Home / Lettere / Povera pasta: GranoSalus sbarca alla Camera dei Deputati con bufale e mezze verità. Le perplessità di un lettore

Povera pasta: GranoSalus sbarca alla Camera dei Deputati con bufale e mezze verità. Le perplessità di un lettore

L’associazione GranoSalus ha tenuto una conferenza stampa alla Camera dei Deputati

GranoSalus, l’associazione che nelle scorse tanto ha fatto parlare di sè per le accuse allarmistiche a diversi grandi marchi di pasta di usare grano estero contaminato (di cui Il Fatto Alimentare ha già parlato), il 16 marzo ha tenuto una conferenza stampa presso la Camera dei Deputati. Un lettore ci scrive per condividere le sue perplessità riguardo ad alcuni punti discussi durante l’evento.

Ieri non ho potuto fare a meno di rovinarmi la serata sfogliando il documento con cui GranoSalus insiste nel suicida proposito di denigrare la pasta italiana e, non soddisfatta del clima di dubbio creato fra la maggioranza dei consumatori (purtroppo anche internazionali), porta lancia in resta le sue bufale in Parlamento con una roboante “conferenza stampa”. Il metodo sa di classico populismo: mezze verità condite da dati scientifici fuori contesto, artatamente montati per fare scandalo e promuovere rivolte forcaiole contro un generico perfido establishment. Alcuni punti chiave rivelano con chiarezza quanto queste bufale siano da contrastare.

Dopo DON, glifosato e cadmio, GranoSalus agita lo spettro di Chernobyl e della radioattività

L’Ucraina esporta certamente “grano” in Italia ma è quello tenero, non certo il duro per la pasta. Metterla in mezzo agli altri veri esportatori (Canada, Messico, USA, Kazakistan) è retorica acchiappaforcaioli che confida nello spettro di Chernobyl. Difatti, in fondo al documento c’è anche una presuntuosa tabellina di valutazione con tanto di declassamento per “radioattività”… o forse hanno ancora in mente l’altra ghiotta bufala del Creso?

La auspicabilissima, ma utopistica (chi paga?), griglia della qualità con cui si dovrebbe aumentare il prezzo del grano in base alla sua qualità è un autogol clamoroso, perché oltre le pompose chiacchiere retoriche, quando si scende nei pragmatici numeri, secondo la loro stessa tabella, la premialità maggiore dovrebbe andare a grani con livelli di micotossine DON e residui di glifosato uguali a quelli che sono stati invece segnalati come prova della loro contaminazione e provenienza estera oggetto della recente campagna scandalistica di fine febbraio.

La presenza di DON è stata usata per “svelare” la provenienza estera del grano, ma è presente anche in quello italiano

Per quanto riguarda il grano estero, lì nelle fredde steppe degli avvelenatori canadesi, forse il rischio è il glifosato per asciugare il grano verde e immaturo, non certo il Fusarium che predilige ben altri andamenti climatici. Strumentalizzare i “rassicuranti” dati del progetto Micoprincem-Mipaaf-CREA (la scienza si usa solo quando fa comodo) a sostegno della ben nota salubrità dei grani meridionali (almeno per il DON, ma non c’è solo lui), si porta dietro un nuovo fronte di nemici: non più le perfide giubbe rosse, ma stavolta anche gli ex amici toscani e marchigiani colpevoli di contaminazioni “quadruple”, per non parlare degli emiliani che nel 2008 fecero impallidire gli Yankee. Ma allora il livello di DON non era un’evidente prova delle truffaldine importazioni? E il dubbio che al di là dei dati medi, fra annate sfavorevoli e picchi massimi si possa avere anche qualche scheletro, raro ma non del tutto assente anche al Sud non sfiora proprio i lanciatori di fango autoricadente?

© Riproduzione riservata

sostieni

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal). Clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare.  Clicca qui

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

glass of soda water and sugar

Sugar tax, anche Ansisa aderisce alla campagna per una tassa sullo zucchero: “usiamola per finanziare l’educazione alimentare”

Il consiglio direttivo e i referenti regionali dell’Associazione italiana specialisti in Scienza dell’Alimentazione (Ansisa) hanno …

3 Commenti

  1. Ma siete proprio convinti che tanto peggio e tutto uguale, sia il meglio per i consumatori, e banalizzare il problema non è contrario alla vostra missione di chiarezza e trasparenza?
    La ricerca del miglior risultato possibile, non è lo scopo della tecnologia alimentare, della sicurezza degli alimenti e del benessere dei clienti consumatori?
    Il made in Italy da proteggere e sostenere in tutti i comparti e fasi della produzione nazionale, non è sempre sostenibile se entrano in gioco interessi diversi di qualche grande produttore ed esportatore del fatto in Italia, ma con qualsiasi materia prima?
    Ho solo domande che non chiedono risposte, ma solo maggior attenzione alla sensibilità ormai acquisita dai consumatori italiani ed alla sorte dei nostri migliori produttori di ottime materie prime, che tutto il mondo c’invidia e ci chiede.

  2. Se si ha la pazienza di seguire un link e leggere un articolo si vorrebbe un articolo esaustivo, informativo, non uno scritto pieno di riferimenti per addetti ai lavori, questo articolo sembra scritto solo per polemica tra addetti. Io vi chiedo chiarezza. grazie

  3. concordo ..un articolo già “tendenzioso di base” che non porta dati scientifici o prove per confutarne altri ma solo un “commento/parere” a confermare ciò che pensa “UN LETTORE” molto molto spassionato che dice di un “suicida proposito di denigrare la pasta italiana”
    mahhh