Home / Etichette & Prodotti / NutrInform Battery: il ministero della Salute lancia l’app da scaricare in contrapposizione al Nutri-Score

NutrInform Battery: il ministero della Salute lancia l’app da scaricare in contrapposizione al Nutri-Score

NutrInform BatteryIl ministero della Salute assieme ad altri enti (*) ha realizzato un’app per permettere ai consumatori di utilizzare la nuova etichetta italiana NutrInform Battery da apporre sugli imballaggi degli alimenti. I vari ministeri propongono questo modello in alternativa all’etichetta a semaforo francese Nutri-Score adottata ufficialmente da sette Paesi europei e destinata a diventare entro la fine dell’anno il modello unico di riferimento.

La nuova app scaricabile gratuitamente è tarata su un fabbisogno nutrizionale standard di 2.000 kcal giornaliere, per il quale è stato fissato il tetto massimo di assunzione di energia, acidi grassi totali e saturi, zuccheri e sale, espressi sia in grammi sia in percentuale di riempimento di cinque batterie. In questo modo la persona, sommando le varie componenti di ogni pasto, dovrebbe conoscere la percentuale di calorie e nutrienti consumati nel corso della giornata.

Nutri-score Nutrinform Battery crema spalmabile nocciola
Confronto fra etichetta Nutri-Score e NutrInform Battery

Per promuovere un’ampia diffusione dell’app tra i cittadini-consumatori, il Mise ha avviato una campagna di comunicazione e informazione sui media – in particolare sui canali digitali dove sarà possibile scaricare direttamente l’applicazione – dal titolo “NutrInform Battery – il gusto di essere informati”, che avrà come testimonial la campionessa olimpionica Federica Pellegrini.

La grafica dell’app permette di monitorare, attraverso il simbolo della batteria, l’andamento giornaliero dei cinque parametri sopra citati che vengono utilizzati per valutare se la persona segue un’alimentazione corretta. Il consumatore, inquadrando con la fotocamera del cellulare il codice a barre dei prodotti confezionati, o scrivendo il nome nell’app potrà conoscere la percentuale di calorie e nutrienti consumati nel corso della giornata, in riferimento alla porzione consigliata dai nutrizionisti, secondo i valori stabiliti dall’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa).

NutrInform Battery
Confronto fra etichetta Nutri-Score e NutrInform Battery

L’app è pensata in modo che quando la persona decide di mangiare un piatto di pasta, basta scrivere la parola sull’app e compare un elenco di venti ricette (alla carbonara, alla norma…) con i relativi valori dei nutrienti. In alternativa il consumatore può selezionare uno degli oltre cento marchi di pasta riportati nell’app, ognuno con le sue caratteristiche merceologiche e la foto. Scrivendo la parola latte, biscotti… allo stesso modo compaiono centinaia di marche.

Questa app è indispensabile per poter utilizzare il NutrInform Battery altrimenti è impossibile vedere quando si raggiunge o supera il livello di riempimento delle cinque batterie considerate. L’uso del NutrInform Battery è un po’ laborioso: dopo aver diligentemente riportato nella app tutto ciò che si è mangiato nell’arco della giornata e aver riscontrato ad esempio un eccesso di acidi grassi saturi è necessario capire se, e in quale pasto, si è sbagliato nella scelta dei prodotti.

Il Nutri-Score invece, anche se fornisce meno informazioni, non ha bisogno di app perché esprime un giudizio chiaro su ogni singolo alimento considerato e il consumatore capisce subito se deve limitarlo o meno.

Il Fatto Alimentare ha realizzato pochi mesi fa il dossier Nutri-Score – Il semaforo della discordia. In 57 pagine il volume focalizza l’attenzione sui due modelli di etichette, protagoniste di un accesissimo confronto nell’opinione pubblica italiana: il Nutri-Score francese, che si candida a diventare il sistema di etichettatura a semaforo in Europa, e il ‘rivale’ italiano NutrInform Battery. Ai lettori interessati a ricevere l’e-book chiediamo di fare una donazione libera cliccando qui. Poi basta inviare una mail in redazione per ricevere l’e-book in pdf. Chi non ha questa disponibilità lo può ricevere gratuitamente scrivendo in redazione all’indirizzo ilfattoalimentare@ilfattoalimentare.it.

Nutri-Score dettaglio copertina dossier
Il Fatto Alimentare ha realizzato pochi mesi fa un dossier su Nutri-Score – Il semaforo della discordia che si può chiedere in redazione

(*) Hanno collaborato all’implementazione dell’app per il Nutrinform Battery: il ministero della Salute insieme a quello dello Sviluppo economico, delle Politiche agricole, l’Istituto superiore di sanità, il Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria e i rappresentanti di alcune filiere alimentari.

© Riproduzione riservata

Da 12 anni Ilfattoalimentare.it racconta cosa succede nel mondo dei supermercati, quali sono le insidie nelle etichette, pubblica le sentenze sulle pubblicità ingannevoli oltre che segnalare il lavoro delle lobby che operano contro gli interessi dei consumatori.

In questi anni ci hanno sostenuto decine di aziende grandi e piccole con i loro banner e moltissimi lettori con le donazioni.

Tutto ciò ha reso possibile la sopravvivenza di un sito indipendente senza un editore, senza conflitti di interesse e senza contributi pubblici.

Il Fatto Alimentare dà l'accesso gratuito a tutti gli articoli e ai dossier. Questo è possibile grazie alle migliaia di lettori che ogni giorno ci leggono e ci permettono di sfiorare 20 milioni di visualizzazioni l'anno, senza farcire gli articoli con pubblicità invasive.

Sostieni ilfattoalimentare ci vuole solo un minuto clicca qui. Se vuoi puoi anche sostenerci con un versamento mensile.

Roberto La Pira

  Sara Rossi

giornalista redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Cannabidiolo come novel food: l’Efsa sospende il giudizio per il suo potenziale rischio di tossicità

Il cannabidiolo (Cbd) è uno dei principali componenti della canapa (Cannabis sativa), una pianta che …

Un commento

  1. Dobbiamo per forza complicarci la vita?!
    Il nutri-score è semplice, ben comprensibile e mi permette una valutazione istantanea. E soprattutto NON HO BISOGNO DEL TELEFONINO!
    Ovvio che, per esempio, l’olio EVO o il burro sono segnalati
    come grassissimi…, ma basta un piccolo ragionamento per
    ovviare a falsi giudizi negativi, non ho bisogno del telefonino e, della app che me lo dica!!!
    Scusate lo sfogo. Complimenti e cordiali saluti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *