; Vaccino anti covid effetti avversi. Indagine su 1.081 persone
Home / Coronavirus / Vaccino anti covid effetti avversi. Indagine su 1.081 persone, pochi disturbi spariti dopo 24 ore

Vaccino anti covid effetti avversi. Indagine su 1.081 persone, pochi disturbi spariti dopo 24 ore

Vaccino anti covidSono disponibili i dati dei primi mille operatori sanitari che hanno aderito al monitoraggio, promosso dall’Università la Sapienza di Roma e dall’AOU Policlinico Umberto I per analizzare il tipo di riposta alla somministrazione del vaccino anti covid. A un mese dalla seconda dose di Pfizer-Biontech, emerge chiaramente il dato che gli eventi avversi dopo la somministrazione sono di scarsa o nulla rilevanza clinica. “Il monitoraggio clinico post vaccinazione – sottolinea la rettrice Antonella Polimeni – rappresenta una fase importante della ricerca medica e i risultati dell’indagine che stiamo conducendo sono estremamente incoraggianti”.

A oggi sono stati reclutati per lo studio 1081 soggetti, di età compresa tra 24 e 69 anni, di cui il 64% donne. Il 53,7 % dei soggetti non ha presentato nessun evento avverso dopo la vaccinazione. Il 46,3% ha riportato eventi avversi lievi che sono iniziati dopo circa 12 ore e che, nella maggioranza dei casi, sono scomparsi dopo 24 ore. Gli effetti avversi più comuni sono stati: dolore all’arto sede dell’inoculazione, sintomi similinfluenzali con o senza febbre e linfoadenopatie. Meno frequentemente sono stati registrati manifestazioni dermatologiche, (orticaria, eritema, angioedema), manifestazioni oculari (arrossamento congiuntivale, prurito) e sintomi gastrointestinali (nausea, diarrea, dolori addominali). Il dato più rilevante è che gli eventi avversi percepiti come severi (sincope, dolore toracico, difficoltà deambulatorie, cardiopalmo, stato confusionale) si sono verificati solamente nell’1,2% dei vaccinati e in nessun caso è stato necessario ricorrere al ricovero.

Lo studio prosegue e conta di coinvolgere circa 10.000 soggetti per valutare la risposta anticorpale nei soggetti a cui è stato somministrato il vaccino anti covid e analizzare le associazioni del tipo di riposta con variabili importanti come l’età, il sesso, la presenza di comorbidità e le condizioni socioeconomiche.

© Riproduzione riservata. Foto: Stock.adobe.com

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

Roberto La Pira

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Mascherine FFP2 secondo la rivista francese Que choisir sono riutilizzabili dopo il lavaggio in lavatrice

I consumatori  adottano sempre più maschere FFP2 per la protezione dal Sars- Cov-2 quando sono giro o …

2 Commenti

  1. Avatar

    Indagine molto ottimista secondo me.
    Fatto ieri vaccino AstraZeneca insieme a molti altri colleghi. Non si è salvato nessuno. Tutti mostravano sintomi di vario tipo. Certo c’è chi ha avuto anche effetti lievi, però qualcosa l’ha avuta. Stessa cosa nei turni prima

  2. Avatar

    Fatto Pfizer, entrambe le volte solo un lieve fastidio al braccio il giorno successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *