Home / Video News / Come si conserva l’olio extravergine d’oliva? I consigli di Antonello Paparella, microbiologo alimentare

Come si conserva l’olio extravergine d’oliva? I consigli di Antonello Paparella, microbiologo alimentare

olio extravergine olivaL’olio extravergine di oliva è il condimento principale della dieta mediterranea ed è presente nelle cucine di tutti gli italiani, ma sappiamo come conservarlo e in quale contenitore acquistarlo?
Quali sono gli accorgimenti da seguire e soprattutto gli errori da non fare?

In questo video Antonello Paparella* – ospite fisso della trasmissione Geo & Geo su Rai Tre, condotta da Sveva Sagramola e da Emanuele Biggi – spiega in modo esaustivo come far sì che il nostro extravergine si conservi il più a lungo possibile e senza il rischio di ossidazione.

*Antonello Paparella è Professore Ordinario di Microbiologia Alimentare presso l’Università degli Studi di Teramo.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

spugne strofinacci igiene cucina istituto zooprofilattico venezie

Cosa si nasconde nelle spugne e negli strofinacci della cucina? Il segreto dei batteri nascosti nel video dell’Istituto zooprofilattico delle Venezie

Spugne e strofinacci sono strumenti indispensabili per mantenere la corretta igiene dei piatti in cui …

2 Commenti

  1. Riporre la bottiglia al fresco sopra la cappa della cucina non mi pare soluzione ottimale, inoltre versare l’olio che si deve usare a breve in una ciotola larga presuppone che si sappia esattamente quanto olio si userà, se avanzasse sarebbe venuto a contatto con molto ossigeno e rimetterlo in bottiglia sarebbe un controsenso oltre ad essere laborioso.

    • Direi di travasare tutta la lattina in 5 bottiglie scure e pulite per in modo da conservare meglio quelle che non si usano subito