Home / Pubblicità & Bufale / FitoBalt Monastic Tea: l’antitrust interviene e sanziona. False le proprietà antiparassitarie vantate

FitoBalt Monastic Tea: l’antitrust interviene e sanziona. False le proprietà antiparassitarie vantate

FitoBalt Monastic TeaFitoBalt Monastic Tea: Altroconsumo e Agenzia italiana del farmaco (Aifa) hanno segnalato all’Autorità garante della concorrenza e del mercato (Agcm) la pubblicità gravemente ingannevole di questo tè, che promette al consumatore di liberarsi di infezioni in corso e di avere effetto antiparassitario certificato contro qualsiasi parassita umano. L’azienda produttrice Digital Laboratory sia Alexander Kazachkov molto attiva nella vendita online (bollettino 42/2018), è stata così sanzionata con una multa di 20mila euro.

Il prodotto nella pubblicità vantava  la possibilità di prevenire e contrastare infezioni parassitarie e di migliorare la funzionalità dell’organismo. Come fatto aggravante è stata rilevata l’impossibilità di verificare l’identità, il ruolo e il recapito geografico dei (presunti) professionisti di riferimento, fatto che impedisce al consumatore di contattarli per esercitare i diritti di legge. Il tè risulta composto da foglie di betulla, corteccia di quercia, calendula, menta piperita, tanaceto, assenzio, camomilla, ulignosa, achillea, agrimonio e salvia medica e non richiede ricetta medica, elemento sbandierato come vantaggio per l’acquirente.
FitoBalt Monastic Tea
Le immagini pubblicitarie del prodotto sono particolarmente accattivanti e rinforzano l’attrattiva all’acquisto su persone inesperte e vulnerabili

Appare evidente l’impossibilità per questa miscela di uccidere “gli organismi dannosi” e di “ripristinare i tessuti danneggiati e rimuovendo l’intossicazione”. Altre informazioni scorrette sono quelle che fissano in sole tre settimane di assunzione risultati miracolosi : “nel 100% dei casi il tè antiparassitario ha liberato i pazienti dai parassiti o li ha aiutati a diminuirne significativamente il numero (in caso di forti infezioni)”.  Nel messaggio l’asserita capacità terapeutica viene rafforzata dal claim, privo di riferimenti bibliografici, secondo cui il prodotto è “certificato e testato clinicamente”.

Il numero di norme infrante dei Regolamenti in vigore relativi alle indicazioni nutrizionali sui prodotti alimentari, è elevato. In particolare i claim pubblicitari contrastano con i principi sanciti dall’art. 7 del
Regolamento (UE) n. 1169/2011 con specifico riferimento sia alle caratteristiche del prodotto alimentare sia all’attribuzione di effetti di natura terapeutica.
© Riproduzione riservata
Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

  Elena Mattioli

Elena Mattioli

Guarda qui

close up of friends with beer bottles outdoors

La pubblicità della birra fa presa sui ragazzi: più le aziende spendono in marketing, più salgono le vendite tra gli adolescenti

A guardare i numeri, la strategia risulta molto evidente: le aziende di alcolici e, nello …