Home / Packaging / La doppia vita dei fondi di caffè: Lavazza e Novamont insieme per convertire il rifiuto in un ottimo compost da cui nascono funghi

La doppia vita dei fondi di caffè: Lavazza e Novamont insieme per convertire il rifiuto in un ottimo compost da cui nascono funghi

capsule di caffe Lavazza
Dai fondi di caffè e dalle capsule si possono ottenere  funghi commestibili

Dopo il progetto “capsule green” (capsule per il caffè compostabili) realizzato a inizio anno, Lavazza e Novamont hanno presenziato alla COP21, la Conferenza Internazionale sui cambiamenti climatici delle Nazioni Unite in programma a Parigi conclusasi, con la presenza di 195 paesi e oltre 50.000 persone tra delegati dei paesi membri, osservatori, ONG, media e rappresentanti della società civile.

Le due aziende italiane, partner di Shamengo ( ONG creata nel 2011 per sviluppare soluzioni in favore di un futuro sostenibile e rispettoso dell’ambiente secondo la filosofia dell’economia circolare)  hanno portato avanti un progetto di raccolta e riutilizzo di fondi esausti di caffè come supporto per la produzione di funghi commestibili.

macchine per caffè
Il materiale ottenuto dalle fioriture di funghi si è rivelato anche più nutriente

Durante i sei mesi di Expo i  fondi di caffè – raccolti giornalmente da Amsa (Azienda Milanese Servizi Ambientali) presso lo spazio della Lavazza sono stati miscelati con spore  e posti in speciali silos. Attraverso una procedura particolare sperimentata in Francia per ogni chilo di fondi di caffè sono stati ottenuti 300 grammi di funghi commestibili della famiglia Pleorotus Ostreatus. I fondi di caffè  sono particolarmente adatti ad essere utilizzati come compost perché sono ricchi di sostanze nutrienti.

Inoltre, il materiale ottenuto dopo le diverse fioriture dei funghi è stato utilizzato come concime per le coltivazioni agricole, dimostrando proprietà nutritive e organolettiche superiori alla norma. Adesso bisogna andare avanti e creare una filiera industriale. Ma la ricerca non si ferma qui. Il progetto prevede la produzione di farmaci, cosmetici e biocarburanti ricavabili dall’olio estratto dai fondi di caffè.  Si tratta di un modello di economia circolare costruito intorno alle capsule compostabili  che dopo essere recuperate come rifiuto umido e avviate al compostaggio industriale diventano compost per il terreno.

 

 

 

 

  Luca Foltran

Luca Foltran
esperto sicurezza dei materiali

Guarda qui

bottiglie plastica mare inquinamento

Riciclare la plastica e viaggiare gratis? Adesso a Roma si può

La Svezia, una delle nazioni più green d’Europa, è famosa in particolar modo per un …

9 Commenti

  1. Avatar

    Si esatto si prestano molto bene i fondi di caffè anche per la crescita dei funghi, ne abbiamo parlato anche noi di come riutilizzare i fondi di caffè con questa guida http://www.ilmondodelcaffe.it/il-nostro-blog/39-come-riutilizzare-i-fondi-di-caffe-in-10-punti

  2. Avatar

    Immagino che il problema maggiore, veramente impegnativo, sia rappresentato dalla raccolta differenziata dei fondi di caffè ancora in condizioni idonee al riutilizzo anche come compost

    • Avatar

      Hai ragione, perchè attualmente non esistono sistemi di raccolta differenziata che raccolgono separatamente i fondi di caffè, come ad esempio avviete per l’olio esausto

  3. Avatar

    esatto ilmondodelcaffe, per il momento non esistono

  4. Avatar

    I fondi di caffè vanno nell’umido, quindi vanno già ad alimentare la produzione di compost, o comunque vengono riciclati. Il problema è e sarà sempre più costituito dalle capsule di caffè esauste che vanno attualmente ad ingrossare il rifiuto indifferenziato, solo un azienda al momento produce capsule compostabili.

  5. Avatar

    Infatti! Al momento le uniche capsule compostabili sono Vergnano, tutto il resto và nell’indifferenziato.

    • Avatar

      A casa nostra apriamo le capsule esauste e differenziamo la polvere del caffè dalla plastica della capsula… E non siamo dei marziani. Basta farlo una tantum

  6. Avatar

    Cara Stefania, penso che siano veramente poche le persone che si cimentano in questa attività!