Home / Coronavirus / Mascherine chirurgiche: come sono fatte e come vanno usate correttamente. Il video con Antonello Paparella

Mascherine chirurgiche: come sono fatte e come vanno usate correttamente. Il video con Antonello Paparella

MascherineCon l’emergenza Covid-19 le mascherine sono al centro dell’attenzione da settimane e probabilmente ci resteranno per un po’. Ne abbiamo parlato in diversi articoli (qui uno degli ultimi), riportando le indicazioni e i consigli più accreditati. Oggi proponiamo questo video di Geo, programma in onda su Rai3, in cui Antonello Paparella, microbiologo alimentare dell’Università di Teramo, spiega come utilizzare correttamente la mascherina chirurgica e come fare con quelle fai da te.

Ed è di oggi il comunicato stampa di Coop che lancia le mascherine chirurgiche monouso a marchio della catena di supermercati (foto sopra). Saranno vendute in confezioni da 10, e si tratta di un dispositivo medico classe 1 tipo 2 (indice di filtrazione superiore al 98%), con fasce elastiche per un ottimo confort e vestibilità. Saranno vendute a 50 centesimi l’una. Secondo il monitoraggio di Coop Italia, negli ultimi 2 mesi in piena pandemia le vendite di questo presidio medico sono schizzate a +1160% rispetto allo stesso periodo di un anno fa e non accennano a diminuire. Trattandosi di un prodotto usa e getta, il problema è mantenere la continuità degli approvvigionamenti. Staremo a vedere se anche gli altri supermercati seguiranno l’esempio di Coop o se punteranno su prodotti riutilizzabili.

© Riproduzione riservata

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

centri commerciali

Centri commerciali chiusi nel weekend in Lombardia e Piemonte. Aperti alimentari, supermercati, tabaccherie, farmacie…

La regione Lombardia dopo la decisione del coprifuoco notturno dalle 23 alle 5 del mattino …

Un commento

  1. Avatar

    Da non crederci,in Svizzera quasi a zero contagi senza mascherine e pure con scuole aperte.QUi avanti con il business mascherine.E qui dati in discesa rapida anche se gli espertoni avevano teorizzato ben 150 mila persone in terapia intensiva a giugno.Di questo passo queste mascherine rischiano di diventare uno status symbol di una nazione in declino socio economico o una coperta di Linus per ipocondriaci.