Home / Pianeta / L’impronta ambientale, questa sconosciuta. I consumatori sottostimano di molto le emissioni di CO2 legate al cibo, rivela uno studio

L’impronta ambientale, questa sconosciuta. I consumatori sottostimano di molto le emissioni di CO2 legate al cibo, rivela uno studio

vegetarian chooses salad instead of fried meatQuanto ne sappiamo dell’impronta ambientale, cioè delle risorse consumate dal cibo che mangiamo? E se ne sapessimo di più, compiremmo scelte più razionali dal punto di vista della salute del pianeta? Le risposte a queste due  domande sono, rispettivamente, 1) pochissimo e con una generale tendenza alla grave sottovalutazione e 2) certamente. Questo è quanto emerge da uno studio pubblicato su Nature Climate Change dai ricercatori dell’Università di Sidney e della Duke University di Durham (North Carolina) che, per la prima volta, hanno provato a verificare il livello di consapevolezza dei consumatori e l’efficacia di una corretta informazione. Il risultato è stato forse quello che poteva essere più prevedibile, ma ha rivelato anche aspetti meno scontati e molto utili per un’eventuale programmazione di interventi di salute pubblica e per la tutela dell’ambiente.

Per raccogliere i dati, gli autori hanno selezionato mille consumatori e hanno chiesto di esprimere un’opinione relativa alle emissioni di gas serra su 19 alimenti e 18 strumenti elettrici. I ricercatori hanno così scoperto che c’è una grave sottostima delle emissioni associate alla produzione di cibo, che rappresenta – solo per quanto riguarda i bovini e gli ovini – il 18- 19% del totale.

Per capire quanta ignoranza ci sia sul tema, i ricercatori hanno poi chiesto quale sia la differenza, in termini di impronta ambientale, tra una zuppa vegetale e una di manzo (che è superiore di dieci volte). La maggior parte degli intervistati ha risposto “non molta”, anche quando dichiarava di voler fare qualcosa di concreto per ridurre le conseguenze ambientali della propria alimentazione. Pochissimi dei partecipanti hanno affermato di voler diminuire il consumo di manzo, per contribuire allo sforzo globale.

Nella seconda fase gli autori hanno voluto verificare se l’aggiunta, sulla confezione delle zuppe, di un’etichetta specifica sull’impronta di CO2, espressa con cinque stelle, contribuisse o meno a modificare i comportamenti e in generale il livello di consapevolezza. La prova ha dimostrato che i consumatori comprano meno zuppe di manzo e più prodotti vegetali quando sono informati. 

Chiara la conclusione: un intervento (apparentemente) semplice come questo potrebbe dare un grande contributo alla modifica dei comportamenti individuali, che sono poi l’unica vera leva che può cambiare le abitudini, la cultura alimentare e, di conseguenza, le scelte dei cibi e l’impronta a essi associata.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

  Agnese Codignola

Agnese Codignola
giornalista scientifica

Guarda qui

L’allevamento causa il 50% delle emissioni legate alle attività agricole. Come fare a ridurle?

Nel nostro Paese, il 50% delle emissioni di gas a effetto serra legate alle attività …