;
Home / Coronavirus / Green pass: Sterilgarda invita i lavoratori e i fornitori a presentarsi dal mese di settembre con la certificazione verde

Green pass: Sterilgarda invita i lavoratori e i fornitori a presentarsi dal mese di settembre con la certificazione verde

Sterilgarda, una grossa realtà del settore lattiero caseario del Nord-Italia, lunedì 26 luglio ha inviato una lettera a tutti i fornitori in cui annuncia che dal 1 settembre 2021  i soggetti che entrano in azienda dovranno avere il Green pass. Le 600 persone esterne che periodicamente si alternano negli stabilimenti, per accedere al perimetro aziendale dovranno quindi esibire il certificato verde. Nella comunicazione si precisa che: “l’obbligo è espressione diretta dell’esecuzione dei reciproci  doveri  imprenditoriali secondo correttezza e buona fede nel rispetto in particolare del diritto alla salute di ognuno”.

La lettera prosegue precisando che chi risulterà privo di Green pass per la mancata sottoesposizione all’iter vaccinale, verrà sospeso della prestazione prevista e sostituito. Il discorso vale anche per i 338 dipendenti, ma con la precisazione – indicata sin nel primo documento – di una regolamentazione condivisa. “Queste decisioni sono state prese  per sensibilizzare le aziende dei fornitori e i lavoratori interni non per liquidare qualcuno – precisa Silvia Sarzi portavoce di Sterilgarda – . In oltre 50 anni di attività non abbiamo mai licenziato. Abbiamo concepito il provvedimento per salvaguardare tutti i lavoratori e il diritto al lavoro e alla salute. Avere il Green pass per noi è una scelta civica ed etica”.

In ogni caso il 9 agosto è prevista una tavola rotonda con il sindacato interno e il medico del lavoro e in questa sede si affronterà il tema dell’introduzione del Green pass come requisito per entrare in azienda. Tutto ciò in attesa che il Governo e le parti sociali prospettino una soluzione concordata che Sterilgarda, come ha fatto sinora, applicherà immediatamente.

© Riproduzione riservata

Il Fatto Alimentare da 11 anni pubblica notizie su: prodotti, etichette, pubblicità ingannevoli, sicurezza alimentare... e dà ai lettori l'accesso completamente gratuito a tutti i contenuti. Sul sito non accettiamo pubblicità mascherate da articoli e selezioniamo le aziende inserzioniste. Per andare avanti con questa politica di trasparenza e mantenere la nostra indipendenza sostieni il sito. Dona ora!

Roberto La Pira

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

pillole olio di pasce omega 3 vitamina D integratori

Vitamina D per prevenire il Covid-19? Il parere del BfR: integratori utili solo se c’è carenza e sotto controllo medico

La vitamina D è stata e continua a essere uno dei grandi protagonisti della lotta …

15 Commenti

  1. Avatar

    Se iniziano a rendere obbligatorio il Green pass in troppi ambienti (soprattutto privati) oltretutto con modi non del tutto “gentili” (minacciare o eseguire sospensioni), devono dare una alternativa valida a chi per un motivo o l’altro non abbia il vaccino ad eseguire un tampone ufficioso o ad ottenere il certificato verde mediante tampone gratuito o ad un prezzo irrisorio. La cosa inizia ad essere ridicola. Anche perché le norme igienico sanitarie di prevenzione devono seguirle tutti.

    (Prego Astenersi estremisti con polemiche non argomentate)

  2. Avatar

    Dura lex, sed lex

    • Avatar

      Esatto! Finalmente qualcuno che dice qualcosa di sensato 😉 dall’art. 32 della nostra Costituzione

  3. Avatar

    Questa però non è lex, questo è un obbrobrio illegittimo e discriminatorio. E non ha nessuna valenza medico sanitaria.

  4. Avatar

    Non è stato esattamente un invito quello che Sterilgarda ha fatto ai suoi dipendenti, ma una vera e propria minaccia di licenziamento. Dovreste correggere il vostro titolo. Ed è dovuto a questo ricatto che ho preso la decisione di non comprare i prodotti a marchio loro o che producono per terzi.

    • Avatar

      Dopo un massiccio invio di mail di proteste a Sterilgarda nelle quali si boicottava anche l’acquisto del latte l’azienda ha inviato un comunicato stampa di chiarimento dove precisa che non è loro intenzione liceziare nessuno o meglio . Si vedrà cosa uscirà fuori dall’incontro con i sindacati. Comunque il comunicato di chiarimenti è disponibile in rete ed è datato 27 luglio.

