Home / Richiami e ritiri / Sistema di allerta rapido: quello del ministero della Salute non funziona. Annunci in ritardo, foto e lotti sbagliati

Sistema di allerta rapido: quello del ministero della Salute non funziona. Annunci in ritardo, foto e lotti sbagliati

richiamo l-angelica tisana ministero allertaIl sistema di allerta rapido del ministero della Salute dovrebbe informare ogni giorno i consumatori sui prodotti ritirati dal mercato perché contaminati da sostanze tossiche, batteri patogeni, oppure perché contengono corpi estranei in grado di provocare danni alla salute. Il ministero della Salute è infatti il centro di raccolta di tutte le segnalazioni che le aziende inviano alle Asl quando riscontrano un problema sui prodotti e procedono al rituro degli scaffali. A Roma arrivano anche le comunicazioni delle Asl che individuano problemi su qualche prodotto e invitano l’azienda a ritirarlo dal mercato. Sempre a Roma c’è il centro che pubblica le allerta sul sito del ministero della Salute e le invia al Rasff di Bruxelles quando si tratta di prodotti esportati in altri Paesi.

A questo punto viene spontaneo chiedersi come mai la comunicazione di un prodotto ritirato dal mercato il 24 maggio 2019 attraverso una segnalazione che l’azienda Coswell ha inviato ai supermercati (come e dimostra il volantino che abbiamo pubblicato sul Fatto Alimentare il 27 maggio) sia stata diffusa dal ministero della Salute otto giorni dopo, ovvero il 31 maggio (vedi foto sotto)? Come può un sistema di allerta attivarsi  con tanto ritardo? Purtroppo non si tratta di un incidente, a Roma i ritardi nella comunicazione delle allerte sono frequenti, anche oltre i 10 giorni dalla data effettiva del richiamo. Oltre a ciò è doveroso segnalare i numerosi errori nell’indicazione dei nomi, dei lotti e delle foto, spesso mancanti o incomprensibili. Il ministero della Salute ha deciso di inaugurare questo servizio di segnalazione dei prodotti alimentari solo nel gennaio 2017, con un ritardo di circa 12 anni rispetto agli obblighi previsti dalla normativa Europea.richiamo l-angelica tisana allerta© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

  Roberto La Pira

Roberto La Pira
Giornalista professionista, laurea in Scienze delle preparazioni alimentari

Guarda qui

Antibiotici nei cotechini da cuocere del Salumificio Romano Mainelli. Il produttore li richiama

Aggiornamento del 27/11/2019: il ministero della Salute ha diffuso nuovamente il richiamo (e rimosso il …

4 Commenti

  1. Avatar

    Nel mio piccolissimo, sul Blog da gennaio ad oggi ho pubblicato 39 richiami alimentari, più altri di prodotti, e più di una volta ho notato di aver anticipato nettamente il Min. della Salute, il che come scrivete voi la dice lunga sull’effetiva protezione del consumatore. Se poi aggiungiamo che capitano anche avvisi nei quali non vengono indicati il nome e/o marchio del produttore, abbiamo chiuso il cerchio.

  2. Avatar

    Bhe ma siamo in italia che vi aspettate, prima o poi faranno un sistema automatico dove le aziende registrate e le asl manderanno le segnalazioni che appariranno magicamente sul sito in realtime, il tutto a soli 70 milioni di euro che poi aumenteranno perchè cambieranno tecnologia usandone una super all’avanguardia che fa pure il caffè

  3. Avatar
    Eleonora Borrisa

    Un po’ difficile controllare le salsicce sfuse…noi,consumatori, noi possiamo sapere il numero di lotto!

    • Roberto La Pira

      Queste sono le informazioni (assolutamente carenti e lacunose) che fornisce il ministero della Salute. Anche se le Asl hanno la documentazione precisa sul lotti, sull’origine e la diffusione sul territorio