Home / Pubblicità & Bufale / Fruit-tella, stop alle pubblicità su Instagram. Lo Iap dice no alla presenza di bambini: troppo piccoli per le caramelle pubblicizzate

Fruit-tella, stop alle pubblicità su Instagram. Lo Iap dice no alla presenza di bambini: troppo piccoli per le caramelle pubblicizzate

fruit-tella veggy amiciL’Istituto di autodisciplina pubblicitaria ha censurato alcune pubblicità dei prodotti Fruit-tella Veggy Amici di Perfetti Van Melle diffusi nel dicembre 2018 attraverso gli account Instagram di alcuni influencer (i cui nomi non sono stati resi pubblici). Il provvedimento è scattato in seguito alla segnalazione di Marta Gelain, dietista nutrizionista che ha anche organizzato una campagna di corretta informazione via social. Secondo il Comitato di controllo le pubblicità hanno violato l’articolo 12bis del Codice di autodisciplina pubblicitaria sulla sicurezza dei prodotti. Lo Iap ha contestato infatti la presenza nelle immagini di bambini troppo piccoli per consumare il tipo di caramelle pubblicizzate.

I post incriminati  – che è bene ricordare risultavano correttamente segnalati come messaggi pubblicitari contrariamente a quanto contestato ad altri influencer in passato –  mostravano immagini di persone insieme ai figli piccoli e le confezioni di caramelle Fruit-tella Veggie Amici. Le fotografie erano corredate da didascalie del tipo  “…senza ingredienti di origine animale, senza glutine, con aromi naturali, con succo di frutta e moltissimo gusto!…” e “…sono una più buona dell’altra”.

Lo Iap critica la presenza dei bambini molto piccoli a fianco delle caramelle e messaggi come“Sapete come io faccia scelte attente ormai da molto tempo per me e la mia famiglia: con Fruit-tella possiamo concedere qualche peccato di gola in più ai nostri bimbi con più serenità”, “…con Fruit-tella mi sento tanto tranquilla…ogni tanto mi piace concedere ai bimbi qualche “peccato di gola” ovviamente sotto il mio controllo…”. Si tratta di frasi che possono indurre i consumatori a pensare che il prodotto sia adatto anche ai bambini piccoli quando non è così.

Per lo Iap, non è stato sufficiente accompagnare l’immagine pubblicitaria con l’avvertenza  “Tengo a precisare che la foto è a scopo illustrativo perché queste caramelle sono adatte a bimbi più grandi” (come rilevato in uno dei post censurati).

L’Istituto ricorda che le Linee guida per la prevenzione del soffocamento da cibo in età pediatrica del Ministero della salute indicano le caramelle dure e gommose e le gelatine come non adatte ai bambini di età inferiore ai 4-5 anni e sono quindi da evitare.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Giulia Crepaldi

Giulia Crepaldi

Guarda qui

Adriano Panrizoni

Panzironi non rispetta la sentenza dell’Antitrust, probabile l’arrivo di altre pesanti sanzioni

Adriano Panzironi rischia una seconda pesante sanzione dall’Antitrust dopo quella di 476 mila euro del …