Home / Nutrizione / Meno zucchero nelle bibite e no alla pubblicità diretta ai bambini: in Francia uno strano accordo tra governo e produttori di bibite

Meno zucchero nelle bibite e no alla pubblicità diretta ai bambini: in Francia uno strano accordo tra governo e produttori di bibite

children watching television together
Stop alla pubblicità delle bibite nella fascia orario dei bambini: ma l’accordo esisteva già

In Francia, i maggiori produttori di bevande zuccherate hanno sottoscritto un accordo con il Ministero dell’agricoltura, con cui s’impegnano a ridurre del 5% lo zucchero aggiunto nei prodotti, entro il 2015, rispetto al contenuto presente nel 2010. L’accordo, siglato all’interno del Programma governativo per l’alimentazione, è stato sottoscritto dall’Unione nazionale delle bevande analcoliche (SNBR), che rappresenta oltre l’80% del mercato francese di questo settore, in valore e in volume. Per capire meglio basta dire che  tra gli aderenti ci sono: Coca-Cola Services France, Coca-Cola Entreprise, Orangina-Schweppes France, Pepsico France e Refresco France.

 

La riduzione del contenuto di zucchero non riguarda le singole bibite ma il loro tasso medio complessivo. Tuttavia, i comunicati delle due parti che hanno siglato l’accordo non forniscono un’informazione precisa su quanto manca al raggiungimento dell’obiettivo di ridurre lo zucchero del  5%. Nel comunicato dei produttori, si dice che dal 2006 a oggi la riduzione è stata del 12% ed è quindi plausibile pensare che l’accordo, più che annunciare un impegno per l’immediato futuro, registri un risultato già praticamente conseguito. Nell’accordo c’è l’impegno a non fare pubblicità delle bibite analcoliche in televisione o in Internet, quando l’audience è rappresentata, per oltre il 35%, da bambini fino ai 12 anni. Anche in questo caso non sembra trattarsi di una novità. Infatti, già nel 2011 Coca-Cola France e Coca-Cola Enterprise si erano impegnate a non fare alcuna azione di marketing rivolta ai minori di 12 anni.

 

Beniamino Bonardi

© Riproduzione riservata

Foto: iStockphoto.com

sostieniProva2

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Close up shot of an young successful man farmer is controlling with his hands at the moment harvested corn grains in a agricultural silo.

Nel 2100 dovremo produrre l’80% di calorie in più per sfamare 11 miliardi di persone. Lo studio pubblicato su PLoS One

Siamo sempre di più, e siamo anche più alti e più grassi. Ciò significa che …

Un commento

  1. Avatar

    Sempre da lodare iniziative volte a ridurre il contenuto di zuccheri, di base eccessivo nelle bibite, ma mi chiedo quanto sia utile in realtà: quando leggo che un bicchiere grande di coca cola contiene l’equivalente di 3 cucchiaini e mezzo di zucchero, togliere quel 5% cosa cambia?