Home / Nutrizione / Carrefour in Francia sperimenta l’algoritmo che suggerisce acquisti più sani e sostenibili

Carrefour in Francia sperimenta l’algoritmo che suggerisce acquisti più sani e sostenibili

Che cosa fareste se, vi trovare in un supermercato Carrefour e, poco prima di pagare, un consulente vi offrisse gratuitamente un servizio in grado di indicare le alternative più sane rispetto ai prodotti che avete acquistato? Probabilmente solo in alcuni casi avreste il tempo e la voglia di verificare le proposte e sareste disposti a sostituire solamente alcuni dei prodotti. È quanto accade in Francia, con gli acquisti online di Carrefour. L’insegna francese sta testando da circa un mese un algoritmo che, al momento della conferma dell’acquisto, suggerisce le alternative per mangiare meglio che riguardano attualmente circa due prodotti su tre. Naturalmente, le soluzioni proposte non sono diverse dalla scelta originale, si tratta della stessa tipologia di prodotto in versione più sana ed ecosostenibile, qualcosa di simile a quello che è possibile fare in Italia attraverso l’app Yuka.

L’algoritmo di Carrefour Francia considera una serie di fattori, dal Nutri-Score all’Eco-Score, dall’origine del prodotto al marchio biologico, senza dimenticare la presenza o meno di additivi e conservanti, mentre non considera affatto le marche e i prezzi. I prodotti consigliati, quindi, possono essere, e spesso sono, più costosi di quelli presi in origine, ma non è necessariamente così. Nei primi 15 giorni di test i clienti francesi di Carrefour hanno dimostrato interesse valutando le proposte alternative nel 10% dei casi. Tra questi, poi, il 37% ha scelto di sostituire almeno due prodotti. Il progetto è attualmente ancora in fase di perfezionamento e presto potrebbe includere anche altre valutazioni, come la giusta remunerazione degli agricoltori.

Pizza surgelata carrefour Francia
Tra i criteri di valutazione dell’algoritmo per proporre prodotti più sani e sostenibili emerge naturalmente il Nutri-Score, ma anche l’Eco-Score

Si tratta di una proposta interessante, che sembra poco probabile possa trovare applicazioni in Italia. Il timore è che i marchi con i prodotti più ultraprocessati rischierebbero di essere penalizzati dall’algoritmo. Riflessione di fronte alla quale il management francese non appare affatto preoccupato: “Il riscontro da parte dei produttori è al momento positivo – dichiarano –. Vedono che stiamo innovando a favore dei clienti e ritengono che stiamo andando nella direzione giusta. Quest’algoritmo in fondo non è altro che l’estensione di quello che già stavamo facendo sul sito per arricchire le informazioni a vantaggio del consumatore. Mostriamo già l’Eco-Score e il Nutri-Score. Il punto chiave sarà la reazione dei nostri clienti. Se l’idea piacerà, sarà un’innovazione positiva per l’intero ecosistema Carrefour”.

© Riproduzione riservata; Foto: Carrefour, Carrefour Francia, iStock

Da 12 anni Ilfattoalimentare.it racconta cosa succede nel mondo dei supermercati, quali sono le insidie nelle etichette, pubblica le sentenze sulle pubblicità ingannevoli oltre che segnalare il lavoro delle lobby che operano contro gli interessi dei consumatori.

In questi anni ci hanno sostenuto decine di aziende grandi e piccole con i loro banner e moltissimi lettori con le donazioni.

Tutto ciò ha reso possibile la sopravvivenza di un sito indipendente senza un editore, senza conflitti di interesse e senza contributi pubblici.

Il Fatto Alimentare dà l'accesso gratuito a tutti gli articoli e ai dossier. Questo è possibile grazie alle migliaia di lettori che ogni giorno ci leggono e ci permettono di sfiorare 20 milioni di visualizzazioni l'anno, senza farcire gli articoli con pubblicità invasive.

Sostieni ilfattoalimentare ci vuole solo un minuto clicca qui. Se vuoi puoi anche sostenerci con un versamento mensile.

Roberto La Pira

  Chiara Cammarano

Guarda qui

Alimenti della dieta mediterranea su un tavolo

La Dieta mediterranea diventa “Planeterranea”. Il progetto dell’Università di Napoli

La Dieta mediterranea è stata dichiarata Patrimonio culturale immateriale dell’umanità dell’Unesco il 16 novembre 2010 …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *