Home / Richiami e ritiri / Farina di grano tenero richiamata per soia non dichiarata in etichetta. Via dagli scaffali anche ostriche dalla Francia per norovirus

Farina di grano tenero richiamata per soia non dichiarata in etichetta. Via dagli scaffali anche ostriche dalla Francia per norovirus

farina grano tenero tipo 0 tmtIl Ministero della salute ha diffuso il richiamo di un lotto di farina di grano tenero di tipo ‘0’ a marchio ‘T.M.T. dal 1960’ per la presenza dell’allergene soia non dichiarato in etichetta. Il prodotto interessato è venduto in confezioni da 1 kg con il lotto di produzione 07/08/2018, che coincide con la scadenza.

La farina richiamata è stata prodotta da Sarti Giovanni e Figli snc, nello stabilimento di viale Indipendenza 9/a, a Montecastelli di Umbertide (PG). Si raccomanda ai soggetti allergici alla soia di non consumare il prodotto richiamato e di riportarlo al punto vendita di acquisto per il rimborso. La farina è del tutto sicura per i consumatori che non soffrono di allergia alla soia.

ostriche crude Oltre alla farina, il Ministero ha pubblicato anche il richiamo di un lotto di ostriche concave (Crassostrea gigas) a marchio Gisa srl, in seguito alla rilevazione di RNA virale di Norovirus del genogruppo GI. Il prodotto interessato è confezionato in cassette da 3 kg con il lotto GTO 4024.

Le ostriche sono state allevate in Francia e confezionate da Gisa srl, nello stabilimento di via Colle Cocchino 13/A, ad Anzio (Roma), con il codice di identificazione IT 2217 CE. Si raccomanda di non consumare il prodotto con il numero di lotto segnalato e restituirlo al punto vendita d’acquisto.

Dal 1° gennaio 2018, Il Fatto Alimentare ha segnalato 45 richiami, per un totale di 99 prodotti. Per vedere tutte le notifiche clicca qui.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Richiamati budino al cioccolato bio Söbbeke per frammenti di vetro e salame campagnolo Salumi Pasini per Salmonella

Il ministero della Salute ha pubblicato il richiamo di un lotto di budino al cioccolato …