Home / Packaging / Emanate le linee guida sull’etichettatura ambientale degli imballi, prevista per dicembre

Emanate le linee guida sull’etichettatura ambientale degli imballi, prevista per dicembre

Uomo che butta una bottiglietta di plastica vuota un un contenitore per la raccolta differenziata, concept: etichettatura ambientaleCon l’inizio del 2023 dovremmo poter dire finalmente addio ai dubbi su dove buttare gli imballi. Come abbiamo visto, dopo molti rinvii, le nuove etichette (decreto legislativo 3 settembre 2020, n. 116) con le indicazioni relative ai materiali e le istruzioni per il loro riciclo saranno obbligatorie per tutti gli imballaggi. L’applicazione della misura è slittata al 31 dicembre 2022 e, in vista della sua entrata in vigore, il ministero della Transizione ecologica ha emesso anche le linee guida per supportare le imprese. Si tratta di un documento di 45 pagine, elaborato tenendo conto delle proposte dal Consorzio nazionale imballaggi (Conai). 

Vediamo quali sono le indicazioni più utili per una corretta lettura e valutazione. Le informazioni contenute possono essere di tre livelli. Il primo è quello delle informazioni necessarie, che permettono di rispondere alla norma. Il secondo livello riguarda le cosiddette informazioni altamente consigliate, che rendono la comunicazione più efficace. C’è infine anche il livello delle informazioni consigliate, che permettono di arricchire l’etichettatura di contenuti utili per una raccolta di qualità (vedi schema sotto).

 

schema della prossima etichettatura ambientale
La rappresentazione schematica della composizione suggerita per l’etichetta ambientale si rivela particolarmente utile per comprenderne i contenuti

Il format proposto è il seguente. In primis si suggerisce di indicare la tipologia di imballaggio con una descrizione per esteso o una rappresentazione grafica del contenitore (bottiglia, lattina, ecc.) e delle diverse componenti separabili manualmente. Seguono le due informazioni necessarie, cioè la codifica identificativa del materiale di imballaggio di ciascuna componente separabile (per esempio Pet, Pap, ecc.) e le indicazioni sulla raccolta, specificando in modo chiaro la famiglia di materiale/i di ogni componente. Queste diciture possono essere realizzate utilizzando i codici colore unificati previsti dalla norma Uni 11686 (vedi sotto). Infine si propone (informazione consigliata) di inserire anche dei suggerimenti per una raccolta differenziata di qualità, come quello di sciacquare o di schiacciare il contenitore prima di conferirlo nei bidoni, piuttosto che di separare l’etichetta.

Ma che cosa si intende per componenti separabili manualmente? Con queste due parole  si indicano le parti che l’utente può separare completamente (salvo eventuali residui irrisori di materiale che possono restare adesi dopo la separazione),  senza rischi e con il solo utilizzo delle mani  senza dover ricorrere a ulteriori utensili. Quando ci sono però sistemi di imballaggio che prevedono un corpo principale e altre componenti accessorie non separabili manualmente (come per esempio le etichette adese, i tappi e le chiusure non separabili, piuttosto che le finestre), le etichette devono riportare obbligatoriamente la codifica identificativa del materiale del corpo principale e le indicazioni sulla raccolta (che seguono il materiale del corpo principale). Ove possibile, si può indicare la codifica del materiale delle componenti non separabili manualmente ma, rispetto a queste, non va riportata l’indicazione sulla raccolta.

codici colore previsti dalla norma Uni 11686 per l'etichettatura ambientale
I codici colore per i materiali sono stabiliti in maniera univoca per aiutare i cittadini a realizzare correttamente la raccolta anche fuori dai luoghi abituali

Per adempiere all’obbligo di etichettatura ambientale degli imballaggi è consentito anche il ricorso a canali digitali (es. App, QR code, siti web). Questi sistemi possono sostituire completamente o integrare le informazioni riportate sull’imballaggio. Naturalmente, quando questo avviene, devono essere riportate sul contenitore o nel punto di vendita, sia esso fisico o virtuale, le istruzioni per consentire al cittadino di avere le informazioni ambientali obbligatorie tramite i canali digitali. Per rendere disponibili le informazioni di etichettatura ambientale è possibile utilizzare uno strumento digitale che rimanda a una pagina dedicata a patto che l’accesso all’informazione risulti facile e diretta. Nel frattempo, fino a esaurimento scorte, è possibile per gli operatori commercializzare i prodotti privi dei nuovi requisiti di etichettatura già immessi in commercio o già provvisti di etichetta al 1° gennaio 2023.

© Riproduzione riservata; Foto: Depositphotos, ministero della Transizione ecologica

Da 12 anni ilfattoalimentare racconta con i suoi articoli cosa succede nel mondo dei supermercati, quali sono le insidie nelle etichette, pubblica le sentenze sulle pubblicità ingannevoli oltre che segnalare il lavoro delle lobby che operano contro gli interessi dei consumatori.

In questi anni ci hanno sostenuto decine di aziende grandi e piccole con i loro banner e moltissimi lettori con le donazioni.
Tutto ciò ha reso possibile la sopravvivenza di un sito indipendente senza un editore, senza conflitti di interesse e senza contributi pubblici.

Il Fatto Alimentare dà l'accesso gratuito a tutti gli articoli e ai dossier. Questo perché in rete tutte le persone hanno il diritto ad avere un'informazione libera e di qualità, senza il vincolo di dovere pagare. Tutto ciò è possibile grazie alle migliaia di lettori che ogni giorno ci leggono e ci permettono di sfiorare 20 milioni di visualizzazioni l'anno, senza la necessità di farcire gli articoli con pubblicità invasive.

Sostieni ilfattoalimentare ci vuole solo un minuto clicca qui. Se vuoi puoi anche sostenerci con un versamento mensile.

Roberto La Pira

 

  Luca Foltran

Esperto di Food Contact - Linkedin: Foltran Luca - Twitter: @foltranluca

Guarda qui

acquario di genova acqua brick tetrapack

Anche l’Acquario di Genova dice basta all’acqua in bottiglie di plastica: arrivano i brick firmati

Anche l’Acquario di Genova, il più grande d’Europa, dice basta alle bottiglie di plastica monouso: …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *