Home / Supermercato / Lidl toglie dolci e merendine dalle casse di 600 supermercati inglesi e li sostituisce con frutta fresca e succhi

Lidl toglie dolci e merendine dalle casse di 600 supermercati inglesi e li sostituisce con frutta fresca e succhi

lidl discount supermercato logoLa catena di discount Lidl ha deciso di eliminare caramelle, chewing-gum, dolci e cioccolato dalla zona delle casse dei suoi 600 supermercati in Gran Bretagna, sostituendoli con frutta fresca e secca, succhi di frutta e biscotti d’avena.

L’amministratore delegato, Ronny Gottschlich, ha sottolineato che Lidl è il primo supermercato ad aver adottato questa nuova politica, che vuole rendere meno difficoltosa l’attesa alle casse per i genitori con bambini, che davanti ai dolci diventano capricciosi, sino a che li ottengono, dando l’opportunità di sostituire gli snack ipercalorici, che favoriscono l’obesità, con prodotti più sani.

 

dolci caramelle 87472752Nei test effettuati da Lidl nei mesi scorsi, il cambiamento si è rivelato positivo anche sul piano delle vendite, con un incremento della frutta e dei succhi del 20%, rispetto alle tradizionali merendine. Un sondaggio effettuato da Lidl tra i propri clienti aveva indicato che questa sostituzione era richiesta dal 70%. Il 68% dei genitori aveva dichiarato di essere assillato alle casse dalle richieste di una merendina da parte dei propri figli e il 66% ammetteva di aver ceduto qualche volta o sempre.

 

Beniamino Bonardi

© Riproduzione riservata

Foto: Photos.com

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

carrefour spagna insetti

Carrefour Spagna: cominciata la vendita di alimenti a base di insetti. Dieci prodotti definiti “di tendenza, nutrienti e sostenibili”

Gli alimenti a base di insetti fanno il loro ingresso nella grande distribuzione partendo dalla …

7 Commenti

  1. Ritengo la scelta di Lidl assolutamente di esempio e meritevole di lode. Numerose sono le campagne ANTI-OBESITA’ INFANTILE e che sottolineano la pericolosa crescita della glicemia e del RISCHIO DIABETE per i bambini. Ma se non sono proprio le grandi catene di supermercati (mettendo da parte l’interesse commerciale a favore della salute della popolazione infantile) a sensibilizzarsi ed aiutare nutrizionisti ed esperti del settore a divulgare queste problematiche legate al ‘cibo spazzatura’ credo che i risultati nel prossimo futuro non potranno migliorare. Quindi ben venga la frutta fresca e secca, i biscotti d’avena o multicereali vicino alle casse. Magari i succhi di frutta (pieni di zuccheri semplici) e non certo salutari potrebbero rimanere al loro posto ma…non pretendiamo troppo…

  2. Non ho mai visto ragazzini o bambini alle casse del Lidl, ma solo persone anziane e pensionate. Difficile che mangino merendine. Siamo concreti, per favore.

  3. Xavier Bellanca

    Ovviamente un plauso alla scelta. Viene da dire: era ora.
    L’unica cosa che mi lascia un po’ basito è il movente. Da quanto si legge nell’articolo il supermercato ha agito così soprattutto a fronte delle richieste da parte dei genitori che non riuscivno a tenere buoni i pargoli davanti alle merendine.
    Io credo che ci sia da porsi delle serie domande sulla moderna genitorialità… ma qui usciamo dall’ambito nutrizionale e quindi non è il caso.

  4. Boh. Alle casse dei supermercati in genere si trovano prodotti “voluttuari” (dalle merendine/cioccolata alle gomme/caramelle, transitando per lamette da barba, patatine, batterie, ricariche telefoniche, etc) ovvero quelli che secondo gli strateghi del marketing si potrebbero compulsivamente acquistare – specie se sollecitati dai bimbi – mentre si sta in fila alla cassa. Vi verrebbe mai in mente di acquistare una mela, tre noci o altro prodotto “salutare” ?

  5. Ottima iniziativa assolutamente lodevole che tutti dovrebbero adottare. Soprattutto per le tentazioni per i più piccoli.

  6. A proposito di Lidl, dove ogni tanto vado anch’io (ottimi prodotti per il bricolage).
    Ieri ho comprato due barattoli di prodotto per colazione,
    marca “granArom” contenente una polvere solubile aromatizzata al caffè, dal nome “Cappuccino”.
    Controllando gli ingredienti e sorvolando sul generico “grassi vegetali”, (mi auguro che non contengano olio di palma o di colza), vi è anche, come antiaggregante, del biossido di silicio.
    Ora, a me il quarzo piace come minerale da collezione.
    Quanto a mangiarlo,vorrei sapere se può essere dannoso.