Home / Richiami e ritiri / Aggiornamento del 6/10: le controanalisi accertano l’assenza di fipronil, richiamo revocato. Nuovo richiamo di uova contaminate da fipronil. Coinvolti i marchi Cisam, Ovibon e Saccoccio. Dall’Italia 52 segnalazioni e 5 richiami Aggiornamento: le uova Agriovo non sono contaminate

Aggiornamento del 6/10: le controanalisi accertano l’assenza di fipronil, richiamo revocato. Nuovo richiamo di uova contaminate da fipronil. Coinvolti i marchi Cisam, Ovibon e Saccoccio. Dall’Italia 52 segnalazioni e 5 richiami Aggiornamento: le uova Agriovo non sono contaminate

AGGIORNAMENTO DEL 06/10/2017: Le controanalisi condotte dall’Istituto zooprofilattico sperimentale del Mezzogiorno sulle uova prodotte dallo stabilimento Cisam a Mignano Monte Lungo non contengono fipronil e sono sicure. Di conseguenza, viene revocato il richiamo per i marchi Cisam, Ovibon e Saccoccio.

AGGIORNAMENTO DEL 29/09/2017: Contrariamente a quanto riportato sull’avviso di richiamo del Ministero della salute, le uova a marchio Agriovo, non risultano essere contaminate da fipronil. Le autorità sanitarie locali hanno certificato l’assenza dell’insetticida nelle uova, prodotte in uno stabilimento differente, a Eboli in provincia di Salerno.

Il Ministero della salute ha diffuso l’avviso di richiamo per alcuni lotti di uova di gallina per la presenza di livelli di fipronil oltre la soglia di tossicità acuta. Le uova coinvolte sono prodotte dalla società agricola Cisam (Mignano Monte Lungo, in provincia di Caserta) e sono vendute con i marchi Cisam, Ovibon e Saccoccio.

Sono stati sottoposti a richiamo esclusivamente i lotti di produzione con date di scadenza dal 22/09/2017 al 17/10/2017 di uova di varia tipologia da allevamento in gabbia.

Nelle uova coinvolte è stato riscontrato un livello di fipronil pari a 0,82 mg/kg, al di sopra del livello di tossicità acuta fissato a 0,72 mg/kg. Si raccomanda di non consumare le uova dei marchi e lotti coinvolti e di riconsegnarle presso il punto vendita d’acquisto.

I dati rilevati dal sistema di allerta alimentare europeo indicano che dall’inizio della crisi a venerdì settembre 2017 l’Italia aveva inviato a Bruxelles 52 notifiche su prodotti e uova contaminati da fipronil (anche se solo in cinque casi i prodotti sono stati richiamati per le quantità elevate e si è proceduto a  informare i consumatori). Negli altri casi c’è stato il ritiro dagli scaffali. Le notifiche e gli aggiornamenti rilevati dal Rasff in Europa per il fipronil sono attualmente  648 e i paesi coinvolti 55.

L’impiego di fipronil, insetticida moderatamente tossico, è vietato negli allevamenti avicoli di tutta Europa

Il fipronil è considerato “moderatamente tossico” per l’uomo dall’Oms e il suo impiego è vietato negli allevamenti avicoli in Europa. Il rischio per i consumatori resta comunque molto basso: secondo l’Agenzia per la salute pubblica tedesca, un bambino con un peso di 16,5 kg potrebbe mangiare 1,7 uova, mentre un adulto di 65 kg potrebbe mangiare fino 7 uova in un solo giorno, senza superare i valori di sicurezza.

Dal 1 gennaio 2017Il Fatto Alimentare ha segnalato 75 richiamiper un totale di 113 prodotti e 7 provvedimenti revocati. Per vedere gli altri clicca qui.

Per capire come funziona il servizio di allerta alimentare e come viene effettuato il ritiro dei prodotti dai punti vendita leggi il libro “Scaffali in allerta” edito da Il Fatto Alimentare. È l’unico testo  pubblicato in Italia che  rivela i segreti e le criticità di un sistema che funziona poco e male. Ogni anno in Italia vengono ritirati dagli scaffali dei punti vendita almeno 1.000 prodotti alimentari. Nel 10-20% dei casi si tratta di prodotti che possono nuocere alla salute dei consumatori, e per questo scatta l’allerta. La questione riguarda grandi aziende come Barilla, Mars…, catene di supermercati che commercializzano migliaia di prodotti con i loro marchi (Esselunga, Coop, Carrefour, Auchan, Conad, Lidl, Eurospin…), e anche piccole e medie imprese. Il libro di 169 pagine racconta 15 casi di richiami che hanno fatto scalpore.

I lettori  interessati a ricevere l’e-book, possono fare una donazione libera e ricevere in omaggio il libro  in formato pdf  “Scaffali in allerta”, scrivendo in redazione all’indirizzo ilfattoalimentare@ilfattoalimentare.it

© Riproduzione riservata

sostieni

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal). Clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare 2017.  Clicca qui

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Richiamati budino al cioccolato bio Söbbeke per frammenti di vetro e salame campagnolo Salumi Pasini per Salmonella

Il ministero della Salute ha pubblicato il richiamo di un lotto di budino al cioccolato …

2 Commenti

  1. Servono maggiori controlli preventivi da parte del servizio veterinario e non solo italiano.
    Perché piangere sul latte versato e rimediare a queste contaminazioni è opera impossibile, vista la diffusione del problema.
    Non si possono analizzare tutte le uova in commercio, mentre si potevano e si dovranno controllare tutti gli allevamenti in modo preventivo e previdente.

  2. 11/08/2017_”Non ci sono uova contaminate in Italia”. Il ministero chiarisce dopo l’allerta dell’Ue…..