tanto alla pesca a strascico quanto allo spreco di pesce: la Sicilia meridionale, la Liguria, il Portogallo (costa continentale) e la Spagna (costa catalana).

I ricercatori hanno analizzato i dati sulla pesca a strascico e sullo scarto di pesci e crostacei sotto la taglia minima di riferimento

Antonio Milisenda, coordinatore del gruppo, e i suoi collaboratori hanno utilizzato i dati degli ultimi 15 anni relativi alle rotte più utilizzate da chi pesca al traino, e al pesce e ai crostacei ributtati a mare. Così hanno dimostrato che molto spesso i due dati coincidono: si continua a pescare pesce immaturo, e lo si fa sempre sulle stesse rotte. 

Ciò, evidentemente, impedisce ai banchi di riprendersi, agli individui di diventare adulti e riprodursi, in un circolo vizioso senza fine. Se invece – è la proposta – si utilizzassero dati come questi per scoprire quali sono le zone più compromesse e metterle a riposo, creando delle Fisheries Restricted Areas (FRAs), probabilmente la situazione migliorerebbe in tempi relativamente rapidi.

Secondo i dati resi noti dall’Unione Europea solo poche settimane fa, l’Europa è ancora piuttosto lontana dagli obiettivi di sostenibilità della pesca e di incremento della biodiversità marina che lei stessa si è data, e che è stata ribadita anche nell’ultima versione della EU Common Fishery Policy. 

Non solo. Secondo la FAO  il 75% dei banchi presenti nel Mar Mediterraneo e nel Mar Nero è in overfishing, cioè sottoposto a prelievi superiori alle possibilità naturali di ripristino. E nonostante questo circa il 40% del pesce pescato viene buttato. Inoltre, circa la metà di quello sprecato nel Mediterraneo arriva proprio dalla pesca al traino su queste rotte. Secondo gli autori è evidente che bisogna fare al più presto qualcosa di incisivo: pianificare la pesca in base a questo tipo di hot spot potrebbe risultare molto utile.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

Roberto La Pira

  Agnese Codignola

Agnese Codignola
giornalista scientifica

Guarda qui

spighe di grano

Frumento: sequenziamento del Dna e metodi inclusivi per far fronte alle sfide del futuro

Grazie alla sua capacità di adattamento alle differenti condizioni climatiche, il frumento è uno dei …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *