Home / Controlli e Frodi / Yuka: l’applicazione che consiglia gli alimenti da acquistare al supermercato è autorizzata anche in Italia

Yuka: l’applicazione che consiglia gli alimenti da acquistare al supermercato è autorizzata anche in Italia

yuka app nome piatto dolce smartphoneYuka, l’app che dà una valutazione nutrizionale e salutistica sui prodotti alimentari venduti al supermercato, può continuare ad informare i tre milioni di italiani che la consultano quando fanno la spesa. Lo ha deciso l’Autorità garante della concorrenza e del mercato (Agcm) con un provvedimento datato 12 luglio 2022. Le critiche avanzate da ConfAgricoltura e dall’associazione Codici riguardavano la possibilità di orientare le scelte di acquisto dei consumatori, basando i giudizi e i punteggi principalmente sul metodo francese di etichetta a semaforo Nutri-Score. Secondo le due associazioni in assenza di adeguate avvertenze, i giudizi sui vari prodotti espressi da Yuka avrebbero potuto essere erroneamente percepiti come valutazioni assolute sulla salubrità di un determinato prodotto, a prescindere dalla dieta e dallo stile di vita. Vale la pena ricordare che l’etichetta a semaforo Nutri-Score è un metodo di valutazione della qualità nutrizionale di un prodotto. Il modello è stato sviluppato in Francia dall’Alto consiglio di sanità pubblica, sulla base delle raccomandazioni nutrizionali dell’Agenzia francese per la sicurezza alimentare (Anses).

Il metodo Nutri-Score è stato valutato positivamente nei rapporti e negli studi di numerosi enti regolatori internazionali e nazionali (Oms e Commissione Europea), ma nonostante ciò è rifiutato dalle autorità politiche e sanitarie italiane e dalle associazioni di categoria dei produttori. Nel corso del procedimento portato avanti per Yuka dagli avvocati Daniele Gallo e Giorgio Vercillo dello studio Zoppini, è stato chiarito che l’app è solo in parte basata sul Nutri-Score, perché utilizza una propria metodologia di attribuzione dei punteggi, in grado di produrre risultati significativamente differenti. Questa differenza si motiva perché l’app fornisce una valutazione sugli additivi che il Nutri-Score non fa, e in aggiunta propone delle alternative più salutari a livello nutrizionale. Il procedimento alla fine si è concluso a favore di Yuka, che però ha dovuto presentare all’Agcm una serie di impegni e di modifiche, per rendere più trasparente il metodo di valutazione e facilitare il meccanismo utilizzato per proporre alle persone prodotti alternativi.

Il procedimento si è concluso a favore di Yuka che però  ha dovuto presentare all’Agcm una serie di impegni

Con il primo degli impegni la versione italiana dell’app deve precisare che “La metodologia di valutazione alimentare dei prodotti applicata da Yuka è indipendente. Si ispira a studi scientifici e, quanto alle caratteristiche nutrizionali, al metodo Nutri-Score, ma non è stata preventivamente approvata dalle autorità sanitarie, né si risolve in una mera applicazione del metodo Nutri-Score”. Il secondo punto riguarda l’elenco delle relazioni e degli studi scientifici sulla cui base Yuka fonda le proprie valutazioni, corredati di link di collegamento al sito internet su cui sono pubblicate. Queste informazioni integrative saranno rese accessibili sulle pagine web relative alla valutazione dei prodotti alimentari e alle fonti ore la valutazione dei vari additivi.

Yuka dovrà poi integrare la descrizione del metodo di valutazione contenuta nell’app con un link, disponibile per ogni prodotto scansionato, cliccando il quale l’utente verrà indirizzato a una pagina dedicata con il punteggio disaggregato ottenuto dai singoli prodotti. Oltre a ciò dovrà includere i link agli studi di enti regolatori internazionali e nazionali e agli articoli scientifici più importanti, in merito ai benefici derivanti dalla consumazione di prodotti biologici. Gli altri impegni riguardano modifiche ad alcune clausole come quelle sul “Metodo di valutazione”, sulle “Modalità di selezione  e ordinamento delle alternative da mostrare all’utilizzatore della app”. È prevista inoltre la pubblicazione sulla pagina web di Yuka di un’attenta descrizione del metodo Nutri-Score. Tutte le clausole in dettaglio dell’accordo stipulato sono pubblicate sul bollettino dell’Agcm 28/2022 da pagina 217 a 236.

