Home / Lettere / Il merluzzo d’Alaska da dove viene? Il dubbio di una lettrice sulla denominazione in etichetta. Risponde Eurofishmarket

Il merluzzo d’Alaska da dove viene? Il dubbio di una lettrice sulla denominazione in etichetta. Risponde Eurofishmarket

148366886
Il consumatore potrebbe pensare che la denominazione Merluzzo d’Alaska indichi la provenienza e non una tipologia di pesce.

Sono una dietista e consumatrice consapevole (spero), ho notato che leggendo attentamente le etichette delle preparazioni di filetto di merluzzo panati (tipo bastoncini, crocchette o croccole etc..) il pesce non è merluzzo come indicato nella confezione, ma merluzzo d’Alaska (Theragra chalcogramma) quindi, correggetemi se sbaglio, non si tratta di merluzzo. Il consumatore potrebbe pensare che la denominazione merluzzo d’Alaska indichi la provenienza e non una tipologia di pesce.

Chiedo a voi un parere   in merito a questa dicitura che può dare adito a dubbi.

Lisa Di Dino

 

In questo caso l’etichetta è legalmente corretta poiché quando un ingrediente entra a far parte di una preparazione non è più necessario indicare la denominazione commerciale del pesce, ma è sufficiente il nome comune della specie quindi “merluzzo”. Inoltre anche le indicazioni del metodo di produzione e della zona di cattura perché i prodotti trasformati non sono  rientrano nel campo di applicazione dei Regolamenti comunitari .

 

Valentina Galli

Eurofishmarket

© Riproduzione riservata

Foto: Photos.com

  Roberto La Pira

Roberto La Pira
Giornalista professionista, laurea in Scienze delle preparazioni alimentari

Guarda qui

farina integrale grano spighe

Aflatossine nelle farine biologiche: l’ultima bufala diffusa nel web. Ecco i dati e i documenti

Acquisto spesso prodotti biologici. Ho però scoperto di recente che alle farine biologiche viene consentito …

7 Commenti

  1. Secondo la normativa europea sarebbe sufficiente il termine “pesce”, senza specificare che si tratta di merluzzo. A meno che la denominazione non richiami esplicitamente una specie precisa.

  2. quindi alla fine cornuti e mazziati…o ti mangi sta minesta o ti butti dall a finestra…. grazie europa…..

  3. In realtà secondo le norme il produttore non sarebbe nemmeno tenuto a specificare “pesce”, scrivendo solo bastoncini! Se però specifica “pesce” o “merluzzo” sarà tenuto ad indicarne la percentuale nell’ elenco ingredienti. In ogni modo il consumatore può premiare i produttori meritevoli con l’ acquisto!

    • Forse mi sono spiegato male: intendo che nella lista ingredienti è sufficiente mettere “pesce” e non necessariamente “merluzzo”. Non mi riferivo alla denominazione del prodotto…

  4. Infatti ho visto personalmente scritto “pesce”: io e i miei coinquilini facevamo anche dell’ironia sulla provenienza e sul carattere “di risulta” del medesimo (non sarà il mitico Pangasio?)

  5. Specifico che si trattava di polpette di pesce (probabilmente Alaska Pollack) e non di bastoncini e la marca era meno nota (non Findus, per dire)

  6. Ma perché bisogna mangiare questi prodotti pronti?Può esserci di tutto.Se possibile evitiamo di consumare prodotti precotti che non danno garanzie appropriate.
    Per giunta sono prodotti indirizzati prevalentemente ai bambini.