Home / Nutrizione / In Francia molti prodotti hanno la dicitura “senza olio di palma”. Gli importatori e alcune aziende si chiedono se la dicitura sia ingannevole e illegittima

In Francia molti prodotti hanno la dicitura “senza olio di palma”. Gli importatori e alcune aziende si chiedono se la dicitura sia ingannevole e illegittima

olio di palma Oil palm fruit
È legittimo scrivere in etichetta: “senza olio di palma”?

Il 13 dicembre entra in vigore il regolamento europeo n. 1169 del 2011, relativo alla fornitura di informazioni sugli alimenti ai consumatori, che impone di indicare in etichetta la presenza dell’olio di palma, non più occultabile sotto la dicitura “oli vegetali”. Contemporaneamente, soprattutto in Francia, sta crescendo il numero di prodotti che sulla confezione riportano la frase “Senza olio di palma”, a volte accompagnata dalle motivazioni nutrizionali e ambientali di questa scelta.

 

Gli importatori e i produttori di olio di palma e di molti cibi che lo contengono si stanno attrezzando, con la consulenza di studi legali internazionali, come l’italiana FratiniVergano e la francese Lext, per far dichiarare l’illegittimità di questa frase, che avrebbe un valore ben diverso da altre, come “senza additivi” o “senza conservanti”, dato che l’olio di palma è una materia prima e non un additivo. Questi studi legali, in assenza di prove che dimostrino che uno specifico olio rappresenta un rischio per i consumatori, l’indicazione dell’assenza dell’olio di palma sarebbe ingannevole, perché potrebbe essere percepita come finalizzata a comunicare al consumatore qualcosa di più che la semplice informazione sul tipo di olio usato. Lo studio legale FratiniVergano ricorda ai produttori di olio di palma il principio “Si vis pacem, para bellum”, invitandoli a cercare alleati e ad aprire vertenze sia in sede giudiziaria, sia in ambito diplomatico, come nelle riunioni dell’Organizzazione mondiale del commercio, sostenendo che non ci si trova di fronte solo a una questione di etichettatura ma anche a una vicenda di natura commerciale.

 

Beniamino Bonardi

© Riproduzione riservata

Foto: iStockphoto.com

 

 

 

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

sale sodio

L’EFSA ha aggiornato i valori sul quantitativo giornaliero di assunzione per il sodio e il cloruro

L’EFSA rende noti i valori aggiornati del quantitativo giornaliero di sodio e di cloruro (che, insieme, …

5 Commenti

  1. Avatar

    Bene, se la mettiamo così scriveremo “con solo olio di….” mais, girasole, arachide, oliva, quello che vorremo metterci.

    Mi sembra anche sciocco dire che non è un plus l’assenza di olio di palma: almeno dal punto di vista ambientale lo è. Lo sanno anche i sassi, c’è un movimento mondiale a riguardo. Non ti ci metto il “plus” nutrizionale, ci metto quello ambientale e ti ci scrivo quel che mi pare!

    Un consumatore informato, che voglia minimizzare l’impatto ambientale, deve sapere cosa consuma.
    Si dirà: basterà leggere l’elenco ingredienti.
    Allora dovrebbe bastare quello senza tanti altri claim.

    Diciamo che forse l’industria ha esagerato, ora deve inevitabilmente tornare indietro e non sa come… ma sarà mica colpa dei consumatori anche stavolta?

  2. Avatar

    Volevo solo precisare che il detto latino e’ “Si vis pacem, para bellum” e non “Si vis pace, para bellum”. Pace significherebbe con la pace, per la pace, alla pace. Usiamo le frasi latine ma non uccidiamo il latino!!!

  3. Avatar

    E quando entrerà in vigore il TTIP sarà anche peggio, le vertenze legali si moltiplicheranno come i funghi!

  4. Avatar

    In realtà la frase latina significherebbe se vuoi la pace prepara la guerra e i nostri avi sapevano bene come garantire la pace, ma non voglio dilungarmi su questioni storico-politico culturali che molti di voi non capirebbero.
    Detto ciò imparate a leggere gli articoli e capireste che è legittima la battaglia legale che si apprestano a fare.
    La legge oggi già impone di chiarire la natura dell’olio e credo che scrivere “senza olio di palma” tacciandolo come il primo dei nemici per la salute pubblica mi sembra a dir poco esagerato.
    Dateci le prove scientifiche!!
    Non mi è chiara ancora una cosa..se l’olio di palma é cosi pericoloso sia per la salute ma soprattutto per l’ambiente, come mai,e mi rivolgo agli ambientalisti convinti, sul sito di Greenpalm.org pet acquistare dei ticket (procedura Bulk and Claim) a sostegno della deforestazione, per 1000 kg di palma paghi 0.7 dollari mentre per la stessa quantità di palmisto ne paghi 70?
    Sono lo stesso albero e inoltre il consumo di palma eccede quello del palmisto??????