Home / Allerta / Ecstasy al posto dello champagne, segnalato un altro lotto. In UE 11 intossicati e una vittima

Ecstasy al posto dello champagne, segnalato un altro lotto. In UE 11 intossicati e una vittima

Due calici di champagne o prosecco con un a bottiglia in un secchielloUn altro lotto di champagne a marchio Moët & Chandon Imperial Ice potrebbe essere coinvolto nell’allerta scattata lo scorso marzo in seguito a 11 casi di intossicazione e un decesso per la presenza di ecstasy nelle bottiglie. Lo comunica il ministero della Salute, rilanciando una notifica che le autorità francesi hanno effettuato al Sistema di allerta rapido Rasff in seguito a indagini di polizia in Germania. Questa volta sono interessate le bottiglie da 3 litri con il numero di lotto LAK5SAA6490005, che si aggiungono a quelle del lotto LAJ7QAB6780004 segnalato in precedenza.

Sembra che le bottiglie di champagne in questione, spiega il ministero della Salute, siano state svuotate del contenuto originale per poi essere riempite con MDMA (3,4-metilendiossimetanfetamina) liquida pura, sostanza stupefacente anche nota come ecstasy. A causa di questa manipolazione, sono state registrate sette intossicazioni e una vittima in Germania e altre quattro intossicazioni nei Paesi Bassi.

Il ministero spiega che le bottiglie manipolate possono essere riconosciute perché hanno un tappo diverso da quello originale e perché il contenuto non fa bollicine, ha un colore bruno-rossastro che diventa più scuro nel tempo e un odore diverso da quello dello champagne, più aromatico-fruttato. A tre mesi dal primo allarme, in Italia non risultano segnalazioni di casi di intossicazione.

© Riproduzione riservata Foto: Depositphotos

Da 12 anni ilfattoalimentare racconta con i suoi articoli cosa succede nel mondo dei supermercati, quali sono le insidie nelle etichette, pubblica le sentenze sulle pubblicità ingannevoli oltre che segnalare il lavoro delle lobby che operano contro gli interessi dei consumatori.

In questi anni ci hanno sostenuto decine di aziende grandi e piccole con i loro banner e moltissimi lettori con le donazioni.
Tutto ciò ha reso possibile la sopravvivenza di un sito indipendente senza un editore, senza conflitti di interesse e senza contributi pubblici.

Il Fatto Alimentare dà l'accesso gratuito a tutti gli articoli e ai dossier. Questo perché in rete tutte le persone hanno il diritto ad avere un'informazione libera e di qualità, senza il vincolo di dovere pagare. Tutto ciò è possibile grazie alle migliaia di lettori che ogni giorno ci leggono e ci permettono di sfiorare 20 milioni di visualizzazioni l'anno, senza la necessità di farcire gli articoli con pubblicità invasive.

Sostieni ilfattoalimentare ci vuole solo un minuto clicca qui. Se vuoi puoi anche sostenerci con un versamento mensile.

Roberto La Pira

  Giulia Crepaldi

Guarda qui

Pizza surgelata FraîchUp Buitoni: il focolaio francese di Escherichia coli con 53 casi e 2 morti fa riflettere Nestlé

Nestlé Francia ha affermato che, l’esperienza dell’epidemia di Escherichia coli registrata in Francia causata dalle …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *