Home / Coronavirus / Coronavirus, a Roma è proibita la pizza margherita e farcita. Sconcerto tra i panificatori per la circolare della Polizia locale

Coronavirus, a Roma è proibita la pizza margherita e farcita. Sconcerto tra i panificatori per la circolare della Polizia locale

pizza al taglio

Per conoscere il numero di persone colpite in Italia  clicca qui

Per conoscere il numero di persone colpite nel mondo clicca qui

I vigili urbani di Roma sono scesi in guerra contro la pizza, o meglio contro alcune tipologie, come quella alle verdure o con la mozzarella. Ieri infatti diversi panettieri della capitale si sono visti sequestrare dai vigili urbani alcune tipologie di pizza in teglia.

Secondo una circolare firmata da Massimo Ancillotti, dirigente dell’unità Studi e applicazione normativa della Polizia Locale di Roma Capitale, che interpreta il decreto del Presidente del Consiglio per fronteggiare l’emergenza coronavirus, infatti, le panetterie sarebbero autorizzate a vendere solo prodotti della panificazione, quindi pizza bianca e rossa con solo pomodoro, ma non pizza in teglia con mozzarella – la classica margherita – patate o altri ingredienti. Il testo precisa che l’attività dei laboratori di panificazione comprende, oltre alla preparazione di vari tipi di pane e grissini, anche quella di pizza e focacce tipiche di panificazione sia bianche (semplici o condite con olio e rosmarino) sia rosse (condite al pomodoro e olio) e di pasticceria secca, mentre “non si deve considerare compresa la pizza condita e farcita diversamente”.

Si tratta di una decisione che ha già provocato sconcerto e proteste tra i panificatori romani: “Ieri i vigili sono arrivati in diverse panetterie, non hanno emesso multe ma hanno costretto i panificatori a togliere dai banconi le pizze già pronte, che in molti casi sono state buttate”, racconta Giancarlo Giambarresi, presidente dei Panificatori romani che aderiscono alla Confesercenti. “Ci siamo dovuti adeguare perché ci è stato fatto capire che andavamo incontro a sanzioni anche penali, ma si tratta di un provvedimento assurdo che penalizza i consumatori, soprattutto gli anziani che si servono nei negozi di quartiere e per cui le pizze farcite sono spesso un pasto completo”.

L’iniziativa, secondo i panificatori romani, potrebbe essere collegata alle pressioni di altre categorie costrette alla chiusura dal coronavirus, che avrebbero protestato per l’ingiusto “vantaggio” dato ai negozi rimasti aperti. Sull’argomento ha preso posizione Confcommercio, con una nota in cui si spiega che i punti vendita che producono e vendono al dettaglio prodotti di panetteria freschi sono classificati con codici ATECO 10.71.10 e 47.24.10, tipologie escluse dall’obbligo di sospensione, e dovrebbero quindi poter vendere anche i prodotti di gastronomia.

Zeppole di San Giuseppe
Dopo il divieto alla pizza farcita per il coronavirus, ora preoccupano le zeppole per la festa di San Giuseppe

Per ora il provvedimento sembra riguardare solo la capitale, “anche se in altre province c’è stato qualche problema riguardo la pasticceria” spiega Giambarresi. E se qualche giorno fa la Confcommercio di Bisceglie, in riferimento, però, al Decreto della presidenza del Consiglio del 9 marzo, aveva diffuso una nota precisando che dopo le 18 la vendita di focacce, pizze, panzerotti e altri prodotti di gastronomia da asporto sarebbe stata consentita solo tramite consegna a domicilio.

A preoccupare ora è soprattutto l’imminenza della festa di San Giuseppe, il 19 marzo, durante la quale i panettieri romani vendono le tradizionali frittelle farcite di crema: “Se come sembra, il divieto riguarda la vendita di prodotti freschi, le frittelle con la crema dovrebbero essere proibite”, spiega Giambarresi. “I nostri associati che dovrebbero lavorare stanotte e nelle prime ore della mattina per preparare questi dolci non sanno come regolarsi”.

Una delle possibili interpretazioni del decreto, infatti, è che sia pensato per evitare che i panificatori debbano rifornirsi costantemente di prodotti freschi: una considerazione comunque poco plausibile, visto che latte, burro e uova sono comunque necessari per preparare grissini, biscotteria e altri prodotti che sembrano essere autorizzati. Come dovrebbero essere autorizzate le tradizionali colombe di Pasqua: “Trattandosi di classici prodotti da forno in questo caso dovrebbe essere possibile venderle, anche se al momento è difficile fare previsioni”, osserva Giambarresi. Anche in questo caso i consumatori restano in attesa di chiarezza. E di poter mangiare le tradizionali frittelle di San Giuseppe.

