Home / Etichette & Prodotti / Al supermercato comprereste due uova sode sgusciate pronte da mangiare al prezzo di 1,00 €?

Al supermercato comprereste due uova sode sgusciate pronte da mangiare al prezzo di 1,00 €?

Uova sode Al supermercato comprereste una confezione composta da due uova sode sgusciate pronte da servire a tavola? Le risposte in redazione sono state molto diverse. Alberto e Marzia hanno detto subito sì e proposto la ricetta : due uova, una busta di insalata pronta,  una scatoletta di mais e una di tonno il tutto condito con extra vergine di oliva e aceto balsamico e un gelato artigianale dopo cena. A Elena l’acquisto sembra uno spreco, perché cuocere e sgusciare un uovo è una cosa che chiunque è in grado di fare. Secondo Giulio il prodotto è interessante ma non per lui  che le uova le preleva dal pollaio della nonna. Chi ha ragione?

Uova sode Le naturelle
Le uova sode sgusciate arrivano al supermercato

Da un punto di vista più tecnico l’uovo sgusciato può sembrare una novità strabiliante, ma in realtà assomiglia molto alle insalate in busta. Si tratta di uova fresche (categoria A) di galline italiane allevate a terra, senza additivi e con la possibilità di tenerle in frigorifero oltre un mese grazie al confezionamento in atmosfera protettiva. Una volta aperta la confezione le  uova vanno però consumate entro 48 ore.  L’ultimo elemento da esaminare è il prezzo 1 € a confezione, poco più del doppio rispetto alle uova crude. L’azienda non ha voluto dire dove saranno in vendita anche se la distribuzione dovrebbe essere garantita presso le principali catene di supermercati. Un’ultima cosa,  le uova  sode sgusciate sono un’idea della stessa azienda che qualche anno fa ha proposto le uova in confezione spray da spruzzare in padella per preparare la frittata. A voi sembra una buona idea? Le mettereste nel carrello della spesa?

 

© Riproduzione riservata

Se ti è piaciuto questo articolo sostieni Il Fatto Alimentare

sostieni il fatto alimetnare

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

  Sara Rossi

Sara Rossi
giornalista redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Two pretty female sisters go shopping together, stands in grocer`s shop, select fresh milk in paper container, read label, carry rucksacks, have serious expressions. People and commerce concept

L’assurda proposta italiana dell’origine di tutti gli ingredienti obbligatoria in etichetta bocciata da Bruxelles

L’origine di tutti gli ingredienti in etichetta? Non si può fare. Come era stato ampiamente …

12 Commenti

  1. Io personalmente non acquisto alimenti pre-cotti, anche se lavoro ce la metto tutta per cucinare partendo dal fresco che è sempre la cosa migliore. Certo l’idea, per chi ha poco tempo o per chi deve portare il pasto al lavoro, non è male. Mi viene da dire che è proprio “l’uovo di Colombo”.
    Quindi no, non lo comprerei ma è una buona idea!

  2. Negli Stati Uniti sono molto comuni ed effettivamente sono comode per il pasto al lavoro. Buona idea anche per me!

  3. ottimo prodotto e ottimo prezzo

  4. Bella idea! Ottimo il prodotto (le uova sono un alimento ad elevato valore biologico nutrizionale per il profilo proteico aminoacidico e come fonte di fosfolipidi e lecitina, meglio cotte che crude) e ottimo chiaramente il prezzo! Probabilmente la forma proposta può incentivarne il consumo a tutto vantaggio e della filiera di produzione e del consumatore anche quando dovesse stare attento all’alimentazione per patologie cardiovascolari (1-2 uova a settimana sono consentite anche ai dislipidemici).

  5. L’idea potrà ancora essere interessante, resta da vedere l’impatto dell’imballaggio.
    Al supermercato è possibile comprare uova sciolte da riporre nel proprio imballo di cartone riciclato.

  6. Le ho viste in vendita ieri, ho osservato meglio perchè mi sembrava strano fossero già sode. Personalmente non le acquisterei mai perchè preferisco scegliere il tipo di uova, la freschezza e il grado di cottura (mai con l’anello verdognolo intorno al tuorlo). Qualche anno fa anche la latteria nella mia via (di antico stampo) le vendeva già rassodate: vuol dire che a qualcuno può far comodo.

  7. Concordo, è una buona idea. E magari si hanno meno sprechi.
    In una confezione da sei uova è più probabile che vada a scadenza almeno un uovo. Due uova sode direi che è un pasto e non vi dovrebbero essere sprechi.

  8. Non avrei dubbi, le comprerei di certo. Già adesso il pranzo quando sono al lavoro è fatto necessariamente con prodotti confezionati: e più sono semplici e meglio è. Quindi meglio un’insalata in busta da abbinare ad un uovo sodo precotto rispetto a cibi più elaborati e quindi più ricchi di additivi.

  9. Io le comprerei ma non a quel prezzo. Sono troppo care ad 1 euro. Con un prezzo inferiore le comprerei.

  10. non le comprerei . mi piace pensare al zero waste come cosa a cui puntare e credo che cuocere un uova sia ancora qualcosa che possiamo cimentarci a fare per quel poco tempo che richiede. non mi fido inoltre di ciò che è scritto sulla confezione , allevate a terra ,1 euro con imballaggio e tutto non mi torna ..
    il prezzo è troppo basso e l’imballaggio è uno spreco di carta plastica e inchiostro .

  11. Io proibirei la commercializzazione di questo tipo di “idee” dove l’imballaggio è uno spreco esagerato.
    Chi lo compra non è capace neppure di sbucciare un uovo sodo?