Home / Coronavirus / Coronavirus oltre 200 mila persone colpite in Italia, il doppio delle stime ufficiali. “Impossibile contare gli asintomatici ” dice Iss

Coronavirus oltre 200 mila persone colpite in Italia, il doppio delle stime ufficiali. “Impossibile contare gli asintomatici ” dice Iss

Woman on a side with his hand facing in front with the sentence "stay at home" written on the palm of her hand. Coronavirus concept.

In Italia sono  208 mila le persone colpite dal coronavirus Covid 19, la stima è indicata il 26 marzo dalla Fondazione Gimbe (centro di ricerche che realizza studi sulla sanità). Si tratta di numeri molto superiori rispetto a quelli indicati  ieri dalla Protezione civile (circa 80 mila). Per fortuna il 65% dei soggetti indicati da Gimbe (128 mila) risulta asintomatico o manifesta leggere forme influenzali, e difficilmente si rivolgerà al medico di famiglia. Purtroppo la stima dei contagi elaborata è simile a quella fatta dai cinesi, secondo cui il 60% dei soggetti contagiati dal virus era asintomatico e non veniva contabilizzato nei dati ufficiali (questa storia l’abbiamo raccontata qui) .

La conferma di quanto siano “imprecisi ” e sottostimati i numeri in Italia, si ha confrontando i morti rilevati nel mese di marzo 2020 in alcuni comuni lombardi rispetto all’anno precedente. “A Bergamo – ha dichiarato il sindaco Giorgio Gori – dall’1 al 24 marzo 2020 ci sono  stati 446 decessi  (348 in  più rispetto alla media degli anni precedenti). I dati della Protezione civile sulle vittime da CoVid 19 indicano solo 136 persone. La differenza è di 212 morti che è abbastanza logico correlare all’epidemia.

Stima del 26 marzo della Fondazione Gimbe sul numero di persone colpite da coronavirus in Italia

“In Lombardia – precisa Paolo D’Ancona epidemiologo dell’Istituto superiore di sanità – i numeri ufficiali dell’epidemia indicano solo la punta di un iceberg. In questo momento di circolazione sostenuta del virus i valori rappresentano più le persone che manifestano sintomi gravi e/o sono ospedalizzate. Una parte dei cittadini contagiati non è probabilmente considerata, perché si trova a casa propria in quarantena e poiché viene data priorità ai casi gravi. Per questo motivo non vengono confermate come malati nelle statistiche. Si tratta anche di soggetti asintomatici o con disturbi lievi che non si rivolgono al medico di base. Ipotizzando che ogni persona asintomatica abbia verosimilmente contagiato uno o più familiari o conviventi, i numeri diventano davvero importanti e questi focolai familiari si devono esaurire. Per fortuna questa situazione non si registra nelle altre regioni dove la circolazione è più bassa”

Lo schema per arginare l’epidemia  seguito in Italia dal 25 marzo, quando è stata decisa la chiusura di tutte le aziende e dei servizi non essenziali, è molto simile al modello cinese e questa è una buona notizia. Ma ci sono due particolari importanti che sono stati tralasciati. In Cina i malati, i loro familiari e le persone che hanno avuto contatti stretti con i pazienti sono stati suddivisi in quattro gruppi. Il primo composto da soggetti positivi al test è stato  collocato nei nuovi ospedali costruiti appositamente. Il secondo comprende  i casi sospetti, persone con sintomatologia da coronavirus, da mettere in quarantena negli hotel o in altre strutture appositamente designate. Il terzo comprende soggetti con febbre, anche loro da mettere in quarantena negli hotel. Il quarto gruppo è quello più numeroso, perché include persone che hanno avuto “contatti stretti”  con soggetti malati o risultasti positivi al test, e si tratta di persone spesso  asintomatiche. Anche per questo ultimo gruppo scatta la quarantena in hotel, studentati o altre strutture dedicate.

In Italia non è stata fatta una classificazione e le persone “potenzialmente positive” che dovrebbero rientrare nel quarto gruppo “cinese”, perché hanno avuto contatti stretti con i malati in ospedale o a soggetti positivi al tampone, si devono mettere autonomamente in quarantena. Secondo la Fondazione Gimbe sono circa 128  mila che si sommano alle 80 mila  registrate ufficialmente dalla Protezione civile. Questi pazienti asintomatici o potenzialmente contagiati sono tutti a casa propria, e non dovrebbero assolutamente uscire se non per motivi molto seri. La situazione  trova conferma nelle parole di Silvio Brusaferro dell’Iss che ritiene  impossibile  fare “una stima di quanti siano in Italia le persone asintomatiche, che pur avendo l’infezione da coronavirus non hanno sintomi o ne hanno molto lievi”.

