Home / Lettere / Troppe macchie su quella platessa: un lettore ha dei dubbi sulla qualità. Risponde Valentina Tepedino di Eurofishmarket

Troppe macchie su quella platessa: un lettore ha dei dubbi sulla qualità. Risponde Valentina Tepedino di Eurofishmarket

platessa pesce macchie letteraIo e mia moglie dopo aver comprato una vaschetta di filetti di platessa freschi confezionati, abbiamo scoperto che la parte non visibile dei filetti presentava delle macchie scure (vedi foto). Abbiamo deciso di non consumare il prodotto ma non sappiamo come interpretare la presenza delle macchie. Voi avete qualche idea in proposito

Stefano

 

Risponde Valentina Tepedino, veterinario e direttore di Eurofishmarket.

Il lato cieco (senza occhi) e biancastro della platessa o del rombo e di altri “pesci piatti”, può naturalmente presentare “macchie” scure di varie dimensioni, in genere si tratta di aree pigmentate della livrea. Il prodotto è assolutamente sano e non presenta rischi.

 

© Riproduzione riservata

  Roberto La Pira

Roberto La Pira
Giornalista professionista, laurea in Scienze delle preparazioni alimentari

Guarda qui

farina integrale grano spighe

Aflatossine nelle farine biologiche: l’ultima bufala diffusa nel web. Ecco i dati e i documenti

Acquisto spesso prodotti biologici. Ho però scoperto di recente che alle farine biologiche viene consentito …

5 Commenti

  1. vincenzo cicirelli

    Presumibilmente si tratta di centri melanomacrofagici. Sono agglomerati melaninici che si sviluppano fisiologicamente su rene e fegato dei pesci teleostei, come forma di difesa immunitaria aspecifica. In situazioni di forte stress, possono comparire anche sul filetto. In passato è avvenuto su alcuni esemplari di salmone in Norvegia. Dott. Cicirelli, medico veterinario specializzato in ittiopatologia e piscicoltura.

  2. Fillippo Bertero

    salve dottore… sono uno stundente del terzo anno di medicina veterinaria, mi incuriosiva il “centro melanomacrofagico”… non conoscendo bene il tipo di risposte immunitarie che presentano i pesci mi domandavo:” è in pratica una specie di granuloma simile a quello dei mammiferi? e il pigmento dipende da una infiammazione cronica? o tutt’altro? oltre allo stress cosa può provocare questa risposta immunitaria?

  3. Vincenzo Cicirelli

    I melanomacrofagi sono un particolare tipo di fagociti con citoplasma infarcito di melanina o di ceroide e lipofuscine. Queste cellule formano spesso degli aggregati forniti di una discreta organizzazione che vengono definiti CMM. II numero e le dimensioni dei CMM variano e risultano incrementati in particolari situazioni come: malattie croniche, digiuno prolungato, permanenza in acque inquinate, stati patologici ed età degli individui.
    Spero di essere stato più chiaro. Rimango a tua disposizione per ulteriori chiarimenti.

  4. Fillippo Bertero

    grazie per la sua esaustiva risposta dottore.
    Purtroppo come saprà anche lei, nei primi 5 anni del nostro corso di studi si fanno ben pochi riferimenti alle specie ittiche, ed è sempre interessante potersi informare anche per vie alternative, sopratutto consultando degli esperti!
    cordiali saluti, arrivederci….

  5. Io dubito che si tratti di centri melanomacrofagici, associati a uno stato patologico, ma a mia opinione sono macchie associate alle normale pigmentazione che la cute del lato cieco presenta nei pesci piatti. Solitamente passera e platessa vengono spellati solo dal lato occhiuto quando venduti a filetti, mentre l’altro versante rimane con la cute, che naturalmente può presentare delle macchie scure su fondo bianco. Fenomeno simile a presente in macchie molto più importanti si riscontra anche nei rombi chiodati allevati, e la presenza di macchie viene usata per discriminare esemplari allevati, dove le macchie sono diffuse, da esemplari selvatici in cui vi è praticamente assenza di macchie. Nelle passere invece anche in esemplari selvatici e quindi di pesca le macchie sono comunemente diffuse.
    Mauro Vasconi DMV Specialista in allevamento, igiene, patologia delle specie acquatiche e controllo dei prodotti derivati.