Home / Pianeta / Orto sul tetto del Boston Medical Center: un’occasione per educare, svagare i pazienti e sostenere i più anziani e fragili

Orto sul tetto del Boston Medical Center: un’occasione per educare, svagare i pazienti e sostenere i più anziani e fragili

Orto sul tetto coltivare A Boston c’è un orto su un tetto. Ma non si tratta di un tetto qualsiasi: è il tetto del Boston Medical Center, ovvero una superficie di oltre 800 metri quadrati su uno dei più grandi ospedali della città, che da due anni è stata adibita a coltivazione urbana con 25 tipi di ortaggi e due alveari. A raccontare tutti i benefici di questa iniziativa sono i curatori, che sul Journal of Public Health riferiscono che oltre ad avere un responsabile a tempo pieno e uno in part time, nonché un apicoltore, nell’orto sul tetto lavorano volontari dello stesso ospedale e pazienti, e che i costi generali di gestione si aggirano sui 50.000 dollari all’anno, interamente coperti da donazioni specifiche.

Il risultato dell’orto sul tetto è un raccolto che, nella prima stagione, ha superato i 2.300 chilogrammi di verdure a foglia larga e non ed erbe consumate all’interno, nella mensa e nelle caffetterie, e anche fornite gratuitamente ai pazienti più anziani e fragili che lasciano il ricovero, affinché anche a casa possano continuare ad avere una dieta bilanciata e sana. Inoltre l’insolita coltivazione costituisce un valido momento di distrazione per il personale e i pazienti, rassicura i degenti sulla provenienza del cibo fornito e costituisce l’occasione giusta per svolgere attività fisica all’aperto. Non solo. Oltre ai benefici ambientali, l’orto è teatro di numerose lezioni gratuite sull’alimentazione in generale e sulla cucina.

Tutto ciò, sottolineano gli autori, rappresenta una vera e propria rete che rende l’ospedale qualcosa di molto più ampio rispetto a un centro di cura tradizionale, i cui benefici educazionali e non solo si estendono anche alla popolazione generale.
Produrre sul tetto parte delle verdure consumate, poi, fa risparmiare circa 10.000 dollari all’anno, una cifra non trascurabile.

L’esperienza si sta rivelando così positiva che alcuni gruppi privati (il BMC è pubblico) come ProMedica hanno annunciato di voler creare orti sui tetti dei propri centri, diffusi in tutto il paese.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Agnese Codignola

Agnese Codignola
giornalista scientifica

Guarda qui

resistenza antibiotici piastre laboratorio batteri AdobeStock_105452319

La resistenza agli antibiotici cresce nei Paesi in via di sviluppo per il boom del consumo di carne: il 73% usato negli allevamenti

La resistenza alle più importanti classi di antibiotici sta aumentando a un ritmo preoccupante in …