yuka
Sulle pagine web ci saranno le informazioni integrative relative alla valutazione dei prodotti alimentari e alle fonti relative alle valutazioni sugli additivi

Questa sentenza è molto importante perché si inserisce nel dibattito europeo sulla necessità di introdurre in etichetta o attraverso la rete strumenti in grado di aiutare i consumatori a compiere scelte alimentari sane e corrette, al fine di prevenire l’insorgenza dell’obesità e di altre malattie legate alla dieta alimentare. Infatti, entro la fine del 2022, la Commissione Europea presenterà una proposta legislativa per armonizzare, a titolo obbligatorio, gli schemi di etichettatura fronte-pacco  volte a limitare la promozione di cibi con un elevato contenuto di grassi, zuccheri e sale. Il modello francese Nutri-Score è quello che ha più probabilità di affermarsi come schema di riferimento.

L’Italia è l’unico Paese contrario all’adozione del modello di etichetta a semaforo francese Nutri-Score e ha proposto come alternativa il NutrInform Battery. Questo schema secondo alcuni addetti ai lavori si presenta molto più complicato e di difficile comprensione ma, nonostante ciò, è sostenuto da tutto il mondo politico e dalle autorità sanitarie del nostro Paese. Il via libera dato dall’Agcm all’etichetta Yuka basata anche sui principi del Nutri-Score, significa che anche da noi si possono utilizzare modelli di etichetta nuovi e che non saranno certo le lobby e gli interessi politici a fermare questo processo di informazione trasparente.

© Riproduzione riservata; Foto: Yuka

Da 12 anni Ilfattoalimentare.it racconta cosa succede nel mondo dei supermercati, quali sono le insidie nelle etichette, pubblica le sentenze sulle pubblicità ingannevoli oltre che segnalare il lavoro delle lobby che operano contro gli interessi dei consumatori.

In questi anni ci hanno sostenuto decine di aziende grandi e piccole con i loro banner e moltissimi lettori con le donazioni.

Tutto ciò ha reso possibile la sopravvivenza di un sito indipendente senza un editore, senza conflitti di interesse e senza contributi pubblici.

Il Fatto Alimentare dà l'accesso gratuito a tutti gli articoli e ai dossier. Questo è possibile grazie alle migliaia di lettori che ogni giorno ci leggono e ci permettono di sfiorare 20 milioni di visualizzazioni l'anno, senza farcire gli articoli con pubblicità invasive.

Sostieni ilfattoalimentare ci vuole solo un minuto clicca qui. Se vuoi puoi anche sostenerci con un versamento mensile.

Roberto La Pira

  Roberto La Pira

Giornalista professionista, laurea in Scienze delle preparazioni alimentari

Guarda qui

salmone affumicato

Salmone affumicato: troppi focolai di Listeria denunciano le autorità tedesche. Ma il problema riguarda l’Europa

Secondo uno studio tedesco, più di 20 focolai di Listeria monocytogenes sono correlati nell’arco di …

6 Commenti

  1. segnalo che l’ingrediente sale iodato è segnato come “rosso” (da evitare) dall’app yuka.

    • Buongiorno sull’app di Yuka ci sono diverse marche di sale iodato e solo alcune hanno il bollino rosso la maggioranza ha il bollino arancione

    • Secondo quale criterio un sale dovrebbe essere da bollino rosso o arancione? Il sale non è sale e basta?

    • Perché c’è troppo sale nella dieta degli italiani e quindi va usato con parsimonia

    • ..scusa, intendevo tra due marche di sale , perché una è rossa e l’altra è arancione? Non è un prodotto lavorato , tipo biscotti che può avre più o meno zucchero, sale e fibre…

    • …dimenticavo , sul sito https://it.openfoodfacts.org/ dove ci sono tutti i prodotti acquistabili in italia catalogati dal NutriScore sembrerebbe che nessun sale in commercio è “recensito” da NutriScore, quindi l’app Yuka in questo caso si è presa la libertà di giudizio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *