Home / Pubblicità & Bufale / Multicentrum: un alleato contro il colesterolo! L’articolo publicato su il Giornale.it è pubblicità mascherata o vera informazione?

Multicentrum: un alleato contro il colesterolo! L’articolo publicato su il Giornale.it è pubblicità mascherata o vera informazione?

“Un nuovo alleato nella «lotta» al colesterolo”: questo il titolo dell’articolo comparso il 28 ottobre 2011 sul sito il Giornale.it  e segnalatoci da Gianna Ferretti (http://trashfood.com/). Una ventina di righe dedicate all’integratore Multicentrum cardio, che grazie alla presenza di 1,0 g di fitosteroli (oltre alle vitamine e ai sali minerali) dovrebbe “aiutare a mantenere cuore e livelli di colesterolo sani”. Più volte nel testo si ricorda che per ottenere dei benefici occorre associare il consumo giornaliero del prodotto a una dieta sana e dell’esercizio fisico.

L’articolo si conclude con un rimando per ulteriori informazioni e avvertenze direttamente al sito dell’azienda (già multata nel 2006 per pubblicità ingannevole). È a questo punto che sorge un dubbio: il pezzo che abbiamo appena letto è forse una pubblicità? Secondo l’articolo 7 del Codice di Autodisciplina “La comunicazione commerciale deve essere sempre riconoscibile come tale”. Per un’effettiva tutela del consumatore è fondamentale che la separazione tra pubblicità e testo giornalistico sia netta, anche nelle testate on-line. La differenziazione si ottiene utilizzando un carattere tipografico differente, scritte o altri accorgimenti ancora. In questo caso però il lettore ha difficoltà a classificare ciò che sta leggendo.

Per tutti questi motivi ilfattoalimentare.it ha segnalato al Giurì dell’Autodisciplina Pubblicitaria l’articolo come caso di pubblicità mascherata.

© Riproduzione riservata

  Valeria Nardi

Valeria Nardi
Giornalista

Guarda qui

Two ripe bananas with brown spots on the bright yellow table, top view, empty space.

No, le banane mature non curano il cancro. Ma la bufala continua a tornare sui social. Il mito sfatato degli esperti della Fnomceo

Ogni giorno sui social si diffondono le bufale più disparate: le più odiose sono quelle …