Home / Richiami e ritiri / Coop ritira salsa di soia Kikkoman per un errore di etichettatura. La data di scadenza è sbagliata

Coop ritira salsa di soia Kikkoman per un errore di etichettatura. La data di scadenza è sbagliata

KIKKOMAN-SALSA-DI-SOIALa catena di supermercati Coop ha pubblicato online un avviso per il richiamo della salsa di soia Kikkoman nella confezione da 150 ml. Il prodotto è stato richiamato dalla stessa azienda distributrice, la Eurofood S.p.a., per un errore di etichettatura. Il ritiro riguarda esclusivamente il lotto numero L15331 e codice EAN 8715035110106.

L’errore di etichettatura riporta sul tappo una data di scadenza, già passata, non corretta, perché corrisponde alla data di produzione (27/11/2015).

© Riproduzione riservata

sostieniProva2Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

richiamo crema dessert cacao cascina fontanacervo

Richiamata crema al cacao Cascina Fontanacervo: trovato un frammento di vetro in un vasetto

Il ministero della Salute ha diffuso l’avviso di richiamo di un lotto di crema al …

5 Commenti

  1. Avatar

    Molto buona ma troppo saltata, consiglio quella less salt.

  2. Avatar

    Io compro quella col tappo rosso, i cui ingredienti sono
    Acqua
    Semi di soia
    Frumento
    Sale

    mentre quella col tappo verde che contiene meno sale ha però una serie di addittivi e correttori

    Acqua
    Semi di soia
    Frumento
    sale (8.4%)
    etanolo
    zucchero
    correttore di acidità: acetato di sodio
    acidificanti: acido lattico, acido acetico

    In più, per quest’ultima, si specifica di conservare in frigo dopo l’apertura.
    E costa pure di più!

  3. Avatar

    Vorrei sapere quando arriverà il giorno in cui gli industriali ci faranno mangiare “sano”, cioè prodotti vicini al naturale, senza tanti additivi conservanti coloranti ecc. etanolo alcool olio di palma ecc.. Credo che non vedrò quel giorno, data la mia età di 63 anni!!! Speriamo bene per i figli e nipoti. Buone feste, giovanni

  4. Avatar

    Gli industriali del comparto alimentare NON SONO CERTAMENTE, come alcuni pretendono di far credere, delinquenti a piede libero. Per una conservazione idonea in un tempo ragionevole di vita di scaffale è necessario rispettare certi parametri, esempio acqua libera etc. che garantiscano ai prodotti la salubrità nel rispetto della prevenzione dei rischi sanitari (HACCP). Per ottenere questo si utilizzano ingredienti e talvolta, utilmente e senza scandalo, additivi (acidi correttori di pH, antifermentativi tipo sorbati etc. e per l’apprezzabilità visiva ed organolettica anche coloranti naturali e comunque ammessi dalla legislazione). In un mondo come il nostro, con stili di vita ed un mercato ormai lontanissimo dai consumi adiacenti alla produzione, e soprattutto nella consapevolezza di pericoli e rischi che spesso erano presenti ma ancora non rivelati per quello che si definiva il “mangiar sano”, non sarebbe sovente possibile fare altrimenti. Le tecnologie di conservazione si evolvono, e solo in base a quelle si otterranno prodotti idonei alle prossime generazioni. Non facciamo quindi drammi di ciò che nella maggior parte dei casi è NORMALE in base all’evoluzione delle conoscenze.