Home / Video News / Nel frigorifero ogni alimento ha il suo ripiano: il video dell’Istituto zooprofilattico delle Venezie

Nel frigorifero ogni alimento ha il suo ripiano: il video dell’Istituto zooprofilattico delle Venezie

video frigorifero izsveNel frigorifero vanno conservati tutti gli alimenti deperibili, cioè quelli che devono essere mantenuti a una temperatura media di 4°C per rallentare lo sviluppo dei microrganismi. Ma qual è il ripiano giusto per la carne? Dove vanno messi i formaggi? E gli avanzi? Per aiutarci a mettere tutti gli alimentari al posto giusto l’Istituto zooprofilattico delle Venezie ha realizzato un semplice video.

Per prima cosa bisogna ricordare che all’interno del frigorifero non tutti i ripiani hanno la stessa temperatura, perché il freddo tende naturalmente a scendere verso il basso, mentre l’aria calda sale. Le temperature sono più alte anche per il cassetto della verdura e per lo sportello. Un’altra cosa da ricordare è che i cibi cotti devono essere sempre separati da quelli crudi, per evitare contaminazioni crociate. Detto questo ecco i consigli dell’IzsVe.

Nei ripiani più alti vanno riposti gli alimenti già cotti e gli avanzi da consumare in breve tempo. Scendendo verso il basso, in quelli centrali, vanno conservate le uova, i salumi, i latticini (latte compreso) e i dolci che contengono panna o creme. Il ripiano più in basso, invece, è il posto di carne e pesce crudi.

Frutta e verdura vanno invece riposti nell’apposito cassetto, perché il resto del frigorifero potrebbe essere troppo freddo, mentre nello sportello, la parte più calda dell’elettrodomestico, si possono ritirare solo cibi che richiedono una leggera refrigerazione, come le bevande e il burro.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Come si conserva l’olio extravergine d’oliva? I consigli di Antonello Paparella, microbiologo alimentare

L’olio extravergine di oliva è il condimento principale della dieta mediterranea ed è presente nelle …

2 Commenti

  1. Avatar

    Ottimo articolo e filmato. Nella realtà le cose non sono sempre così lineari. Inoltre c’è un altro fattore da tenere in considerazione e cioè la temperatura esterna dell’ambiente i cui è sistemato il frigorifero e la sua capacità di isolamento e di raffrescamento: un conto è mettere al fresco un etto di burro, un altro un kilo di carne più verdure, ecc. Insomma quando si fa spesa si carica il frigo e questi macina macina sino al raggiungimento della temp. di conservazione ma entro quanto tempo? A questo proposito è utile acquistare frigoriferi di classe T (sino a 43° C)?

    Grazie

  2. Avatar

    Video e contenuti molto chiari e sintetici, davvero utile!