    • Avatar

      Concordo. E siamo tanti che non compreremo più i prodotti.

    • Avatar

      concordo e mi allineo. Aggiungo che tutta questa improvvisa attenzione alla sicurezza in azienda è contraddetta dalle cronache, che ogni giorno c’informano di tragedie – anche raccappriccianti – e d’incidenti che vanno sotto il nome di “omicidi bianchi”

  5. Avatar

    Leggendo l’ultima parte dell’articolo mi sembra ci sia una contraddizione in termini con il resto. Sterilgarda dice di non aver mai licenziato nessuno ma dice anche espressamente che personale esterno e dipendenti non possono entrare senza Green pass. La domanda quindi è: cosa accade ai dipendenti che non fanno il vaccino e quindi non hanno il greenpass? Non vengono licenziati? E quindi lavoreranno in Smart work sempre? Oppure, pur non avendo mai licenziato, come dicono loro, inizieranno da domani a licenziare?

  6. Avatar

    Scelta etica sensata. Perchè dovrebbero mettere a rischio i dipendenti che hanno fatto sacrifici questi mesi, mantenendo distanza sociale, non vedendo parenti e amici, per colpa di qualcuno che se ne frega e vuole mettere a rischio la propria saluta, quella degli altri dipendenti e l’incolumità dell’azienda stessa?

  7. Avatar

    Anche io NON comprerò più alcun prodotto a marchio Sterilgarda.. Un’azienda che minaccia di licenziare o far cambiare mansione perché non ti vaccini non è un’azienda..

    • Avatar

      vai tranquillo fra, comprerò io la tua quota!

      per me dovrebbe essere obbligatorio il green pass anche per commentare.

    • Avatar

      Allora perché non fate la stessa cosa per quelle aziende che delocalizzano la produzione verso paesi dell’Est Europa. Whirpool docet!!! Io già lo faccio

  8. Avatar

    E’ la terza volta che scrivo chiedendo di partecipare al dibattito e NON sono mai ammesso! Perchè?
    Questo estenuante dibattito ha diverse implicazioni e vi sono tante considerazioni da tener presente per effettuare una discussione costruttiva.
    1) Il principio base e la parola “magica” che sono impiegati da un po’ di tempo da quello che si può ben definire propaganda mainstream è IMMUNIZZATI. Questo è il concetto base da cui conseguono le posizioni “oltranziste” di chi si è vaccinato o da chi comunque crede che, come affermato dalla propaganda, il vaccino sia l’unica cura possibile.
    2) Consiglio di seguire attentamente, non tanto le considerazioni del giornalista che, giustamente potrebbero essere non condivisibili o condivisibili, quanto le parole testuali di Anthony Fauci: https://vimeo.com/581320654 (al minuto 3.52) per rendersi immediatamente conto che questa parola, IMMUNIZZATI, è pura propaganda NON supportata da fatti scientifici. NOTA: You tube ha censurato questo video e spero che qualche “benpensante” o “dama di San Vincenzo” o “viola mammola” non dica che la censura è una cosa medioevale!
    3) Il fatto che l’unica cura: il “VACCINO” sia propagandata è altrettanto scandalosa in quanto vi sono più di 100 000 persone curate a casa con 0 ricoveri; 100 000 si approssima molto bene al numero di morti (è poi da verificare il criterio di conteggio) attribuiti al COVIS-19. Si tratta di un protocollo medico che utilizza farmaci del prontuario nazionale. Quale ragione scientifica si oppone al trattamento immediato con questo protocollo al posto delle parole magiche: Tachipirina (un antipiretico che nulla ha a che vedere con la tempesta citochinica) ed attesa vigile? Sulla VIGILE attesa poi basta seguire la pseudo SORVEGLIANZA ATTIVA post vaccino (che è del tutto assente) per comprendere che la vigile attesa altro non è che attesa di essere ricoverato e di rischiare una situazione irreparabile. Pensate che all’Istituto Mario Negri vi siano quelli che quando hanno affermato che al posto della Tachipirina è molto più produttivo usare la normale aspirina (antinfiammatorio, inibitore di Ciclossigenasi e Lipossigenasi)? La domanda è perché NO? Perché questa cocciuta e perversa ostinazione nel non affrontare “scientificamente” il problema della cura? Pensate davvero che la farmacologia del 2021 possa contare solo su tachipirina e vigile attesa? Sarebbe sconfortante! (seguite questo video per comprendere un po’ di più: https://www.byoblu.com/2021/08/04/chiediamo-allistituto-superiore-di-sanita-trasparenza-sui-dati-dei-vaccinati-e-sui-decessi-covid19-franco-trinca/)
    4) Per chi poi vogli avventurarsi in considerazioni e studi ad un certo livello consiglio caldamente di perdere un’ora e mezza per seguire questa trasmissione che, viene assolutamente censurata dai mezzi di comunicazione mainstream, ormai non AVVEZZI al contraddittorio e tutti proni a sostenere, acriticamente, il pensiero UNICO. L’intervista è con il presidente di “M-CAM International Innovation Risk management” e si trova al seguente link https://rumble.com/vkcxp7-finalmente-tutte-le-prove.html?mref=22lbp&mrefc=2 , invito tutti a prendere nota del numero di ogni singolo brevetto e di verificarlo dato che il panorama è DESOLANTE per non dire APOCALITTICO. L’intervista è in lingua Inglese ma, vi sono i sottotitoli in Italiano.
    5) Con oggi, come disse qualcuno di più famoso di noi circa 2000 anni fa: TUTTO E’ COMPIUTO. Hanno violato l’art. 32 della Costituzione, in particolare nell’ultimo paragrafo: “La legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana”. Secondo voi l’ultima comparsata del DL del governo è in accordo con questo? Lo stesso dicasi per il precedente DL 44/2021 convertito in legge ed a cui i “benpensanti” si appellano perché la legge consente l’obbligo! Dimenticando l’ultimo paragrafo. Poi, Come può un provvedimento nazionale sovrastare un regolamento comunitario? Parlo del 953/2021, dove al considerando 32 (che curiosamente, nella prima pubblicazione e solo per la lingua Italiana era diverso rispetto a tutte le altre lingue). Questo era il testo ORIGINALE: “È necessario evitare la discriminazione diretta o indiretta di persone che non sono vaccinate, per esempio per motivi medici, perché non rientrano nel gruppo di destinatari per cui il vaccino anti COVID-19 è attualmente somministrato o consentito, come i bambini, o perché non hanno ancora avuto l’opportunità di essere vaccinate.” Questo è il testo RETTIFICATO (il 5.7.2021): “È necessario evitare la discriminazione diretta o indiretta di persone che non sono vaccinate, per esempio per motivi medici, perché non rientrano nel gruppo di destinatari per cui il vaccino anti COVID-19 è attualmente somministrato o consentito, come i bambini, o perché non hanno ancora avuto l’opportunità di essere vaccinate o HANNO SCELTO DI NON ESSERE VACCINATE.”. Che sia un caso? E poi che cosa si intende per DISCRIMINARE? Non è discriminare minacciare il licenziamento delle persone perché non vogliono seguire un trattamento sanitario SPERIMENTALE (questa è la definizione esatta e che è sempre stata ignorata vergognosamente da stampa e televisioni mainstream: l’EMA ha sempre detto APPROVATO CONDIZIONALMENTE che non significa APPROVATO!!)
    6) Hanno violato la legge n. 145 del 2001 di ratifica ed esecuzione della Convenzione di Oviedo. Hanno violato il trattato di Norimberga….tutto, hanno violato tutto tanto il gregge più di “belare” non fa!
    7) Purtroppo, per argomentare correttamente bisogna studiare ed informarsi (quanti di voi sono in grado di leggere le pubblicazioni su PubMed?). Finora ho sentito solo argomentazioni basate su emotività (mal di pancia) e menzogne: a cominciare dal famoso articolo pubblicato su Lancet (prestigiosa!) rivista medica che ha fatto ritirare idrossiclorochina (2-[4-[(7-chloroquinolin-4-yl)amino]pentyl-ethylamino]ethanol) per poi precipitosamente ritirare la pubblicazione stessa in quanto FALSA e soprattutto NON CONTROLLATA.
    8) Infine, per quelli che “giustamente” credono nel potere taumaturgico del vaccino e che credono così all’IMMUNIZZAZIONE, di che avete paura…siete immunizzati, o no? E’ giusto volersi vaccinare NON DOVERSI VACCINARE e lo dice uno che i vaccini li ha fatti tutti e crede nel loro potere. Tuttavia, non dimenticate il punto 4 che vi APRIRA’ GLI OCCHI in maniera definitiva.