;
Home / Sicurezza Alimentare / Bisfenolo A nelle borracce: meglio lavarle in lavastoviglie, ma controllare sempre le indicazioni del produttore

Bisfenolo A nelle borracce: meglio lavarle in lavastoviglie, ma controllare sempre le indicazioni del produttore

borraccia borracce acqua ambienteplastica alluminio acciaioAnche le borracce in tritan, il polimero privo di bisfenolo A (BPA) sempre più utilizzato perché considerato migliore rispetto a quelli usati fino a pochi anni fa per questi stessi scopi, possono contenere tracce di BPA, e andrebbero perciò sempre lavate in lavastoviglie, quando possibile. Lo sostiene uno studio condotto dai ricercatori dell’Università di Cincinnati, che hanno analizzato dieci tra le borracce più diffuse tra gli studenti del loro campus, e hanno scoperto che due contenevano tracce di BPA. Si trattava di residui, in grado però, se messi a contatto con colture di cellule cardiache, di indurre gli effetti indesiderati tipici del BPA. L’ipotesi è che il composto derivi dagli impianti industriali, che quasi sempre lavorano anche altri polimeri e utilizzano ancora, per vari scopi, il BPA.

Poiché sarebbe meglio che non ce ne fosse, di bisfenolo A, nelle bottiglie a contatto con l’acqua da bere, i ricercatori si sono chiesti come eliminare anche quelle tracce. Trattandosi di basse concentrazioni, la soluzione migliore è lavare le borracce accuratamente. Ma non è detto che questa sia un’abitudine, tra gli studenti. Per questo i ricercatori hanno chiesto a oltre cento di loro come si comportassero in merito, soprattutto subito dopo aver comprato la borraccia, e hanno così scoperto che ognuno agisce in modo diverso dagli altri, e spesso cambiando tipo di pulizia a seconda del momento e della situazione (per esempio se si trova in una casa con una lavastoviglie o meno). Molti non la lavano, subito dopo averla acquistata.

borraccia borracce acqua ambienteplastica alluminio acciaio bisfenolo APer questo hanno deciso di effettuare una serie di test sciacquando le borracce a mano solo con acqua, oppure lavandole con un detersivo o, ancora, in lavastoviglie. Come hanno riferito su Chemosphere, come atteso, il metodo più efficace si è rivelato essere quello del lavaggio a macchina: se ripetuto fino a sei volte, lascia le borracce completamente libere da qualunque traccia di bisfenolo A.

Se si vuole essere sicuri di utilizzare un contenitore del tutto BPA free, è quindi opportuno lavarlo sempre, dopo che lo si è acquistato, e a tal fine sarebbe utile che i produttori indicassero sulle confezioni le modalità più congrue.

© Riproduzione riservata. Foto: Stock.adobe.com

Il Fatto Alimentare da 11 anni pubblica notizie su: prodotti, etichette, pubblicità ingannevoli, sicurezza alimentare... e dà ai lettori l'accesso completamente gratuito a tutti i contenuti. Sul sito non accettiamo pubblicità mascherate da articoli e selezioniamo le aziende inserzioniste. Per andare avanti con questa politica di trasparenza e mantenere la nostra indipendenza sostieni il sito. Dona ora!

Roberto La Pira

  Agnese Codignola

Agnese Codignola
giornalista scientifica

Guarda qui

Ossido di elimene, cucchiai con semi di sesamo

Ossido di etilene nel sesamo: l’Istituto federale tedesco per la valutazione del rischio stabilisce dei parametri di riferimento

È passato quasi un anno dalla prima segnalazione, proveniente dal Belgio, di un lotto di …

Un commento

  1. Avatar

    Lavare 6 volte a macchina una bottiglia di questo tipo vuol dire farla diventare vecchia… prima dell’uso, suggerisco di lasciar perdere tali bottiglie specie quelle col tappo piccolo