Home / Nutrizione / Obesità dei ragazzi e videogiochi: restare per ore davanti al computer stimola la fame. L`aumento di peso non dipende solo dalla sedentarietà

Obesità dei ragazzi e videogiochi: restare per ore davanti al computer stimola la fame. L`aumento di peso non dipende solo dalla sedentarietà

L’uso di videogiochi è collegato a un aumento del peso che può sfociare nell’obesità. Per spiegare questa liaison dangereuse sono stati tirati in ballo, di volta in volta, le abitudini sedentarie – stazionare di fronte a un monitor non favorisce certo l’attività fisica -, le pubblicità più o meno occulte di cibo spazzatura, l’impoverimento delle relazioni sociali e molto altro.

Finora, però, non era stato mai dimostrato con chiarezza che i videogame di per se stessi facessero mangiare di più: che ci sia cioè un rapporto di causa-effetto tra l’amore per il gioco virtuale e l’accumulo di peso.

Per capirlo, un team di ricercatori canadesi e danesi ha condotto alcuni test specifici su 22 diciassettenni, abituali utilizzatori dei giochi virtuali. I partecipanti sono stati invitati a non mangiare nulla dopo cena, a dormire e, il mattino successivo, a presentarsi nel centro di ricerca, dove hanno ricevuto tutti la stessa colazione normale, alle otto.

Alle dieci e mezza sono stati suddivisi in due gruppi: uno di controllo, invitato a non fare nulla di particolare per un’ora, e un altro chiamato a giocare per lo stesso periodo di tempo. Nel frattempo, ai ragazzi sono stati fatti prelievi di sangue ogni dieci minuti, esami sul consumo di calorie e poste domande sull’appetito, per misurare parametri fisologici come la quantità di zuccheri nel sangue, l’attività dell’insulina, le calorie assunte, il senso si fame e quello di sazietà, il dispendio energetico e altro ancora.

Al termine, tutti hanno avuto libero accesso a pietanze varie, tra le quali la pasta. L’eperimento è stato ripetuto in due occasioni.

Come hanno riferito gli autori sull’American Journal of Clinical Nutrition (www.ajcn.org/content/93/6/1196), i dati hanno mostrato che chi gioca consuma più energia (21 calorie all’ora in più rispetto ai ragazzi del gruppo di controllo), ma poi assume anche 80 calorie in più, anche se afferma di non avere più fame rispetto agli altri. Il bilancio finale è risultato quindi a sfavore di chi ha passato due ore col videogioco, che in media ha incamerato 163 chilocalorie in più rispetto a chi non ha giocato.

Naturalmente, hanno sottolineato gi autori, questo è solo un primo passo verso la comprensione di un fenomeno che resta poco chiaro: non si capisce infatti perché, pur non provando particolari stimoli a mangiare, i giocatori di fatto assumano più calorie. Non solo: i test effettuati descrivono ciò che accade in seguito a brevi sedute di gioco, ma quello che sarebbe davvero utile, al fine di programmare strategie efficaci, sarebbe capire che cosa accade in chi gioca abitualmente, magari per diverse ore al giorno.

 

Agnese Codignola

foto: Photos.con

 

Avatar

Guarda qui

coca cola bevande gassate bibite zuccherate

Bevande zuccherate, calano i grandi consumatori negli Stati Uniti, soprattutto tra i bambini. I dati raccolti tra il 2003 e il 2016

Gli americani stanno lentamente imparando a bere un po’ meno bevande zuccherate, dopo molti anni …