La scansione temporale dell’epidemia in Cina dove hanno adottato l’isolamento e la quarantena in modo rigido

“I focolai che oggi rileviamo – continua D’Ancona– verosimilmente sono soprattutto quelli all’interno dei nuclei familiari dove c’è una persona in casa asintomatica o con i sintomi da CoviD 19 o che ha avuto contatti stretti con soggetti malati, che non si mette in autoisolamento in una stanza e  contagia gli altri”. Di fronte a una crisi così grave e in parte fuori controllo, l’unica ricetta per battere l’epidemia è stare a casa in autoisolamento e in quarantena e aspettare che il virus venga neutralizzato dal trascorrere dei giorni. Non ci sono altri sistemi efficaci. Certo  tutte le altre cose sono importanti e necessarie, ma non possono battere il coronavirus Sars-CoV-2. Una cosa che non è stata fatta e poteva essere prevista è il tampone a tutto il personale sanitario evitando di trasformare alcuni ospedali  in centri di contagio. Adesso stiamo cercando di limitare i danni con uno sforzo eccezionale da parte di tutte le strutture sanitarie.

AGGIORNAMENTO IN TEMPO REALE SUI CASI DI CORONAVIRUS

Per conoscere il numero di persone colpite in Italia clicca qui

Per conoscere il numero di persone colpite nel mondo clicca qui

Coronavirus 25 marzo: i numeri. Continuano a diminuire i casi attualmente positivi. Situazione ancora molto critica del 25 marzo 2020

SUPERMERCATI/SPESA

– Coronavirus: Esselunga aperta nel week-end ma non vende, cancelleria, casalinghi, intimo, giocatoli, giardinaggio. Coop e altri supermercati chiusi di domenica del 20 marzo 2020

– Coronavirus: Esselunga, Carrefour, Eurospin vietano l’acquisto di penne e quaderni. È polemica. Federdistribuzione non è d’accordo del 17 marzo 2020

– La spesa ai tempi del coronavirus: supermercati chiusi la domenica, orari ridotti e vendita solo di beni di prima necessità del 18 marzo 2020

– Coronavirus: nei supermercati Coop barriere di plastica e guanti per fare la spesa in sicurezza del 13 marzo 2020

PRODOTTI ALIMENTARI/DIETA

– Pane, salumi e coronavirus: come comportarsi con questi alimenti? Le precauzioni spiegate da Antonello Paparella del 12 marzo 2020

– Coronavirus, non ci sono prove di trasmissione alimentare. Lo dicono Efsa, Ecdc e BfR  del 12 marzo 2020

© Riproduzione riservata

 

 

  Roberto La Pira

Roberto La Pira
Giornalista professionista, laurea in Scienze delle preparazioni alimentari

Guarda qui

Mascherine chirurgiche: come sono fatte e come vanno usate correttamente. Il video con Antonello Paparella

Con l’emergenza Covid-19 le mascherine sono al centro dell’attenzione da settimane e probabilmente ci resteranno …

3 Commenti

  1. Avatar
    claudio panzironi

    Tanto per non sprofondare nel pessimismo, il fatto che i contagiati sarebbero 5/6 volte quelli ufficiali, ossia tra i 2/300mila, potrebbe anche voler dire che nella maggioranza dei soggetti sani la sindrome passa in maniera asintomatica o in forma lieve. Questo non vuol dire abbassare la guardia perché ci sono persone, anche giovani, affetti da patologie varie per le quali potrebbe essere pericoloso anche un banale raffreddore, figuriamoci la Covid19.Altra cosa che non mi pare corretta è associare al fatidico compimento del 65mo anno l’etichetta di anziano a rischio, perchè ci sono moltissimi ultrasettantenni che, grazie ad un corretto stile di vita sono perfettamente sani e molto meno a rischio di soggetti più giovani ma già minati da uno o più fattori di rischio, spesso ancora misconosciuti dai medesimi potenzialmente più vulnerabili ( diabete, sovrappeso,obesità, ipercolesterolemia, ipertensione, fumo, sedentarietà). In fondo più contagiati guariti e/o asintomatici ci sono, più ciò contribuirà, assieme all’auspicato vaccino, a costituire una barriera alla diffusione del virus.

    • Avatar

      purtroppo devo in parte smentire queste affermazioni, perché, se è vero che un organismo in buono stato di salute è generalmente meno incline ad ammalarsi, ciò vale solo in parte per il Covid-19, il quale sembra comportarsi a volte in maniera indiscriminata e lo dico perché in questo momento mi occupo dell’indagine epidemiologica dei contatti; per dirla con il medico di un famoso (e giusto) video che circola: “perché quando questo virus trova l’organismo che gli piace, si scatena e provoca dei danni ingenti”, questo senza guardare in faccia nessuno, perché ti capita di trovare in rianimazione soggetti con vita e fisico sanissimi, quindi….

  2. Avatar

    La vita sulla Terra dura da innumerevoli milioni di anni , equilibrando nel tempo la simbiosi di altrettanto innumerevoli varietà di esseri più o meno microscopici.
    E’ per me una offesa all’intelligenza umana dire che è il caso a determinare la salute e la malattia , a determinare se in un luogo si scatenerà una epidemia mentre una zona vicina sarà solo sfiorata, a determinare che una persona con il coronavirus morirà o neppure se ne accorgerà restando vivo e vegeto.
    L’uomo scruta i limiti dell’universo , manda sonde sulle comete , scruta e inizia a capire il vasto mondo delle interazioni biologiche ………ma manca completamente di umiltà , cio che non capiamo ancora viene attribuito al caso e alla fortuna e nonostante questa lacuna PRETENDIAMO di modificare ogni cosa per MIGLIORARLA per di più utilizzando sostanze che ad un approfondito esame risultano SEMPRE veleni.