Home / Etichette & Prodotti / Una bufala le nuove etichette dell’olio extravergine di oliva

Una bufala le nuove etichette dell’olio extravergine di oliva

caraffa olio extravergine di oliva pomodori foglieTutti sono soddisfatti per la decisione dell’Ue di mettere sull’etichetta l’origine dell’olio extravergine di oliva, anche se in realtà si tratta di una mezza bufala, perché la normativa è  troppo generica. Si potrà scrivere sulla bottiglia “100% olio  italiano” che però risulta talmente generica da essere inutile, visto che non attesta nessuna qualità. È un po’ come scrivere su una bottiglia di vino “100% italiano”!

Le altre diciture sull’origine sono altrettanto generiche. Si potrà scrivere:

  • “Olio ottenuto da miscela di oli d’oliva comunitari” per il prodotto proveniente da paesi dell’unione europea.
  • “Miscele di oli d’oliva non comunitari” quando la materia arriva da paesi  come la Tunisia o il Marocco.
  • “Miscela di oli d’oliva comunitari e non comunitari” per quelli misti ricavati da olive raccolte in Tunisia , Marocco e Spagna, Grecia e anche in Italia.

In compenso cominceranno ad esserci sul mercato miscele di olio extravergine e di olio di semi anche se risulta  molto difficile stabilire le quantità.

L’unica soluzione per conoscere l’origine è comprare olio Dop e per selezionare quello migliore leggere sull’etichetta il profilo sensoriale oppure orientarsi su quelli a a bassa acidità . Un altro modo per scegliere vebe  è di assaggiare l’olio come si fa con il vino. Poi guardare anche l’origine.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

pan di stelle biscocrema

La guerra dei biscotti continua: in arrivo a gennaio Biscocrema Pan di Stelle. La risposta di Barilla ai Nutella Biscuits

È una lotta all’ultimo sangue, quella tra Barilla e Ferrero. A meno di un mese …