Home / Etichette & Prodotti / Una bufala le nuove etichette dell’olio extravergine di oliva

Una bufala le nuove etichette dell’olio extravergine di oliva

caraffa olio extravergine di oliva pomodori foglieTutti sono soddisfatti per la decisione dell’Ue di mettere sull’etichetta l’origine dell’olio extravergine di oliva, anche se in realtà si tratta di una mezza bufala, perché la normativa è  troppo generica. Si potrà scrivere sulla bottiglia “100% olio  italiano” che però risulta talmente generica da essere inutile, visto che non attesta nessuna qualità. È un po’ come scrivere su una bottiglia di vino “100% italiano”!

Le altre diciture sull’origine sono altrettanto generiche. Si potrà scrivere:

  • “Olio ottenuto da miscela di oli d’oliva comunitari” per il prodotto proveniente da paesi dell’unione europea.
  • “Miscele di oli d’oliva non comunitari” quando la materia arriva da paesi  come la Tunisia o il Marocco.
  • “Miscela di oli d’oliva comunitari e non comunitari” per quelli misti ricavati da olive raccolte in Tunisia , Marocco e Spagna, Grecia e anche in Italia.

In compenso cominceranno ad esserci sul mercato miscele di olio extravergine e di olio di semi anche se risulta  molto difficile stabilire le quantità.

L’unica soluzione per conoscere l’origine è comprare olio Dop e per selezionare quello migliore leggere sull’etichetta il profilo sensoriale oppure orientarsi su quelli a a bassa acidità . Un altro modo per scegliere vebe  è di assaggiare l’olio come si fa con il vino. Poi guardare anche l’origine.

© Riproduzione riservata

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

No alla censura per i burger, le polpette e la salsicce vegetali. La risposta dei gruppi pro-veg alla campagna di Copa Cogeca

Si accende lo scontro sulla denominazione dei prodotti a base vegetale che ricordano la carne …