Altri articoli di approfondimento sul sito

-Coronavirus, quanti giorni ancora? Le previsioni del Mario Negri sul numero dei malati e sulla durata in un articolo del Lancet del 16 marzo 2020

-Coronavirus: pasta, cibo in scatola e disinfettante. Coop fotografa la spesa degli italiani in tempi di pandemia del 16 marzo 2020

-Coronavirus: nei supermercati Coop barriere di plastica e guanti per fare la spesa in sicurezza del 13 marzo 2020

Coronavirus: il confronto con la Cina per capire a che punto del 12 marzo 2020

Coronavirus, non ci sono prove di trasmissione alimentare. Lo dicono Efsa, Ecdc e BfR del 12 marzo 2020

Coronavirus: non contagia fino a 4,5 metri e non sopravvive 9 giorni. Lo dicono: Università Teramo, Mario Negri e Iss dell’11 marzo 2020

Coronavirus: no, le bevande calde non proteggono dall’infezione. La bufala smontata da “Dottore, ma è vero che…?” dell’11 marzo 2020

Coronavirus: cosa fare se si sospetta il contagio? Vademecum dell’Istituto superiore di sanità del 10 marzo 2020

Coronavirus: l’acqua del rubinetto non è pericolosa. L’Istituto superiore di sanità spiega perché non serve la minerale del 9 marzo 2020

Coronavirus: come capire quando l’influenza non è normale. I sintomi descritti dall’Istituto superiore di sanità dell’8 marzo 2020

Coronavirus, intervista a Walter Ricciardi sul sito Quotidiano Sanità: i numeri del contagio sottostimati in Europa del 6 marzo 2020

Cibo, sicurezza & coronavirus. Le precauzioni da prendere in cucina spiegate da Antonello Paparella del 6 marzo 2020

Coronavirus: 81 anni l’età media dei 105 morti. In due terzi dei casi c’erano patologie preesistenti del 5 marzo 2020

Coronavirus: è efficace l’isolamento sociale? Sì, quando c’è un’epidemia. Lo spiega l’Istituto superiore sanità del 5 marzo 2020

Coronavirus e animali domestici: non esistono prove di trasmissione a cani e gatti, scrive l’Istituto superiore di sanità del 3 marzo 2020

Il vaccino per il coronavirus arriverà, ma non prima dell’anno prossimo. Lo spiega Clavenna del Mario Negri del 2 marzo 2020

Coronavirus: gravidanza, allattamento e parto cosa fare? Le regole dell’Istituto superiore di sanità per la mamma e il bambino, del 1 marzo 2020

Coronavirus: le regole da seguire su mascherine, igiene, tosse e raffreddore dell’Istituto superiore di sanità del 26 febbraio 2020

Coronavirus: le parole da conoscere come “contatto stretto” o “asintomatico” le spiega il glossario dell’Iss del 25 febbraio 2020

Coronavirus: domande e risposte sulla trasmissione in Italia e su cosa devono fare i donatori e le persone in gravidanza del 24 febbraio 2020

Coronavirus, seri sospetti sui pangolini responsabili della trasmissione all’uomo. Stretta in Cina sul commercio di animali vivi del 24 febbraio 2020

Coronavirus: igiene, prevenzione, cibo e animali, cosa fare? Le domande e le risposte del ministero del 23 febbraio 2020

Coronavirus: sintomi e modalità di trasmissione, le domande e le risposte del ministero della Salute del 23 febbraio 2020

Coronavirus: come distinguerlo dalla normale influenza? L’Iss risponde ai dubbi più comuni del 6 febbraio 2020

-Coronavirus, i casi aumenteranno. Oltre 200 morti e quasi 10.000 persone infettate. Il parere di Giuseppe Novelli genetista di Tor Vergata del 31 gennaio 2020

-Coronavirus: primi due casi in Italia. L’Oms dichiara lo stato di emergenza sanitaria globale del 31 gennaio 2020

-Cina il coronavirus avanza: le domande e le risposte degli esperti. Le probabilità di arrivo in Italia. Nessun problema per i ristoranti cinesi del 27 gennaio 2020

© Riproduzione riservata

  Paola Emilia Cicerone

Paola Emilia Cicerone
giornalista scientifica

Guarda qui

spazzolino elettrico

Meglio lo spazzolino elettrico o quello manuale? I pro e i contro secondo Consumer Reports

Lo sappiamo tutti: per mantenere denti e gengive in salute è importante lavare i denti …